India: un seminario di 4 giorni del PGVR per gli animatori vocazionali della Provincia di Bangalore

0
87

Perché avere un ministero di promozione vocazionale?

La promozione vocazionale è una priorità fondamentale per noi Redentoristi. La maggior parte di noi non sarebbe entrata in seminario o non avrebbe impegnato la propria vita nella Congregazione redentorista se non fosse stato per l’aiuto di uno o due confratelli che ci hanno aiutato a passare dallo stato di vita laicale alla vita consacrata. Molti confratelli assumono volentieri il compito di promuovere le vocazioni, senza una nomina ufficiale, semplicemente perché hanno un amore per la Congregazione e un profondo apprezzamento per il dono della vocazione che Dio ha affidato loro.

Ogni Redentorista è chiamato a essere un promotore vocazionale. Tuttavia, per evitare che il lavoro di tutti diventi il lavoro di nessuno, è utile avere promotori vocazionali nominati e formati a questo ministero. Per raggiungere questo obiettivo, dal 15 al 17 aprile 2024 si è tenuto a NSK Bangalore un seminario per gli animatori vocazionali della provincia, in occasione del Giubileo d’argento del Pastorale Giovanile e Vocazionale Redentorista (PGVR) nella provincia.

GIORNO 1: La promozione vocazionale come esperienza nella Provincia e nella famiglia cattolica

Al workshop hanno partecipato 12 confratelli in rappresentanza delle Zone Missionarie Nord, Nord Est, Kerala, Karnataka e Tamil Nadu. Al workshop hanno partecipato due rappresentanti delle Suore Missionarie della Madre del Perpetuo Soccorso, Sr. Sangeetha e Sr. Jesintha, MPS; e un rappresentante dei nostri partner laici in formazione – il signor J. Sylvester. Padre Louis Christopher, del Consiglio provinciale straordinario, ha celebrato la Messa inaugurale esortando i presenti a rimanere impegnati in questa missione essenziale anche se l’apprezzamento o i risultati sono difficili da ottenere.

Nella sessione pomeridiana, i coniugi Jimmy e Kimberly Xavier, che guidano un movimento laico di successo chiamato Famiglie Missionarie di Cristo (MFC) in India, hanno parlato all’assemblea del loro punto di vista su ciò che rende i giovani di oggi esitanti o entusiasti di scegliere la vita consacrata come vocazione. In qualità di laici cattolici sposati impegnati nel ministero dei giovani, hanno condiviso preziose intuizioni sulla realtà delle famiglie più piccole, sugli atteggiamenti negativi nei confronti della Chiesa, sulla scarsa testimonianza di alcuni chierici, sulla difficoltà di scegliere il sacerdozio o la vita consacrata se non viene chiarita la loro distinzione dalla vocazione laicale e sul fatto che molte promesse di prosperità materiale e di comodità della vita postmoderna impediscono ai giovani di aspirare a una vita di servizio e sacrificio per il Regno di Dio. La loro intuizione è stata che se non passiamo del tempo con i giovani per conoscere loro e le loro famiglie, ci sono poche possibilità che qualcuno di loro prenda anche solo in considerazione la possibilità di una vocazione come Redentorista. Hanno invitato i Redentoristi a collaborare con la MFC ogni volta che organizzano i loro eventi giovanili nazionali, in modo che i loro giovani possano considerare la possibilità di una vocazione alla vita redentorista. A conclusione della giornata, P. A P Rajan CSsR ha dato ai promotori vocazionali 20 ispirazioni bibliche per guidare la loro missione.

GIORNO 2: Lo scenario attuale nella Provincia e tra i giovani

Il secondo giorno è stato dedicato all’analisi dello scenario giovanile nella nostra Provincia, in modo da poter pianificare i nostri interventi in modo più aderente alla realtà. In primo luogo, don Sanjay Kujur CSsR, presidente del PGVR di Bangalore, ha presentato le statistiche dei membri della congregazione secondo l’ultima relazione presentata dal P. Provinciale Edward Joseph CSsR al XVIII Capitolo Provinciale. Ha mostrato come l’età media dei confratelli della Provincia stia aumentando e il numero di nuove vocazioni non sia costante. Anche il tasso di abbandono dei candidati non è molto incoraggiante.

Successivamente, padre Dheeraj Adarsh D’Souza, SJ, direttore del pre-noviziato e delle vocazioni della Provincia dei Gesuiti di Karnataka, ci ha parlato delle sfide e delle opportunità per la promozione vocazionale nel nostro tempo. La vita dei giovani è caratterizzata dalla tensione tra gli impegni nel mondo reale e nel mondo virtuale, dall’aumento della disoccupazione, dal crescente divario tra ricchi e poveri, dagli scontri causati dai fondamentalismi politici e religiosi, dalla crescente disparità tra la religione politicizzata e la vera religione, e dall’incapacità di navigare tra le relazioni umane reali regolando le proprie emozioni in modo sano. Inoltre, ci sono sfide che derivano dalla realtà stessa della famiglia cattolica moderna. Anche nei centri urbani e semi-urbani dell’India, notiamo famiglie nucleari con pochi figli, stili di vita attraenti presentati ai giovani attraverso i moderni gadget, pressione della vita lavorativa dei genitori e della vita accademica competitiva dei figli che lasciano poco o niente tempo per la preghiera in famiglia, tutti i membri della famiglia sembrano lottare per un sano equilibrio tra lavoro e vita privata. Inoltre, all’interno della famiglia, il materialismo, le dipendenze e le liti tra i genitori lasciano i giovani con pochi modelli di ruolo fedeli e virtuosi nella loro vita. In questo scenario, dobbiamo valutare quanto la preghiera e la catechesi abbiano avuto un’influenza formativa nel cammino vocazionale dei giovani che si mostrano interessati a unirsi a noi. Dobbiamo valutare fino a che punto il candidato ha avuto modelli positivi che rappresentano la Chiesa nella sua vita. Riconoscendo che le vocazioni sono un dono di Dio, è importante recuperare la pratica della preghiera per le vocazioni e della ricerca delle vocazioni. La nostra risorsa gesuita ha sottolineato l’importanza di essere proattivi riguardo alle vocazioni, di creare una cultura vocazionale, di utilizzare i media per la promozione vocazionale, i programmi di discernimento e la messaggistica mirata per le varie generazioni (Millennials, Gen Z, ecc.). Inoltre, p. Dheeraj ci ha dato suggerimenti sull’appello ispirativo, l’appello intellettuale, l’appello visibile, l’appello emotivo, l’appello spirituale e sociale che i nostri sforzi di promozione vocazionale devono avere. Ogni volta e ovunque siamo impegnati nel ministero redentorista verso i giovani, sia nel mondo reale che in quello virtuale, tra i poveri o i benestanti, dobbiamo essere sensibili al lavoro di promozione delle vocazioni.

GIORNO 3: Motivazioni degli animatori vocazionali, potenziali candidati e pianificazione del futuro

L’ultimo giorno, suor Jeya Soosai, MSI, delle Suore Missionarie dell’Immacolata, ha condiviso il segreto della promozione di oltre cento vocazioni nella sua congregazione religiosa. Il segreto spirituale del suo fenomenale successo in questo ministero è stata la sua disponibilità ad andare in luoghi lontani, il suo contatto con le famiglie dei potenziali candidati e il suo genuino amore cristico per i giovani interessati, indipendentemente dal fatto che restassero o meno nella sua congregazione. Quest’ultimo punto è stato degno di nota: suor Jeya amava i candidati come fine in sé, piuttosto che come mezzo per far crescere la sua congregazione, ispirando così molti di loro a diventare religiosi come lei.

Nella seconda sessione della giornata, ho condiviso un quadro antropologico per il discernimento delle motivazioni dei candidati con cui gli animatori vocazionali entrano in contatto. Si trattava di notare che spesso c’è una naturale e umana dissonanza tra l’ideale di sé percepito dalle candidate e gli ideali istituzionali della Congregazione. Il mio punto di vista era che, come promotori vocazionali, dobbiamo resistere alla tentazione di considerarci semplicemente il primo punto di contatto tra il candidato e la Congregazione. Dobbiamo invece vederci come testimoni e guide spirituali che accompagnano il giovane per almeno un anno prima che decida, insieme a noi, di entrare in seminario. Questo contrasta con la prassi attuale di inviare subito in seminario i giovani o i ragazzi delle scuole superiori, dopo aver incontrato il candidato per la prima volta, solo uno o due mesi prima del suo ingresso nelle fasi iniziali della formazione.

Durante l’incontro, i confratelli hanno avuto anche l’opportunità di porre domande sul lavoro svolto dal segretariato del PGVR sia a livello di Provincia che nelle diverse Zone di Missione. Il piano d’azione alla fine dell’incontro è stato quello di organizzare incontri online a livello di Zone di Missione per pianificare, preventivare ed eseguire piani di promozione vocazionale più concretamente in ogni Zona.

P. Sandeep Menezes, CSsR
Segretario per le vocazioni
Provincia di Bangalore