Corso di Spiritualità Redentorista, un’esperienza sacra!

0
896

Il pellegrinaggio è un’esperienza sacra che si trova in tutte le religioni e le culture. Sta camminando lungo la via della fede con l’obiettivo di ricerca del divino e valorizzare il dono ricevuto da Dio. Proprio come il viaggio dei pellegrini in direzione di un santuario invisibile, noi, i Redentoristi, raggiunto le diverse parti della nostra congregazione, abbiamo avuto l’opportunità di visitare un po’ della nostra storia.

Un piccolo e entusiasta gruppo di 23 redentoristi da varie unità di tutto il mondo come: Nigeria, Bangalore, Liguori, Baltimora, Sud Africa, Africa occidentale, Indonesia, Majella, Asia, Oceania e il Kenya, sotto la guida dei nostri confratelli Rev. P. Pietro, cssr e il Rev. P. George, cssr, siamo incontrati con la missione speciale de visitare alcune destinazioni da noi importante, per lo studio e la riflessione sulla spiritualità. La convinzione che “la spiritualità è qualcosa che unisce tutta la congregazione” è qualcosa di particolare importanza per la nostra missione. Le preghiere del mattino e la celebrazione eucaristica, all’inizio di ogni giornata, ha offerto a ciascuno di noi la capacità di capire che abbiamo bisogno di solidarietà e formare la nostra routine quotidiana, indipendentemente da dove eravamo ospitato.

La mattina del 26 giugno 2017, il nostro superiore generale Rev. P. Michael Brehl, cssr, insieme con i suoi consultori, ha inaugurato il corso di spiritualità presso il Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso, con una significativa celebrazione eucaristica. In questo stesso luogo ché l’icona originale della Madonna del Perpetuo Soccorso, venerata dai fedeli. Per questo, iniziare il nostro corso in questo santuario era molto speciale e ci ha portato grande gioia. Siamo stati a Roma per tre giorni, il mercoledì siamo stati nell’udienza in Vaticano. E ‘stato un vero piacere vedere il nostro Papa Francesco molto vicino a tutti noi. Dato il numero di persone che riescono ad avere nella piazza San Pietro con lui, è stata un’esperienza gioiosa.

Il 29 giugno, siamo andati a Scifelli che è un villaggio dove i Redentoristi hanno stabilito una fondazione nel 1773. E l’interessante che era dove il primo capitolo generale si è stato realizzato nel 1785, dopo lo scisma. Siamo stato a Monte Cassino, dove un’esperienza sconcertante ci aspettava, come abbiamo trascorso una notte intera nel luogo di sepoltura di San Benedetto osservando i monaci pregando e cantando salmi.

Il nostro viaggio ha continuato a Sant’Agata, dove San Alfonso fu vescovo nel corso del periodo 1762-1775. Anche come vescovo, ha scelto un piccolo spazio di vita e ha adottato uno stile di vita semplice. La stanza era modesta testimonianza della sua semplicità e ci ha incoraggiato a imitare il nostro fondatore. Abbiamo anche visitato la comunità delle monache redentoriste. Siamo stati toccati dalla semplice, eppure la vita gioiosa delle suore.
La nostra prossima destinazione era Materdomini, che era un luogo prediletto dal nostro San Gerardo. Questa piccola città ha un albergo di proprietà dei Redentoristi e sono gestite dai laici nella località. L’ospitalità del personale è stato notevole e la presenza di una comunità redentorista è importante. Un gran numero di cattolici di tutto il mondo con la credenza nei poteri miracolosi di San Gerardo, patrono delle mamme, bambini malati e le loro famiglie, affollano il posto alla ricerca di sua intercessione. Materdomini ora è un grande santuario e la devozione a San Gerardo è estremamente popolare nel Sud Italia. Ci sentiamo come un gruppo fortunato di essere lì per quattro giorni e testimoniare la devozione del popolo. Stiamo anche benedetti di trascorrere del tempo in preghiera in questo santuario.

P. Siluvai Muthu, C.Ss.R

(Traduzione: Michael Dourado, CSsR)

Print Friendly, PDF & Email