La depressione ai tempi del Coronavirus

0
144

Non è affatto strano, che in questo periodo di Coronavirus, gli stati depressivi, o depressione, siano aumentati. È un’altra “corona di spine” che si aggiunge a questa sindrome dichiarata dall’OMS la malattia del 21 ° secolo.

Ci soffermeremo, in questa breve esposizione, su quella che viene chiamata “depressione esogena”, cioè quando lo stato depressivo si manifesta a seguito di un evento negativo nell’esperienza dell’individuo.

Nel nostro caso, il COVID 19 è apparso quando meno ce lo aspettavamo e ci ha divorato lentamente giorni, mesi e, quasi, anni della nostra attività relazionale e  lavorativa. Quindi compaiono i sintomi fisici di mal di testa, diarrea o costipazione, senso di oppressione al petto, al collo o alla testa, stanchezza e affaticamento, ecc.; o i sintomi mentali di ansia, perdita di memoria, tristezza, confusione, apatia, scoraggiamento, ecc.; o altre strane manifestazioni come sonnolenza durante il giorno, svegliarsi in stato di ansia nel cuore della notte, voglia di non alzarsi la mattina, perdita di appetito, paura che “sarò io il prossimo infettato dal virus”, diminuzione della nostra capacità di decidere, idee di disprezzo o che questa vita non ne valga la pena, ecc.

Non è il caso di analizzare l’origine psicologica, medica o psichiatrica della depressione, ma piuttosto l’incidenza che, mesi di reclusione, uso obbligatorio di misure di bio-sicurezza (mascherina, lavaggio delle mani, distanza dagli altri) e tempi di reclusione prolungati, hanno prodotto nel nostro benessere psicologico e il nostro stato d’animo e offrire alcune misure psicologiche e religiose di facile pratica, per controllare, fermare e, si spera, sopprimere quelle manifestazioni negative.

Metto a vostra disposizione, brevemente, una semplice terapia che può aiutarci psicologicamente e spiritualmente a diventare persone “resilienti” che attingono dal più intimo del loro essere le energie psichiche e spirituali che possono mantenerci sulla via dell’ottimismo e della speranza.

1. Dalla fine del secolo scorso, il “comportamentismo” e la “psicologia positiva” avevano offerto, per casi simili, la terapia denominata “Triade dell’autocontrollo” o TAC. È facile e se la pratichiamo spesso ci darà risultati magnifici. Vediamo. Ogni volta che è presente uno stato di depressione, la persona dice “Ferma!” (o Stop!), fai un respiro profondo e poi immagina una scena piacevole. Diamo un’occhiata alla tecnica più dettagliatamente:

Smetti di pensare: quando la persona avverte uno di questi stati depressivi, chiudere gli occhi, unire l’indice e il pollice della mano destra e ripetere la parola forte Stop! Farlo 3 volte. A poco a poco si acquisirà l’abitudine di fermare pensieri o sentimenti depressivi e “si condizionerà” l’unione dell’indice e del pollice a quella sensazione di controllo; se si è in grado di ripetere quell’azione, senza che nessuno se ne accorga, quando abbiamo bisogno di controllarci e sentirci meglio in una circostanza della vita reale.

Esercizio di rilassamento della respirazione. Alla persona viene insegnato a chiudere gli occhi e respirare profondamente (diaframmaticamente): a “inspirare” profondamente l’aria e poi a “espirare” lentamente l’aria. Ripetiamo l’esercizio più volte. Questo è un ottimo modo per rilassarsi.

Immagina una scena di rinforzo. Alla persona viene insegnato a usare la propria immaginazione e ad immaginare in dettaglio un’esperienza passata consolidante e piacevole che ha vissuto: una spiaggia con la brezza marina, una bella vista dalla cima di una montagna, un senso di pace in un bosco, un grande gioia in un momento di felicità. La persona dovrebbe continuare a godersi quell’esperienza passata per alcuni secondi.

Se i 3 passaggi precedenti vengono uniti, la persona imparerà a condizionare positivamente i momenti negativi o depressivi e a trasformarli in positivi e di rinforzo. È una questione di esercizio e interesse.

2. Poiché siamo credenti e religiosi, abbiamo anche un’altra tecnica meravigliosa ed è la pratica della famosa frase di sant’Agostino: “Dio è più intimo del mio intimo”.

Questa è una meravigliosa esperienza spirituale, perché attraverso il Battesimo siamo “Tempio dello Spirito Santo” e Dio abita nel profondo del nostro essere. Possiamo ricordare,  che sempre comunichiamo con Lui, che siamo “Cristóforos” e che portiamo il Signore nel nostro intimo essere, e che Egli ci ama, ci perdona, ci dà il meglio del suo amore, ci tiene misericordiosamente per mano e che “nessuno dei nostri capelli cadrà senza la sua divina Volontà”. L’unica cosa che il Signore sa fare è amare, fare del bene, perdonare, rafforzare la nostra debole umanità, così da realizzarci in tutte le nostre potenzialità.

Possiamo quindi utilizzare la tecnica di cui sopra di “inspirazione / espirazione”, aggiungendo ad essa l’elemento spirituale chiamato “Preghiera del cuore” o “Preghiera del pellegrino russo”. Quando inspiriamo dolcemente, pronunciamo la frase “Signore Gesù, Figlio del Dio vivente”, e quando espiriamo o esaliamo l’aria, diciamo “Abbi pietà di me”. Facciamolo per circa tre volte lentamente. Quindi ripetiamo la prima fase, quella del respirare l’aria, senza modificarla; ma nella seconda possiamo variare e chiedere per le persone, eventi o desideri, facendolo sempre brevemente; per esempio, dicendo: “Abbi pietà di mia madre malata”. Non si tratta di fare lunghe preghiere, ma brevi dichiarazioni perché il Signore conosce già i nostri bisogni.

Facciamo in modo che queste terapie siano parte della nostra vita, in modo che ci servano non solo in tempi di pandemia, ma che le possiamo usare anche ogni volta che siamo negativi o quando i problemi difficili ci molestano.

ll “TAC” è uno strumento ottimo in altri comportamenti disadattivi: eccesso di cibo, alcolismo, uso di droghe, fantasie sessuali, scoppi di rabbia, ecc. E la “presenza di Dio nel nostro essere più intimo” è più di un dogma: è la certezza che Dio ci ama perché siamo la creatura più meravigliosa e straordinaria che ha creato, il suo capolavoro che non fallirà mai.

A cura di: Padre José Rafael Prada Ramírez, C.Ss.R.
Dottore in Psicologia Clinica

redentoristasdecolombia.com

Print Friendly, PDF & Email