Nuovi areopagi di evangelizzazione nel sesto continente

0
567

“Ti rendo una luce per le nazioni affinché la mia salvezza raggiunga le estremità della terra” (Atti 13, 47)

In questo mondo in cui si pretende di fare il passo verso la postmodernità, ci troviamo di fronte a nuove sfide, di diversa natura e ampiezza. Non solo a livello sociale, economico, politico e culturale, ma anche a livello religioso, soprattutto perché in questi momenti in cui si tracciano nuove vie dopo gli eventi pandemici che hanno afflitto la nostra umanità, è necessario confrontarsi con la nostra realtà, sapere che è urgente migrare verso un sesto continente, assumendosi così le grandi sfide di questa nuova era. La realtà è avversa, ma non impossibile per chi ama e si è impegnato ad estendere il Regno di Dio a tutti i confini dell’umanità. (Atti 1.8)

Certamente, il compito di evangelizzare è una sfida che abbiamo incontrato nel corso della storia della Chiesa, che implica coraggio, creatività e parresia ispirata dallo Spirito Santo. Incontriamo eventi dolorosi; fatti che ci inducono a pensare al grande amore e passione che avevano i cristiani dei tempi passati, poiché non implicava solo ore di cammino, giorni senza mangiare, maltrattamenti o prediche ben fondate, ma il loro duro lavoro li ha persino portati a dare la vita, proprio come fece Gesù Cristo stesso.

San Paolo, uno dei grandi propagatori del cristianesimo, è una testimonianza latente dell'annuncio esplicito della parola nei “nuovi areopagi”, appassionato annunciatore del Dio sconosciuto a molti, ed è proprio oggi che ci troviamo di fronte a questo sesto continente digitale, questi nuovi areopagi, scandalo per molti, divertimento per altri e per tanti altri, un luogo preciso per annunciare il messaggio di speranza e redenzione di Gesù Cristo che ci ha detto "Andate per il mondo e proclamate la Buona Novella a tutta la creazione "(Marco 16:15) Tale è il comando del Signore, che fa ardere molti cuori, sentendosi impegnati in questo annuncio kerygmatico attraverso le nuove piattaforme digitali, che ci mettono in contatto con migliaia e milioni di persone bisognose del Dio dell'amore e della misericordia senza misura.
Date queste premesse, è importante sottolineare cosa comporta questa nuova missione, poiché l'evangelizzazione digitale è una sfida che implica tempo, audacia creativa, ma soprattutto esperienza di Dio; soprattutto dal Dio di Gesù, che comunica misericordia e abbondante redenzione. Intorno a questo, Papa Francesco ci dice che “una sfida” è fare “scoprire, anche attraverso i mezzi della comunicazione sociale, oltre agli incontri personali, la bellezza di tutto ciò che costituisce il fondamento del nostro viaggio e della nostra vita, la bellezza della fede, la bellezza dell'incontro con Cristo”.[1] Pertanto, il compito che abbiamo come evangelizzatori di questa nuova era è creare circoli virtuali di fede viva, dove c'è una mistica privilegiata dell'esperienza di Cristo, che accompagna ed è in mezzo al nostro popolo ferito e assetato d'amore, empatia, pace, solidarietà, inclusione, compassione e tanti altri valori che rendono presente il Regno di Dio.

Partendo da quanto sopra, abbiamo voluto dare alcuni piccoli contributi pastorali, che aiutano ad una maggiore evangelizzazione in diversi aspetti, come la casa, la comunità religiosa, il lavoro, gli studi e il settore in cui operiamo. Questi contributi non sono solo per la formulazione di un programma o uno spazio di protagonismo personale, ma dobbiamo trascendere per avere un incontro personale con Cristo, fare un gioco della doppia interiorità e interattività[2]

Pertanto, in un primo momento dobbiamo aprirci alle possibilità che, da casa, facciamo brevi video di esperienze e del vissuto di ciò che Dio ha fatto nella nostra vita, in modo da poterlo condividere con tante persone che stanno vivendo la sofferenza e il nostro contributo può collaborare al loro benessere, dobbiamo prendere l’iniziativa ed essere promotori della missione. In secondo luogo, visualizzare le nuove tecnologie, applicazioni e dare loro un’utilità cristiana, c’è un grande bombardamento di messaggi negativi e siamo noi che dobbiamo dare il rimbalzo di un’evangelizzazione virtuale. Facebook, Instagram, Tiktok, Kwai, tra gli altri, sono alcune App che aiutano con piccole capsule di argomenti di evangelizzazione proposti da ciascuno. Qualcosa di interessante che può rafforzare la diffusione del vangelo è la realizzazione di piccoli podcast, cioè brevi audio con messaggi significativi che rafforzano la vita cristiana e la parola di Dio nel nostro ambiente.  

La missione e l’evangelizzazione non è compito solo dei sacerdoti, religiosi e religiose, è compito personale di ogni battezzato. Non si tratta più solo di “usare” strumenti di comunicazione, ma di vivere in una cultura ampiamente digitalizzata, che incide profondamente sulla nozione di tempo e spazio, la percezione di sé, degli altri e del mondo, il modo di comunicare, informarsi, mettersi in contatto con gli altri.[3] Non si tratta solo di prendere una borsa e partire per un viaggio; ai nostri giorni possiamo viaggiare per il mondo con una visione unificata della tecnologia del sesto continente digitale. Continuiamo quindi a partecipare a tutti gli aspetti religiosi che ci vengono donati nella virtualità e partecipiamo a molti progetti missionari da casa nostra.  

Senza dubbio, l’era digitale è arrivata; Il nostro mondo continua a fare passi da gigante verso la postmodernità, è immerso nel cosiddetto Sesto Continente, le domande sarebbero: siamo disponibili e aperti alla nuova missione che il Signore ci ha affidato? Siamo disposti a uscire dalla nostra zona di comfort per annunciare il messaggio in modo innovativo e creativo? Assumiamo davvero la missione di Cristo e della Chiesa di fronte a nuove realtà? Possa lo Spirito Santo e la nostra Madre del Perpetuo Soccorso guidare i nostri processi di evangelizzazione in questo mondo ferito.  

I novizi redentoristi Juan Luis Rivera Arellano e Jhonny William Vargas Vargas
Provincia del Messico / Vice-Provincia di Caracas


[1] (Francisco, 2013) Discurso del Santo Padre Francisco a los participantes en la Asamblea Plenaria del Consejo Pontificio para las Comunicaciones Sociales.

[2] (Spadaro, 2014) Pensar el cristianismo en tiempos de la red

[3] (Francisco, 2019) Exhortación Apostólica Postsinodal Christus Vivit del Santo Padre Francisco a los jóvenes y a todo el pueblo de Dios. El ambiente digital (86. «El ambiente digital caracteriza el mundo contemporáneo. Amplias franjas de la humanidad están inmersas en él de manera ordinaria y continua).

Referencias Bibliográficas

Francisco, P. (2019). Christus Vivit. Vaticano: San Pablo.
Francisco, P. (2018). Gaudete Et Exsultate. Vaticano: San Pablo.
http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_coun-cils/pccs/documents/rc_pc_pccs_doc_20020228_ethics-internet_sp.html
Spadaro, A. (2014). Ciberteologia: Pensar el cristianismo en tiempos de la red. . Barcelona: Herder.

Print Friendly, PDF & Email