Pastorale con i migranti adolescenti

0
149

I Redentoristi prestano servizio a circa 2.000 ragazzi adolescenti che hanno attraversato il confine messicano non accompagnati da adulti e sono stati trasferiti al Freeman Coliseum di San Antonio. Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani sta supervisionando i soccorsi umanitari, con l’assistenza della Catholic Charities. Gli adolescenti, di età compresa tra 13 e 17 anni, dovrebbero rimanere al Freeman Coliseum fino alla fine di maggio. Sono in corso sforzi per metterli in contatto con i parenti che vivono in questo paese.

“Purtroppo, molti giovani stanno arrivando qui, solo per ritrovarsi separati dai loro fratelli senza alcuna idea di dove vengano mandati loro, o le loro sorelle e fratelli”, ha spiegato p. Mike Houston della provincia di Baltimora, che presta servizio presso la parrocchia di St. Gerard. Lui e altri confratelli della parrocchia e della casa del teologato hanno visitato gli adolescenti, di età compresa tra 13 e 17 anni, che dovrebbero rimanere a San Antonio fino alla fine di maggio. Secondo p. Mike, circa il 20% degli adolescenti è risultato positivo al COVID-19 e risiede in una struttura separata. Gli adolescenti vengono controllati quotidianamente; personale e volontari vengono controllati ogni tre giorni.

“Catholic Charities è stata determinante negli sforzi di soccorso. La loro dedizione e compassione per i migranti non può essere sottovalutata”, ha detto p. Mike. All’arrivo, i ragazzi ricevono un abbigliamento adeguato e un badge identificativo. Hanno accesso a tre pasti al giorno, più uno spuntino. Centinaia – forse migliaia – di lettini militari sono sistemati ordinatamente per far dormire i ragazzi, ciascuno con un cuscino e delle coperte. Gruppi di circa 50 adolescenti sono assegnati a rimanere in aree specifiche chiamate “pod” che sono supervisionate dal personale HHS. Gli adolescenti non sono autorizzati a vagare liberamente al di fuori della loro area designata.

“È incredibile quello che possono fare alcuni giochi dei vecchi tempi, un mazzo di carte e un pallone da calcio per aiutare i bambini a divertirsi. Trovo questi ragazzi davvero fantastici! Ho parlato con centinaia di loro e non ho mai incontrato nessuno di loro che considererei potenzialmente problematico. Sono tutti gentili e rispettosi. E sono sempre molto grati per l’aiuto che stanno ricevendo. Molti sono credenti e sono profondamente devoti. I bambini spesso mi chiedono: “Ehi padre, celebreranno la messa per noi?” E amano assolutamente a Nostra Signora di Guadalupe “, ha detto.

I volontari hanno donato diverse statue di Nostra Signora di Guadalupe e migliaia di biglietti di preghiera. “Antonio, uno dei direttori della Catholic Charities, mi ha detto di essere rimasto sbalordito nel vedere un folto gruppo di ragazzi inginocchiarsi in silenzio sul pavimento di cemento e pregare davanti alla Madonna. Lo ha portato alle lacrime”, continua a dire p. Mike. “Mentre lo ascoltavo, ho visto diversi ragazzi rannicchiati attorno al tavolo con la statua, raccogliendo rosari, Bibbie e altri articoli religiosi che erano stati lasciati per loro. Quando ho notato la portata della loro fede, ho osservato: “C’è il futuro della Chiesa!” E questo mi dà speranza per il nostro futuro. Questi ragazzi hanno un amore così profondo per Dio e la Madonna. Hanno perso tutto, ma non hanno ancora rinunciato a Dio. Lo trovo davvero sorprendente e stimolante.”

P. Mike si aspetta che la recente ondata di migranti influenzi la demografia della nazione; città e parrocchie possono vedere un’esplosione di ispanici, molti dei quali sono emarginati. “Questo creerà un enorme bisogno di sacerdoti e religiosi di lingua spagnola. Spero e prego che venga discusso a lungo durante il prossimo Capitolo Generale. Questa grande esigenza presenterà alla nostra Congregazione la meravigliosa opportunità per il ministero nel vero spirito del nostro carisma redentorista. Potrebbe anche essere un momento veramente storico per la nostra Congregazione”, ha detto. “Molte persone hanno paura di queste persone che arrivano dal Centro e dal Sud America. È importante per noi ricordare che queste persone non vengono qui perché non hanno niente di meglio da fare. Sono qui perché sono disperati e sperano di trovare una vita migliore e più sicura per se stessi e per i loro figli. Mi danno una grande speranza per il futuro della Chiesa nel nostro Paese. Siamo pronti e disponibili a rispondere a questa crisi? E, in tal caso, fino a che punto siamo disposti a fare qualcosa per queste persone? “

(Denverlink Update 23.04.2021)

Print Friendly, PDF & Email