Miguel de Haro CSsR: “Il popolo haitiano deve riprendere la sua dignità di popolo”

0
154

Padre Miguel de Haro, missionario redentorista spagnolo alla guida della ONG “Acoger y Compartir” che gestisce alcuni progetti ad Haiti, è impegnato in questo periodo a costruire una piccola dispensa sociale a Les Anglais, nel sud del paese. In un colloquio con Scala News, padre Miguel descrive la situazione nel paese caraibico, che conosce da tempo, in modo speciale adesso dopo l’assassinato del presidente Moïse.
“La gente vive nella paura, secondo le informazioni che mi arrivano da Haiti, perché nell’isola sono continuati gli omicidi anche nella capitale, Port au Prince. Le bande armate agiscono per creare e provocare paura, e ci riescono. Questo spinge al caos sociale e politico con il rischio dell’anarchia. Dinanzi a questo scenario, gli Organismi Internazionali, come ONU, OEA, UE, premono per ottenere un consenso, un accordo politico, fra i partiti e le istituzioni. Concretamente fra Claude Joseph e il nuovo candidato alla Presidenza, Ariel Henry. Secondo le ultime notizie, quest’ultimo ha avuto il riconoscimento di Joseph per guidare il paese, questo aiuta a creare un clima più tranquillo anche per i funerali del Presidente Moïse, il prossimo 23 luglio. Si tratta di un importante passo avanti per la ricostruzione del paese, ma non rappresenta certo la soluzione”.
Per il missionario la soluzione non può essere rappresentata dalle elezioni gestite, come in passato, dai soliti gruppi politici che ormai mancano di credibilità. “Non basta fare le elezioni tanto per farle – sottolinea -, bisogna che tutta la popolazione abbia un documento valido per poter svolgere elezioni chiare e giuste. Non bisogna nemmeno chiedere l’intervento degli organismi internazionali per controllare lo svolgimento del voto, ma bisogna fare un lavoro previo. Bisogna dare fiducia al popolo, perché ogni haitiano riesca ad avere un documento e possa partecipare realmente al voto”.

Padre Miguel de Haro

Come secondo punto, padre Miguel ritiene necessario verificare che i candidati non abbiano contatti con il narcotraffico o con qualsiasi tipo di corruzione. “Qui, penso, potrebbe partecipare direttamente la Chiesa, segnalando candidati giovani e non corrotti, per riuscire così a fare un cambio generazionale dei leader della politica haitiana. Bisogna proporre candidati con senso etico, con qualità umane, che siano formati per proporre la trasformazione necessaria al paese. Solo così la gente potrà ritrovare la fiducia e andare a votare, e le elezioni saranno realmente rappresentative”.

Riguardo alla situazione attuale, il missionario ribadisce che “è molto difficile, non c’è stabilità economica e neanche sicurezza. Bisogna cambiare l’idea che l’unica via di uscita sia la violenza, piuttosto occorre proporre il dialogo, il rispetto, la solidarietà. Il popolo haitiano deve riprendere la sua dignità di popolo. Una proposta che ritengo potrebbe dare fiducia al popolo e sarebbe parte della soluzione, è fare dei controlli sui soldi che riceve qualsiasi organismo per aiutare Haiti. Tante donazioni infatti sono sparite o perché è intervenuto lo stato o perché non è stato realizzato quanto promesso. E’ necessario che questi controlli siano pubblici e trasparenti.”
Su questo argomento padre Miguel ribadisce l’importanza di controllare e di rendere conto del denaro investito in modo pubblico, senza considerare se la ONG in esame sia sponsorizzata da personaggi famosi o politici in vista. “In questo ambito – prosegue – potrebbe essere di aiuto la Chiesa, che come istituzione ha il riconoscimento del popolo, quindi potrebbe chiedere di fare i controlli. Non interessa perdere eventuali privilegi o presentarsi come una realtà scomoda, ma sarebbe un modo di fare missione, riconoscere cioè che non bastano le parole ma occorrono i fatti”.
Ci sono tante voci in circolazione sui politici haitiani, secondo cui questi hanno rapporti con il crimine organizzato, direttamente o in modo indiretto. “Fino a quando questa situazione continua, non ci sarà un futuro diverso per il popolo” sottolinea il missionario, che auspica: “la Chiesa dovrebbe parlare in modo profetico e dire ad alta voce ai politici di non giocare con la fame dei poveri, perché sono loro a pagare le conseguenze della fame e della disperazione”.
“Ho fiducia nei giovani haitiani – conclude padre Miguel – che amano il loro Paese e vogliono un futuro diverso, più etico e più solidale per tutti coloro che da troppo tempo subiscono l’arroganza di una minoranza”.

Print Friendly, PDF & Email