Eventi di gioia e di consacrazione in Madagascar

0
231

Grande festa in Madagascar per il fine settimana da venerdì 20 a domenica 22 agosto. Si è cominciato con una celebrazione nella parrocchia di Alasora (Antananarivo), con la testimonianza dei giovani redentoristi ammessi alla professione perpetua e al ministero ordinato, alla presenza delle famiglie dei festeggiati e dei fedeli provenienti dalle varie parrocchie della Vice Provincia. È stato un momento molto bello, a cui i neo professi si erano preparati con un mese ricco di preghiera e di riflessioni sulla vita religiosa apostolica.

Il secondo momento ha avuto luogo nel pomeriggio del sabato 21, nella stessa chiesa di Saint Laurent ad Alasora: durante l’eucarestia presieduta da Monsignor Rosario Vella, vescovo di Moramanga, sedici giovani (tredici coristi e tre fratelli) hanno emesso la professione religiosa con voti perpetui nelle mani del superiore Vice Provinciale P. Germain Rabefanivana.

Infine, domenica 22 agosto, presso il liceo Saint Gerard di Andempona (Antananarivo), è iniziata una solenne celebrazione durante la quale tredici studenti sono stati ordinati diaconi e tre diaconi sono stati ordinati presbiteri: l’eucarestia era presieduta da Monsignor Odon Marie Arsène Razanakolona, Arcivescovo di Antananarivo, con la partecipazione di Monsignor Vella e di tanti preti e religiosi, oltre che di numerosissimi fedeli provenienti dai vari distretti  del Madagascar. Ovviamente anche la gran parte dei Redentoristi malgasci era presente nella circostanza, per un evento eccezionale quanto gioioso. La tradizione malgascia improntata a solidarietà e festosità ha avuto modo di esprimersi durante la lunga celebrazione.

Solo l’azione di grazie eucaristica poteva esprimere degnamente la gratitudine della Chiesa e della Congregazione di fronte a una tale fioritura di vocazioni missionarie, traguardo importante di una storia iniziata nel 1967 con l’arrivo dei primi Redentoristi dalla Provincia Napoletana.

È stata oltremodo significativa anche una singolare coincidenza: proprio la sera di domenica 22 agosto partiva per un ritorno definitivo in Italia dall’Isola de la Réunion (dove ha sede una delle comunità della Vice Provincia del Madagascar) il p. Vincenzo Sparavigna, che fu uno dei primi due Missionari Redentoristi sbarcati nell’Isola Rossa (l’altro era p. Luigi Pentangelo). A ottantacinque anni di età, cinquantaquattro dei quali dedicati al servizio della Copiosa Redemptio, in un certo senso p. Vincenzo passava il testimone ai Redentoristi malgasci. Anche questa coincidenza era occasione per ringraziare il Signore per aver dato ai confratelli coraggio e perseveranza: ma anche un appello per un servizio sempre più generoso, e un futuro degno di una storia così bella.

Germain Rabefanivana cssr

Print Friendly, PDF & Email