I seminaristi redentoristi si sono offerti volontari per servire i pazienti covid-19

0
82

(Saigon, Vietnam) Nel pomeriggio del 6 settembre 2021, tre seminaristi redentoristi che si sono uniti al Gruppo Religiosi Volontari dell’Arcidiocesi di Saigon per servire presso l’Ospedale da Campo sono tornati al teologato. Sono stati accolti con gioia dai formatori e da tutti i fratelli. Questo è stato davvero un ritorno significativo perché, nell’ultimo mese, questi Redentoristi hanno avuto l’opportunità di servire i pazienti covid-19 e condividere con loro l’esperienza dolorosa in mezzo alla pandemia. Oltre alla gioia di tornare a casa, attraverso la breve riflessione dei 3 fratelli sul lavoro di volontariato, i formatori e gli studenti hanno anche sentito, in una certa misura, il dolore che i pazienti hanno dovuto attraversare. Questo li spinge ad aumentare le loro preghiere, chiedendo a Dio di respingere rapidamente la pandemia e portare la pace a tutti.

Grazie a Dio e a Nostra Madre del Perpetuo Soccorso per aver mantenuto sani e salvi i nostri confratelli Redentoristi. Possano le esperienze che hanno avuto nell’ospedale da campo alimentare lo zelo dei missionari redentoristi affinché possano diventare testimoni della Redenzione in mezzo a questo mondo ferito.

Come riportato nel precedente articolo, rispondendo all’invito dell’Arcivescovo Joseph Nguyen Nang nella Lettera pastorale del 27 luglio 2021: “Che ogni persona sia strumento della misericordia di Dio, sia labbra, mani e piedi di Dio, per servire i nostri fratelli feriti e sorelle”, il Teologato di Sant’Alfonso della Provincia Redentorista del Vietnam ha inviato 9 fratelli ad unirsi al Gruppo Religiosi Volontari (in 2 lotti). Inoltre, presso il Teologato, insieme all’Ufficio Pastorale Redentorista, quasi 20 fratelli hanno formato un gruppo di volontariato per fornire beni di prima necessità alle persone svantaggiate, in particolare quelle degli altopiani centrali (appartiene a gruppi etnici minori come Jarai, Bana, K’Ho …) vivono a Saigon, Long An, Binh Duong, Dong Nai. Secondo le prime statistiche, al 5 settembre 2021 hanno acquistato e consegnato: oltre 50 tonnellate di riso, oltre 7.000 bottiglie di olio da cucina, 6.000 bottiglie di salsa di soia, 4.200 bottiglie di salsa di pesce, oltre 35 tonnellate di verdure, oltre 200 cartoni di latte, oltre 1.500 polli, 2.800 cartoni di pasta (30 pacchi), 95 cartoni di pasta (100 pacchi), oltre 16 quintali di pesce essiccato, oltre 5 quintali di limoni, oltre 2,5 quintali di citronella. È vero come ha detto l’arcivescovo Joseph: “Le vostre possibilità sono solo “cinque pani e due pesci, ma mentre condividiamo, il Signore stesso farà la moltiplicazione”.

Oltre a quei seminaristi redentoristi del Teologato di Sant’Alfonso che partecipano al Gruppo Religioso Volontariato dell’Arcidiocesi di Saigon, ci sono almeno altri 3 Redentoristi e 1 diacono in alcune altre comunità come Saigon, Tay Ninh e Hanoi che partecipano anche a diversi gruppi di volontariato per aiutare le vittime del covid con molte forme come: servizio all’ospedale da campo, partecipazione a gruppi di sostegno spirituale, consulenza, benedizione dei defunti.

Il Vietnam sta attraversando i tempi duri delle ondate di contagi e del lockdown in questi giorni. Per favore, pregate per noi!

Ban Văn hoá e Duc Trung Vu, C.Ss.R.

Print Friendly, PDF & Email