Pastorale di emergenza a BONN in azione dopo le alluvioni

0
167
credit: H.Traub/pixabay.com

(Bonn, Germania) Quasi sei settimane fa, la tempesta Bernd ha attraversato l’Europa occidentale, apportando inondazioni devastanti in alcune parti della Germania, specialmente nella parte occidentale.

Jürgen Langer e aiutanti nel centro di crisi temporaneo di Bonn

È mercoledì mattina, 28 luglio 2021. Nella Klemens-Hofbauer-Haus, proprio accanto al monastero redentorista di Bonn, padre Jürgen Langer è seduto a un grande tavolo e parla al telefono. Telefonare è una delle sue principali occupazioni in questi giorni. Durante il giorno, due o tre persone siedono nell’ufficio di coordinamento temporaneo della cappellania di emergenza di Bonn/Reno-Sieg, rispondendo alle chiamate e coordinando contemporaneamente fino a 14 cappellani di emergenza. Anche di notte c’è sempre una persona di guardia.

Il cappellano delle emergenze Diana era appena arrivata; una breve chiacchierata con padre Langer e un caffè, poi parte per Eicherscheidt. La città dista circa 30 km da Bonn.

La Pastorale d’Emergenza (NFS in tedesco) è attiva principalmente nelle località colpite di Bad Münstereifel e Swisttal. Nel frattempo, dopo l’alluvione, ci sono state circa 80 missioni. Padre Langer non ricorda operazioni di tale portata. Il centralino riceve avvisi dai centri di controllo delle emergenze e dall’équipe pastorale del decanato del distretto di Euskirchen, tra gli altri. Nelle missioni nell’area di crisi sono coinvolti in totale 26 cappellani per l’emergenza, tutti volontari tranne due.

“Il nostro team offre supporto alle persone nelle aree colpite in questa difficile situazione”, afferma Langer.

Le persone sono molto grate per l’aiuto, anche Diana lo vede. È in servizio a Eicherscheidt per la seconda volta. “Si rivolgono a noi con le loro preoccupazioni e bisogni, entro la fine della settimane ci sarà bisogno di pane”.

Anche padre Ludger Wolfert, superiore del monastero redentorista di Bonn, era in viaggio per la pastorale di emergenza. Era disponibile come interlocutore per le persone nella bella città di Ahrweiler. “Avere qualcuno che è pronto ad ascoltare la loro situazione delle persone colpite fa molto bene”, riferisce Wolfert. E’ riuscito anche ad ospitare un gruppo di 22 aiutanti, che avevano viaggiato appositamente da Berlino, presso il monastero di Bonn. “Questo gruppo è stato molto contento che la nostra casa abbia fornito loro la possibilità di alloggio.”

La cappellania di emergenza di Bonn/Rhine-Sieg continuerà ad essere disponibile per le persone colpite nelle prossime settimane. Hanno creato una hotline speciale.

di Benedict Schüller / Provincia di San Clemente

Print Friendly, PDF & Email