Abbiamo potuto vedere il volto di Gesù nei migranti

0
139

MESSICO: VOLONTARIATO UNIVERSITARIO REDENTORISTA

“Siamo fatti per dire al mondo che non ci sono forestieri” (Desmond Tutu)

Nell’ambito della Giornata Internazionale dei Migranti (18 dicembre 2021), i Missionari Redentoristi della Provincia del Messico, attraverso la PJVR, hanno realizzato la seconda esperienza di Volontariato Universitario Redentorista. I partecipanti erano 8 giovani, appartenenti ai gruppi giovanili delle nostre comunità di Veracruz, Puebla, Tlalpizáhuac e Irapuato. Sono María Fernanda Gómez, Liliana Ramos, David Ramos, Lizet De la Rosa, Andrea Coyopol, Nicolás De la Rosa, Sara Trejo ed Emmanuel García, hanno cominciato ad arrivare dal giorno 15 alla nostra comunità redentorista a San Luis Potosí e così abbiamo avuto l’opportunità di partecipare ai voti perpetui e al diaconato dei nostri confratelli Enrique e Urbano.

Per questo volontariato abbiamo il sostegno della Casa de la Caridad Hogar del Migrante, a San Luis Potosí, che dal 17 dicembre ci ha permesso di collaborare con le dinamiche quotidiane della casa, ci ha permesso di ascoltare le storie di decine di persone originarie provenienti da diversi paesi, Haiti, Africa, Honduras, Guatemala, El Salvador e Venezuela.

Dalle 17 alle 22 siamo stati presenti dalle 10:00 alle 18:00, durante quel periodo abbiamo collaborato in alcune attività essenziali intorno alla casa, tagliare le verdure per il pranzo, scaricare le donazioni di cibo che arrivavano dal centro di approvvigionamento e da alcune organizzazioni , selezionando i frutti che erano nelle migliori condizioni, confezionando confezioni di pannolini, latte in polvere e altre cose essenziali che venivano distribuite ai bambini più piccoli che erano in casa.

Tuttavia, una delle attività più importanti che abbiamo svolto è stata l’attenzione ai bambini che erano ospitati nella casa del migrante, in quel lavoro tutti i volontari hanno potuto entrare in contatto con il volto stesso di Gesù che si incarna nei più vulnerabili e invita impegnarci sempre di più nella costruzione del suo regno. Il numero delle persone ospitate all’interno della casa era di circa 250 persone di cui circa 60 minorenni.

I bambini e gli adulti che hanno abitato questa casa ci hanno permesso di sentire da vicino la realtà per cui decidono di intraprendere questo arduo percorso alla ricerca di una vita migliore, abbiamo potuto apprendere le storie di chi deve fuggire perché la sua vita è minacciata da cosche, che a causa dell’instabilità politica dei loro paesi di origine, hanno perso tutto e di coloro che, a causa delle condizioni climatiche, sono rimasti senza casa e senza i beni necessari per vivere. Ascoltiamo dalle loro stesse voci, a volte spezzate da sentimenti contrastanti, le storie di un percorso arduo, in cui hanno vissuto xenofobia, violenze, sono state vittime di aggressioni, rapimenti ed estorsioni.

Abbiamo potuto apprendere da vicino quanto sia necessario unire le forze affinché i nostri fratelli migranti possano avere più sostegno e attenzione ai loro bisogni, istituzioni come la Casa de la Caridad Hogar del Migrante si dedicano a fornire aiuti umanitari a migranti e rifugiati, Sono sopraffatti dal crescente flusso migratorio, dallo scarso sostegno delle istituzioni governative e dalle dure politiche migratorie imposte da Messico e Stati Uniti.

Fuori dalla casa del migrante, giorno dopo giorno, numerosi gruppi di persone cercano rifugio, tuttavia il numero di persone che già occupano la casa e che sono in attesa di espletare le procedure per regolarizzare il loro status di immigrato, rendono loro impossibile ricevere assistenza all’interno Da questa casa, come gruppo di volontari abbiamo potuto entrare in contatto con loro, abbiamo potuto conoscere le loro storie ei loro bisogni. Alla sera potevamo fare il caffè e prendere del pane che potevamo condividere con chi cercava di dormire resistendo al freddo.

Abbiamo potuto toccare con mano queste storie che ci hanno condiviso, hanno fatto crescere la nostra fede e riaffermare il nostro carisma redentorista, così che questa esperienza con i nostri fratelli migranti ha suscitato in noi un’enorme preoccupazione. Cosa possiamo fare perché il cammino dei nostri fratelli attraverso il nostro paese sia meno duro? Quali strutture possiamo generare affinché possano realizzare il loro sogno di una vita migliore?

Padre Jonathan Muñoz Aguas.
Fratello Jesús Roberto Ávalos Hernández.
Promotori vocazionali

Print Friendly, PDF & Email