Redentoristi e immigrati pregano per le strade

0
54
I membri del ministero ispanico danno il via alla loro processione per commemorare la National Migration Week pregando davanti alla parrocchia del Sacro Cuore di Gesù a Highlandtown il 22 settembre 2022. (Kevin J. Parks/CR Staff)

Gli immigrati ispanici alzano la voce di fronte alle avversità mentre pregano per le strade di Highlandtown

Quando Jesús Mena e la sua famiglia di sette persone non avevano un posto dove dormire a Usulutan, in El Salvador, si ritrovò disperatamente a fuggire e a cercare una vita migliore per i suoi figli.

Convinta che emigrare negli Stati Uniti avrebbe migliorato le condizioni di vita della sua famiglia, Mena ha lasciato tutto, compresi i suoi cinque figli, che ha lasciato alle cure della madre.

È arrivata a Baltimora nel 2005, sfuggendo alla povertà estrema ma non agli altri problemi che gli si sono presentati.

L’ostacolo più recente di Mena ha a che fare con il deterioramento della salute di sua madre, che alla fine ha portato alla sua morte. Prevedendo la morte della madre e l’assenza di un tutore legale che si prendesse cura dei suoi figli, Mena “ha fatto portare i suoi figli negli Stati Uniti, anche se con grande difficoltà.

Ancora addolorata per la recente perdita di sua madre e addolorata di non essere stata in grado di volare in El Salvador per seppellire sua madre a causa del suo status di immigrato, Mena ha preso una croce di legno e ha camminato “alla stazione dei migranti” per le strade di Baltimora occidentale il 22 settembre.

Era tra gli 80 cattolici ispanici, per lo più immigrati, che si sono recati dalla parrocchia del Sacro Cuore di Gesù a Highlandtown, dove Mena è una parrocchiana, a varie soste mentre trasportavano croci di legno, pregavano il viacrucis e riflettevano sulle testimonianze degli immigrati sul loro arrivo in un nuovo paese.

La processione è stata organizzata per aumentare la consapevolezza della Settimana Nazionale della Migrazione (“NMW”), che va dal 19 al 25 settembre di quest’anno e viene celebrata ogni anno dal 1980. La settimana culmina con la commemorazione in Vaticano della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, una data che cade sempre l’ultima domenica di settembre.

Il redentorista padre Alipio Flores, vicario pastorale della Pastorale del Sacro Cuore di Gesù e della Missione parrocchiale di San Patrizio a Fells Point, ha affermato che il principale ostacolo che gli immigrati locali devono affrontare è la mancanza di documentazione legale, che porta allo sfruttamento del lavoro e alla carenza di assicurazione sanitaria .

“Gli immigrati da queste parti sopportano qualsiasi cosa solo per mettere il cibo in tavola”, ha detto padre Flores. “Questo evento è un’opportunità per far sentire la nostra voce; in modo che le autorità e i civili riconoscano i nostri diritti”.

Il sacerdote redentorista, originario di Altiplano, Bolivia, ordinato sacerdote nella diocesi di Potosí, Bolivia, ha espresso la sua opinione anche sul recente incidente di Martha’s Vineyard, che ha suscitato indignazione tra molti migranti.

Il governatore della Florida Ron DeSantis ha pilotato due aerei pieni di immigrati ispanici dal Texas a Martha’s Vineyard, Massachusetts, dove i politici democratici spesso vanno in vacanza. Gli immigrati, per lo più venezuelani, sono arrivati ​​sull’isola il 14 settembre con la promessa di trovare lavoro e migliori opportunità di vita. Molti credono che questi siano stati ingannati dai politici per far parte di quella che alcuni hanno definito “un’acrobazia politica”.

“Il pover’uomo è colui che paga ingiustamente per la lotta tra i partiti politici”, ha detto padre Flores.

Héctor Gómez, parrocchiano della parrocchia Sagrado Corazón de Jesús e membro di spicco della “Pastoral Migratoria” nella sua parrocchia, ha affermato che gli immigrati cercano spesso consigli su come evitare la criminalità in città.

“Siamo noi, ispanici, gli obiettivi degli omicidi a Baltimora”, ha detto il nativo di Santa Barbara, in Honduras. “Spesso vediamo uccisioni di ispanici nelle strade”.

Non solo gli immigrati privi di documenti devono affrontare sfide, ma anche gli immigrati arrivati ​​legalmente.

José Guillermo Ramírez, originario di Esquipulas, Guatemala, e che presta servizio come grande cavaliere nel Consiglio dei Cavalieri di Colombo di San Giovanni Neumann al Sacro Cuore di Gesù, ha sperimentato il razzismo sul posto di lavoro.

È venuto legalmente negli Stati Uniti all’età di 17 anni per proseguire gli studi superiori e si è laureato all’Università della Virginia a Charlottesville, in Virginia. In seguito ha lavorato per la Loyola Maryland University di Baltimora come direttore della progettazione e costruzione del project management fino al suo pensionamento.

Ramírez ha detto che alcuni dei suoi subordinati caucasici hanno avuto difficoltà a lavorare per un “latino con accento” e ha fatto commenti razzisti che ha concluso dicendo: “Ci vediamo nelle risorse umane”.

Secondo Lía García, direttrice del ministero ispanico dell’arcidiocesi, gli immigrati sono ingiustamente interpretati come criminali.

“Solo fino a quando non ascolteremo le loro storie sul perché hanno lasciato i loro paesi d’origine, saremo in grado di riconoscere la dignità della persona umana in ogni migrante e rifugiato nel suo disperato bisogno”, ha affermato.

Mons. Bruce Lewandowski, C.Ss.R., Vescovo Ausiliare di Baltimora, ascolta le preghiere durante la Via Crucis in occasione della Settimana Nazionale della Migrazione a Highlandtown il 22 settembre 2022. (Kevin J. Parks/CR Staff)

Il vescovo ausiliare Bruce Lewandowski, C.Ss.R., vicario episcopale per i cattolici ispanici, ha affermato che la National Migration Week è un momento per onorare la vita di tutti coloro “che sono stati costretti a migrare o a rifugiarsi in una terra straniera”.

All’inizio della processione nel Sacro Cuore di Gesù, ha pregato per la pace nel mondo e perché tutte le potenze mondiali si rendessero conto che la guerra e il terrorismo non sono la soluzione ai conflitti politici.

“Attraversiamo questo via crucis per unirci in solidarietà con tutte le comunità e le persone che stanno vivendo la dura esperienza della migrazione e dell’asilo”, ha affermato Mons. Lewandowski, ex parroco del Sacro Cuore di Gesù, “che lasciano la loro terra e la loro famiglia per proteggere le loro vite e cercare condizioni di vita migliori in questo Paese”.

(September 23, 2022, By Priscila González de Doran
Special to the Catholic Review – catholicreview.org)

Print Friendly, PDF & Email