Il Cammino è vita e la vita è Cammino

0
256

Il viaggio: Percorrere il Cammino di Santiago
di p. Michael Brehl, C.Ss.R.

Come molti di voi ricorderanno, da tempo sognavo di percorrere il Cammino di Santiago, almeno quello medievale in Spagna. Questo è conosciuto come il “cammino francese” perché scende dai Pirenei francesi nella Navarra spagnola. In effetti, avevo in programma di percorrerlo nell’autunno del 2010, quando si è concluso il mio terzo mandato come Provinciale! Invece sono stato eletto a Roma e ho dovuto accantonare questi progetti per 13 anni!

Grazie alla generosa decisione del nostro ex Provinciale Charles Duval e del Coordinatore regionale Mark Miller, nel novembre 2022 ho potuto iniziare a pianificare questo pellegrinaggio nel maggio 2023! La mia eccitazione e il mio entusiasmo per la prospettiva di realizzare questo sogno erano anche accompagnati da una certa realistica apprensione, data la mia età e la mia resistenza fisica un po’ ridotta. Tuttavia, sono stato incoraggiato dalla famiglia e dai confratelli. Un confratello in Spagna, Alberto Eseverri, che era stato mio vicario generale a Roma, si è offerto di aiutarmi con la pianificazione, anche se le sue ginocchia malandate non gli consentivano di fare il viaggio con me.

Finalmente è arrivato il 2 maggio, il giorno della partenza per Madrid. Alberto mi aveva scritto che le sue ginocchia potevano iniziare il Cammino con me e poteva vedere come le ginocchia avrebbero retto. Avevo programmato di camminare per 417 km in un totale di 21 giorni e di portare con me tutto ciò che mi sarebbe servito per il viaggio in uno zaino.

Il 5 maggio ci siamo diretti a Pamplona per iniziare il Cammino. E così è iniziata una delle esperienze più belle della mia vita! Sebbene sognassi da tempo quest’avventura, essa ha superato ogni mia previsione. Mi ero preparato sia spiritualmente che fisicamente e mi aspettavo di essere sorpreso dalla grazia e dalla presenza di Dio mentre Alberto e io iniziavamo il nostro “viaggio di Emmaus” nel periodo pasquale. Dio ha superato ogni mia immaginazione! Avevamo programmato di arrivare a Santiago per il fine settimana di Pentecoste e siamo stati nutriti ogni giorno dalle liturgie e dalle letture pasquali – i viaggi di San Paolo e il Vangelo di Giovanni.

Ogni giorno abbiamo iniziato a camminare prima dell’alba, accompagnati dal canto degli uccelli del primo mattino e dalla luce crescente di un nuovo giorno che rivela l’incredibile bellezza della Spagna rurale in primavera. Abbiamo percorso in media 25 km al giorno, con molti saliscendi, attraversando le colline e alcune montagne del nord della Spagna, tra Navarra, Rioja, Castiglia, Leon, Bierzo e Galizia. Abbiamo camminato in media 6-7 ore al giorno. Dopo due ore, ci fermavamo per un caffè con latte e un croissant, poi altre due ore, una birra alla spina e uno spuntino, e infine arrivavamo alla nostra destinazione del giorno.

Abbiamo alloggiato in ostelli e “alberghi”, piccole locande, spesso con una buona cucina casalinga. Dopo una doccia e un breve riposo, andavamo a consumare il pasto principale della giornata in una locanda o in un bar del posto. In Spagna, il pasto principale è di solito tra le 14.00 e le 16.00, con una cena leggera alle 20.00 o alle 21.00. Nonostante mangiassimo molto bene ogni giorno, sono riuscito a perdere 2 chili nel corso del mese.

Nel tardo pomeriggio o nella prima serata, visitavamo la città o il villaggio locale e terminavamo la giornata con la Messa del Pellegrino nella chiesa parrocchiale e una cena molto leggera. Non solo abbiamo percorso circa 400 km sul Cammino “ufficiale”, ma abbiamo anche camminato per oltre 200 km esplorando le città e i villaggi lungo il percorso. Non abbiamo avuto problemi a dormire la notte!

Il Cammino è un’esperienza spirituale, culturale e fisica notevole. Fisicamente, il Cammino è molto impegnativo. Camminare per 6-7 ore al giorno con uno zaino di 7-8 chili e salire su pendenze significative seguite da brusche discese è un’esperienza fisica straordinaria. Come la corsa su lunga distanza, la fisicità stessa del Cammino libera la mente e apre nuovi orizzonti di sentimento, riflessione e conversazione.

Mi sono sentito incredibilmente vivo e presente a ciò che mi circondava e alle persone che abbiamo incontrato lungo il cammino. Ogni mattina alle 5.45, camminare nell’oscurità dell’ora che precede l’alba portando con me lo zaino, ascoltando il vibrante canto degli uccelli e guardando i primi raggi dell’alba illuminare i sentieri, i campi e i boschi, ha portato un’intensa sensazione di libertà, di vita e di gratitudine.

Il Cammino apre anche una porta su una straordinaria esperienza storica e culturale. Mi ha aiutato enormemente il fatto che ora so parlare spagnolo! Crescendo in una città moderna e multiculturale come Toronto, intraprendere il Cammino è stato quasi come viaggiare indietro nel tempo in un’altra epoca.

Visitare chiese, castelli e musei, molti dei quali risalenti all’XI e al XII secolo (e altri al XIV, XV e XVI secolo), mi ha fatto apprezzare maggiormente una storia e una cultura che ha contribuito a formare e plasmare gran parte del mondo occidentale. Siamo stati immersi in questa realtà.

Camminare attraverso villaggi di case in pietra, alcune delle quali millenarie, mangiare cibo locale proveniente da coltivazioni e ricette preparate da centinaia di anni e seguire gli stessi sentieri percorsi dai pellegrini per oltre mille anni è un’esperienza straordinaria.

Ma soprattutto il Cammino è un’esperienza spirituale. Abbiamo iniziato ogni giorno con la preghiera del mattino e abbiamo pregato spesso insieme durante il cammino. Come i discepoli sulla strada di Emmaus, abbiamo parlato di tutto ciò che è accaduto e abbiamo incontrato “estranei” con cui condividere le nostre esperienze.

Ogni giorno c’è stata un’esperienza o un incontro che ci ha sorpreso e riempito di gratitudine: l’incredibile bellezza dei campi e delle colline fiorite in primavera; l’incontro casuale con qualcuno che è stato profondamente toccato spiritualmente dal Cammino mentre si aspettava solo un’esperienza fisica impegnativa; l’incontro con una comunità L’Arche che camminava lentamente e fianco a fianco, aiutandosi a vicenda e piena di gioia. Ogni giorno si è concluso con la celebrazione dell’Eucaristia in circostanze molto diverse, dalle cattedrali alle cappelle e talvolta a un semplice tavolo in una stanza scarsamente arredata. La gratitudine era spesso il mio ultimo pensiero prima di addormentarmi, che non durava mai molto alla fine della giornata.

Il Cammino riguarda più il viaggio che la destinazione. Questo è emerso chiaramente all’inizio del nostro pellegrinaggio. Era come se la destinazione non avesse importanza, fino a quando non siamo arrivati a Santiago de Compostela e tanti sentimenti sono affiorati dal profondo: gioia e fatica, sollievo e nostalgia, speranza e desiderio, dolori e sofferenze… e soprattutto gratitudine e benedizione.

Il Cammino è vita, e la vita è Cammino. E attendo con ansia le prossime tappe e i prossimi passi di questo straordinario viaggio di Emmaus. Come abbiamo sentito spesso durante questo mese: “Ultreia!” Il familiare saluto del Cammino che significa semplicemente: “Avanti con coraggio!”. Un messaggio di speranza in questi tempi difficili…

Fonte: North American Conference of Redemptorists