“Siamo costernati, il bambino ucciso era un allievo della nostra scuola”, ha detto il padre redentorista Carlos Ronquillo a Mindanao

1
1058

Un bambino da una comunità tribale a Mindanao accende una candela durante una protesta a Manila lo scorso novembre. (Photo by Mark Saludes).

Un bambino vittima di un’ondata di violenza omicida contro indigeni di Mindanao. Aveva 15 anni, era membro della tribù Manobo ed è stato ucciso nella provincia filippina meridionale di Davao del Norte.

Alibando Tingkas è stato ucciso il 17 gennaio, diventando l’ultima vittima di una ondata di omicidi di indigeni nella regione meridionale di Mindanao negli ultimi mesi.
Secondo il gruppo per i diritti umani Karapatan, 28 bambini, 12 dei quali bambini indigeni, sono stati uccisi dal 2010, quando il governo ha cominciato a intensificare le operazioni militari nelle zone sospettate di essere covi di ribelli comunisti.
Le cifre che dettagliano il numero esatto di uccisioni della popolazione indigena nel corso degli ultimi mesi, sono molto scarsi, ma gruppi per i diritti sostengono che sono più di 140 persone coloro che sono state uccisi da quando l’attuale governo è salito al potere.
Tingkas, uno studente del terzo grado al Salugpongan Ta ‘Tanu Igkanogon Community Learning Center nel villaggio di Talaingod, stava camminando con due amici quando hanno incontrato i membri della Alamara, un gruppo paramilitare nella zona.
La Commissione per i Popoli Indigeni della Conferenza episcopale ha chiesto un’indagine immediata.
“Siamo addolorati per questo sfortunato evento e [la Commissione] estende le sue condoglianze alla famiglia della vittima,” ha dichiarato Tony Abuso, coordinatore della commissione episcopale.

I sentimenti di Abuso sono state riprese dai Redentoristi che hanno aiutato a finanziare la costruzione del Salugpongan Ta ‘Tanu Igkanogon Community Learning Center nel 2013 come parte della missione della Congregazione per contribuire a promuovere i diritti fondamentali delle popolazioni tribali attraverso l’educazione.
“Siamo costernati dai recenti avvenimenti soprattutto perché la vittima era un allievo della scuola che abbiamo costruito”, ha detto il padre redentorista Carlos Ronquillo.
Ronquillo ha detto che la recente uccisione sta creando “un’atmosfera di paura per fermare la scuola nel compito di offrire educazione alla comunità emarginata di Manobo”.
“L’uccisione di Tingkas dovrebbe essere risolto nel tempo più presto possibile”, ha detto il sacerdote.

da
ucanews.com

Print Friendly, PDF & Email

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here