“Chi è il mio prossimo?” Un film documentario sull’immigrazione di p. Charles Vijay C.Ss.R.

0
726

(Roma, Italia) – Padre Charles Vijay Kumar, C.Ss.R prepara un nuovo progetto cinematografico, un documentario che affronta una delle maggiori sfide del mondo moderno, “l’immigrazione”. Recentemente ha visitato Roma nell’ambito del suo progetto cinematografico “Chi è il mio prossimo?” E Scala News lo ha intervistato sul suo nuovo progetto. Padre Charles è un sacerdote redentorista, della provincia di Bangalore, in India. Ha completato i suoi studi in cinema e televisione nel 2017 a Los Angeles, negli Stati Uniti. Il documentario tratta le questioni sull’immigrazione, la risposta redentorista attraverso la pastorale con e sui migranti e la risposta della Chiesa in generale.

Padre Charles Vijay Kumar, CSsR

1. Prima di tutto, potresti presentarti e presentare il tuo lavoro nel campo del cinema?

Sono entrato a lavorare con i media qualche tempo fa e il mio obiettivo è quello di raccontare storie di fede e valori attraverso il cinema. Così ho iniziato a studiare film. Mi sono laureato alla Loyola Marymount University nel maggio 2017, con un MFA (Master of Fine Arts) in produzione cinematografica. Ho realizzato un breve film documentario sul traffico sessuale umano intitolato “Trafficked in the USA” come parte del mio programma cinematografico alla fine del 2015. Lo scopo del film era quello di rendere le persone consapevoli della situazione della tratta di esseri umani negli Stati Uniti e anche di educare persone su come riconoscere la questione della tratta di esseri umani e proteggere i propri figli e come potrebbero mobilitare gruppi per combattere il male del traffico di esseri umani negli Stati Uniti.
Il mio secondo progetto è stato un breve film narrativo dal titolo “Josh, un viaggio dentro”, presentato in anteprima al l’International Festival cinematografici per bambini a Hyderabad, in India. È una storia del viaggio di un giovane ragazzo verso la riconciliazione.

2. Cosa ti ha portato a lavorare sul tema dell’immigrazione?

Dopo la mia laurea, il Centro di Giustizia e Riconciliazione del CSJ della Loyola Marymount University di Los Angeles mi ha chiesto se potevo lavorare a un film documentario sull’immigrazione che potrebbe essere proiettato al loro simposio nel gennaio 2018. Poiché il tema dell’immigrazione è molto rilevante per noi Redentoristi, essendo una delle priorità pastorali della Congregazione, ho visto questa come un’opportunità per mettere insieme le mie capacità e la mia missione. Ho visto il potenziale di questa offerta come una storia molto redentorista.

3. Qual è lo scopo del progetto e cosa dobbiamo trarre dal film?

Lo scopo del film è quello di esplorare una risposta cattolica alla crisi dell’immigrazione. Stiamo cercando di farlo avvicinando l’argomento da tre prospettive diverse ma correlate.

A. La prospettiva degli immigrati: le storie degli immigrati costituisce la parte principale del film, le loro ragioni per trasferirsi, la loro esperienza di violenza, la loro situazione di povertà o miseria a causa delle calamità naturali, e la loro lotta in cerca di sicurezza e salvezza in terra straniera.

B. La seconda prospettiva riguarda le persone che rispondono alla crisi, attraverso le comunità ecclesiali o le organizzazioni senza scopo di lucro. Le storie dei missionari redentoristi attivamente coinvolti nel servizio alle comunità dei migranti.

C. La terza prospettiva è quella delle persone della stragrande maggioranza che non sono in grado di dare un senso alla situazione, in qualche modo minacciati dall’immigrazione e pongono resistenza a questa realtà.

4. Come Redentorista qual è stata la spinta iniziale che ti ha portato a realizzare questo film?

Per me, questa è la nostra missione. Come redentoristi, il nostro invito è di predicare la buona novella ai più abbandonati e come cineasta, questo è un’occasione per utilizzare questo potente strumento per condividere il messaggio evangelico di riconciliazione e pace. La storia degli immigrati è sicuramente la storia dei più abbandonati. Credo che raccontando la storia degli immigrati sto condividendo il messaggio evangelico di speranza e giustizia per il popolo e portando anche l’altra parte della società umana alla consapevolezza che siamo responsabili verso i nostri fratelli e sorelle, verso il nostro prossimo.

5. In questo processo, hai visitato molti paesi incontrando varie persone che sono lontane dalla loro patria. Durante le riprese hai potuto incontrare molti gruppi di persone, potresti condividere alcune di queste esperienze?

Il viaggio per realizzare questo film è iniziato con una storia particolare pubblicata a Denverlink (una newsletter della provincia di Denver). Era la storia di una famiglia di un immigrato senza documenti del Messico, con cinque meravigliosi bambini. Egli è stato prelevato dai poliziotti e poi tenuto in un centro di detenzione. La famiglia è stata assistita da p. Michael McAndrew CSsR, un Redentorista della provincia di Denver nel Mississippi, a Greenwood. Ha lavorato intensamente con la famiglia cercando di trovare aiuto legale e altro supporto nel tentativo di riunire la famiglia.

Ho filmato il cardinale Joseph Tobin C.Ss.R, dell’arcidiocesi di Newark, nel New Jersey. È una delle voci potenti in America e nella Chiesa a sostegno della protezione dei diritti degli immigrati. Ho passato quasi una settimana con lui a girare per il progetto.

Poi ho intervistato pochi immigrati nel Bronx, quelli presi in cura dalla cellula dell’immigrazione nella Chiesa dell’Immacolata Concezione, guidata dai Redentoristi. Poi ho girato a San Paolo, in Brasile, il lavoro dei Padri Scalabriniani per gli immigrati in America Latina. Abbiamo concluso le riprese negli Stati Uniti a Tucson, in Arizona, nello stato di confine con il Messico.

Ho scelto le Filippine per rappresentare la storia asiatica. Ho viaggiato a Manila, e con l’aiuto della cellula dell’immigrazione di Seelos presso il nostro Santuario a Baclaran, ho registrato il loro lavoro nella protezione dei diritti del lavoratore migrante, che sono diffusi in tutto il mondo.

In Italia, abbiamo girato a Schiavonea, una città costiera del sud Italia, una parrocchia gestita dai Redentoristi e a Venezia, insieme a p. Luigi C.Ss.R, il cappellano della comunità filippina a Venezia.

A Roma, abbiamo intervistato p. Michael Brehl, il Superiore Generale dei Redentoristi, per capire bene la prospettiva più ampia della missione della Congregazione al riguardo.

Abbiamo trattato la storia di un lavoratore immigrato dalle Filippine a Mosca, in Russia. Guardando al futuro, Sudafrica, India e Arabia Saudita sono ancora in programma nei prossimi mesi.

6. Come vedi questo progetto / film nel futuro e quale il risultato finale? Come vedi il ruolo della Congregazione nel lavoro con e per i migranti?

Come il mio precedente lavoro su Human Trafficking, vedo questo come uno strumento per aiutare la conversazione sull’immigrazione. Il gruppo destinatario nel mondo occidentale sanno che attirano molti immigrati.

Per noi come Redentorista, questo film servirebbe da specchio, con esempi dei nostri sforzi in questo ministero. Spero che questo possa essere utilizzato anche come risorsa per future discussioni e pianificazione.

Terzo come Chiesa, la nostra fede ci aiuta a vedere, che siamo tutti fratelli e sorelle in Cristo, tutti creati a immagine e somiglianza di Dio. Il senso della dignità umana datoci dalla morte e risurrezione di Gesù, deve essere protetto e condiviso soprattutto con i più abbandonati. Credo che questo film possa aiutare a capire il significato più profondo della domanda biblica dell’Avvocato a Gesù, “Chi è un buon prossimo?”

Padre Sanjay Tirkey, CSsR.

Il link del trailer su YouTube: https://youtu.be/YBMRS2XhEyg

Print Friendly, PDF & Email