Un artista che comunica col mondo ferito attraverso i colori

0
439

(Olanda) – Jan Haen è un sacerdote redentorista che sta facendo la differenza nella vita delle persone attraverso l’arte. Cosa rende P. Jan diverso è la sua filosofia nei confronti dell’arte. Non dipinge per la gente, ma con la gente. Secondo lui “l’arte è la lingua dell’Anima, l’arte in tutte le forme”. Sotto il motto “Dare colore alla vita”, Jan ha eseguito oltre 100 progetti di pittura murale a livello internazionale, in chiese, scuole, istituzioni sociali e altri luoghi. Al momento sta lavorando alla “Traduzione” della Bibbia, Vecchio e Nuovo Testamento in “fumetti”.

Padre Jan Haen, CSsR

Sebbene nato nel 1944 a Eindhoven, in Olanda, dovette trasferirsi in Sudafrica nel 1953 insieme ai suoi genitori. Mentre era in Sudafrica, trovò la sua vocazione alla vita religiosa e si unì ai redentoristi a Pretoria, in Sudafrica, nel 1956. Dopo aver terminato il Noviziato a Heathfield, nel Sud Africa, nel 1963, si trasferì a Hawkstone, in Inghilterra, per ulteriori studi dal 1964 al 1970. Fu ordinato sacerdote a Hawkstone il 31 agosto 1969. Jan studiò psicologia e storia dell’arte all’Università di Pretoria, in Sudafrica, dove in seguito servì come cappellano degli studenti dal 1970 al 1978. Fu anche il segretario della Conferenza dei Vescovi Cattolici del Sud Africa  a Pretoria durante il periodo 1974-1978. A causa del cambiamento in politica nel Sud Africa, fu espulso dal paese dal governo dell’apartheid nel 1978. Poi si unì alla Provincia di San Clemente. È stato un artista a progetto per la collaborazione con l’Art Projects International Foundation, Paesi Bassi dal 1995 al 2017.

“L’arte è sempre stata nella mia vita. Le opere di arte seria, come i progetti artistici che ho realizzato per le chiese, sono iniziate nel 1994”, afferma Jan Haen. “È successo quando sono stato in grado di tornare in Sud Africa dopo essere stato espulso nel 1978. Mi è stato chiesto da un confratello di dipingere una piccola chiesa. Ho preso l’iniziativa di dipingere la chiesa con i nativi del luogo. Per prima cosa, ho parlato con i parrocchiani e ho assegnato uno spazio alle pareti della chiesa per ciascuno di loro. Ho chiesto loro quale immagine biblica avrebbero voluto dipingere sul muro. Le risposte sono state molto interessanti. Secondo i loro interessi molto rapidamente ho disegnato una bozza di tutte le immagini che volevano vedere sul muro e ho chiesto loro di dipingere. Questo ha fatto una tale impressione che i miei confratelli mi hanno chiesto di tornare di nuovo e dopo un anno mi hanno dato altre due chiese da dipingere. Quello fu l’inizio di un serio progetto di pittura di chiese. Moltissimi di loro erano nelle località povere del Sud Africa. “Jan ha anche fatto molti progetti in Europa. È stato coinvolto in alcuni progetti sociali per persone che vivono in strada in Germania e in Inghilterra. C’è stato un certo numero di progetti che ha realizzato in Irlanda, Austria e Ucraina. Recentemente Haen ha realizzato numerosi ritratti dei santi redentoristi e beati.

La maggior parte dei suoi progetti artistici erano incentrati sulla gente povera. Ha dipinto nelle prigioni e nelle strade cercando di portare un po’ di colore nelle loro vite. L’atto stesso di coinvolgere le persone nella pittura ha dato loro così tanto appagamento nel processo. Discutono di arte, sviluppano scene d’arte e danno vita all’immaginazione mettendole sui muri. L’arte diventa la loro storia e trovano un po’ di colore nelle loro vite. Tutte le principali opere di Jan Haen sono pitture murali. Per lui, l’arte è un tentativo di ritrarre la storia di Cristo per tutti coloro che cercano Dio. Sebbene sia un missionario redentorista, considera l’arte visiva come suo campo di missione. Parlando della tradizione redentorista ha detto, “S. Alfonso e S. Gerardo erano artisti che cercavano di comunicare il messaggio del Vangelo con le persone del loro tempo. I loro dipinti di Cristo crocifisso erano grandi strumenti per predicare alla gente comune. Anche io sto cercando di raggiungere le persone ferite del nostro tempo con il dono dell’arte”.

Il momento della creazione è un momento di contemplazione per Jan Haen. “Quando dipingo (non quando faccio grandi progetti), è un’esperienza contemplativa per me. La contemplazione crea uno spazio per usare la nostra immaginazione. È un tempo meraviglioso di grazia”, afferma. “Dobbiamo essere aperti a nuovi modi per raggiungere le persone … dobbiamo essere creativi nella visualizzazione e nell’espressione … osare rompere le tradizioni”, ricorda Jan ai confratelli più giovani. Quando ha iniziato a lavorare in Sud Africa è stato molto cauto riguardo alla cultura e alla mentalità delle persone nei confronti dell’arte. Così ha sempre cercato di interpretare il Vangelo nella semantica africana dell’arte. Ecco perché ha sempre ritratto figure e forme africane mentre era in Sud Africa, così che le persone potessero identificarsi più facilmente con i personaggi della Bibbia.

Biju Madathikunnel, CSsR

Print Friendly, PDF & Email