Testimoni del Redentore nell’era digitale: Lettera del Superiore Generale

0
353

CONGREGATIO SS. REDEMPTORIS

 

28 giugno 2018

0000 109/2018

TESTIMONI DEL REDENTORE:

Solidali per la missione in un mondo ferito

Testimoni del Redentore nell’era digitale

Carissimi Confratelli, Sorelle, Laici Associati e amici,

Questa settimana, ricordiamo la testimonianza di cinque Beati Confratelli. Il beato Gennaro Sarnelli continua a chiamarci a vivere in solidarietà autentica e profetica con i più abbandonati e poveri – le nostre sorelle e fratelli feriti a cui siamo inviati. Era creativo nel suo ministero di evangelizzazione, esplorando nuove vie di comunicazione attraverso la pubblicazione di opuscoli e libri, così come attraverso la vicinanza alla gente, specialmente alle donne e ai bambini, così spesso sfruttati dalla tratta di esseri umani anche ai suoi tempi.

Duecento anni dopo, la testimonianza dei martiri ucraini non è meno creativa ed efficace. Attraverso la loro testimonianza ai fedeli in mezzo alla persecuzione e alla guerra hanno vissuto in autentica e profetica solidarietà con i loro fratelli e sorelle sofferenti per offrire speranza e forza. Hanno anche aperto la strada a metodi creativi di evangelizzazione attraverso la Chiesa clandestina, attraverso brevi pubblicazioni e attraverso la semplice predicazione.

Gennaro Sarnelli e i martiri ucraini sono autentici testimoni del Redentore le cui vite continuano a parlarci oggi sulla nostra chiamata a rivitalizzare e vivere più pienamente la nostra Vita Apostolica redentorista. Come loro, dobbiamo rispondere alla chiamata di essere testimoni autentici e profetici del Redentore oggi attraverso l’evangelizzazione creativa e innovativa.

Oggi ci troviamo in un panorama sociale in evoluzione, nel complesso processo di secolarizzazione e globalizzazione. Come istituzione incaricata di predicare la Buona Novella ai poveri, l’influenza della Chiesa è in declino. Ciò è particolarmente vero quando si tratta di influenzare le questioni sociali o morali. È anche vero ciò che chiamiamo “media tradizionali”. In molte parti del mondo, l’influenza di Radio e della TV è in declino, specialmente tra le generazioni più giovani. Anche le pubblicazioni tradizionali, i libri, i giornali e le riviste sono in difficoltà.

Negli ultimi decenni, gli sviluppi nei media sociali e nella comunicazione sono stati fenomenali. Oggi, nei media come Twitter, Facebook, Instagram, WhatsApp, Viber, chat e gruppi, le notifiche di notizie e podcast hanno un’influenza molto più grande della nostra tradizionale predicazione nel mondo ferito. Sempre più viviamo e operiamo in un mondo digitale. La decisione 37 del 25° Capitolo Generale è l’inizio di una risposta a questa realtà:

Ciascuna delle cinque Conferenze della Congregazione nominerà un confratello che intraprenderà lo studio e la formazione nell’area della Comunicazione. Assumerà quindi la responsabilità per le esigenze della comunicazione della Conferenza e fungerà da collegamento diretto o persona di collegamento con le Unità della Conferenza e l’Ufficio delle Comunicazioni della Congregazione. Sarà anche disponibile a lavorare con i vari programmi di formazione della Conferenza per garantire che i futuri redentoristi siano pronti a sfruttare le possibilità di evangelizzazione delle varie forme dei nuovi media.

La decisione 13 incoraggia l’intera Congregazione a prendere sul serio la sfida di entrare in questo mondo digitale come Testimoni del Redentore e di scoprire come comunicare efficacemente la Buona Novella ad una nuova generazione. Le vite di Sarnelli e dei martiri ucraini ci chiamano a seguire il loro esempio – a vivere in solidarietà con le nostre sorelle e i nostri fratelli dove vivono oggi e a dare le nostre vite per il loro bene.

Il mondo digitale porta nuove sfide. Conosciamo l’impatto negativo che queste molteplici forme di media possono avere sulla società: notizie false, dipendenza, bullismo, violazione dei confini e problemi di privacy, per citarne solo alcuni. Tuttavia, forniscono anche incredibili opportunità per raggiungere e toccare la vita delle persone. Queste sono opportunità mai conosciute o disponibili per noi! L’esperienza dimostra che i social media possono influenzare e cambiare la società in meglio. Abbiamo una miriade di nuovi meravigliosi strumenti per la comunicazione e abbiamo bisogno di essere addestrati per sfruttarli bene e usarli per la nostra missione. Ma come? Questa è una domanda che molti di noi si chiedono!

Nel passato, ovunque i missionari redentoristi fossero chiamati a predicare il Vangelo, iniziavano imparando la lingua delle persone e immergendosi nella cultura. Allo stesso modo siamo sfidati dal mondo digitale, un mondo e una cultura in cui molte persone vivono e parlano una lingua “particolare”. Abbiamo bisogno di viaggiare in questo mondo e imparare il suo “linguaggio” se vogliamo immergerci ed evangelizzare la sua cultura.

Oggi la Congregazione sta attraversando un processo di trasformazione, un processo di ristrutturazione. Attualmente, le cinque Conferenze della Congregazione sono coinvolte nell’elaborazione di un Piano Apostolico che evidenzierà per noi le nostre priorità apostoliche mentre intraprendiamo la nostra opera di evangelizzazione come Redentoristi. In questo compito, il 25° Capitolo Generale ci chiama a riflettere su come le comunicazioni e i media possano servire alle priorità e all’opera di evangelizzazione della Congregazione. È anche importante rafforzare la nostra comunicazione interna come parte di questo processo. In tal modo, ci conosceremo meglio e approfondiremo il nostro senso di solidarietà.

La leadership della Congregazione, anche se non direttamente coinvolta nel mondo digitale e nella comunicazione sociale, deve essere consapevole di come funziona. Il “mondo digitale” ha implicazioni per la nostra Vita Apostolica. Per questo motivo, è appropriato, se non essenziale, che ogni Unità crei opportunità per i confratelli e i nostri partner laici di familiarizzare con l’uso efficace e responsabile dei social media e dei diversi spazi digitali che le persone abitano. Questo è particolarmente importante nel processo di formazione iniziale.

In risposta alle sfide che ci vengono presentate dal mondo digitale e nello Spirito del 25 ° Capitolo Generale, esorto ogni Conferenza a nominare e preparare la persona che riceverà la formazione necessaria per animare e coordinare le comunicazioni e i social media nella loro Conferenza. La nostra speranza è che questa persona, in collaborazione con il Coordinatore della Conferenza, faciliti la creazione di un Ufficio per le comunicazioni e i media in ogni Conferenza. Questo Ufficio può anche aiutare le Unità senza storia o esperienza nella comunicazione sociale. Chiedo che ciò avvenga il prima possibile, preferibilmente entro la fine di agosto di quest’anno.

Inoltre, il Governo Generale, attraverso l’Ufficio Generale per le Comunicazioni, ha incaricato il Direttore delle Comunicazioni di coordinare una Commissione a livello della Congregazione che sta già lavorando ad un piano strategico per le comunicazioni. Questo piano assisterà le Conferenze e le Unità mentre sviluppano anche i loro piani apostolici. In considerazione di ciò, incoraggio ciascuna Unità a prendere seriamente in considerazione la preparazione specifica e specializzata di alcuni confratelli o partner laici in questo campo.

Non possiamo sottovalutare l’importanza di impegnarci con questo mondo digitale al fine di garantire che rimaniamo pertinenti e profetici oggi. Chiedo ai superiori maggiori di tutta la Congregazione di cooperare con la Commissione generale per le comunicazioni e i media mentre prepara il piano strategico.

Che il beato Gennaro Sarnelli e i martiri ucraini, pionieri nella ricerca di modi creativi e profetici per predicare il Vangelo in modo sempre nuovo, siano al tempo stesso ispirazione e esempio per affrontare le sfide del mondo digitale oggi. Maria, nostra Madre del Perpetuo Soccorso, continui ad intercedere per noi nella nostra testimonianza missionaria a suo Figlio, nostro Redentore e fratello!

Vostro fratello in Cristo nostro Redentore,

Michael Brehl, CSsR

Superiore Generale

Print Friendly, PDF & Email