Natale in Albania

0
295

(Argirocastro, Albania) – La comunità interprovinciale redentorista dell’Albania festeggia il suo quinto Natale. Come è noto, l’Albania ha vissuto attraverso la dittatura comunista ateo dell’Europa fino al 1991, eliminando il senso religioso di questa data. Quando fu stabilito l’ateismo ufficiale dello stato, il Natale fu chiamato “feste di Capodanno” e l’albero di Natale divenne l’albero di Capodanno. Oggi, anche se c’è libertà religiosa, l’importanza di celebrare il nuovo anno rimane ancora nelle persone come la festa più importante dinanzi la Nascita di Cristo. Inoltre, cattolici e ortodossi rappresentano solo circa il 21% della popolazione, con una maggioranza musulmana.

Ma prima che i Redentoristi arrivassero alla “Terra delle Aquile” e la dittatura di Enver Hoxha costringesse a rinunciare alla religione, Sant’Alfonso era già presente al Natale albanese. Sì, San Alfonso! Il sacerdote e poeta Dom Ndre Mjeda tradusse all’albanese e rese popolare la famosa canzone di San Alfonso “Tu scendi dalle stelle”, composta dal nostro Fondatore nel 1754. La sua traduzione preserva, non solo lo stile popolare e melodico conferitogli dal santo napoletano, ma è anche riuscito a preservare il significato di ciascuna delle espressioni che avvicinano il credente al miracolo di Dio incarnato.

Nella quarta settimana di Avvento, inoltre, i Missionari Redentoristi d’Albania abbiamo celebrato la nostra prima missione in una comunità cattolica nel sud del paese. È certamente una prima esperienza, che preserva lo spirito missionario itinerante del nostro carisma. A Gjirokastër, città patrimonio mondiale secondo l’UNESCO, i cattolici sono una vera minoranza: il loro libro di battesimo comprende circa 70 persone. Il cuore della comunità è la casa delle Figlie di Cristo Re, che hanno anche una scuola chiamata José Gras, come suo fondatore. L’amicizia e la voglia di condividere hanno fatto diventare una realtà il sogno della missione intercongregazionale: dalla Missione di Kamez siamo partiti i Redentoristi e le Suore Francescane di Santa Filippa Mareri che collaborano con noi in Kamez. Così, la comunità delle Figlie di Cristo Re divenne la casa di tre carismi al servizio dell’evangelizzazione. Dobbiamo anche aggiungere l’auspicio espresso dal vescovo dell’amministrazione apostolica, come Gjirokastra non ha mai avuto un sacerdote e la comunità sente un forte desiderio di celebrare i sacramenti, anche se sono una comunità molto piccola.

La missione si è svolta durante cinque giorni. Le mattinate sono state dedicate alla visita agli studenti della scuola, principalmente della tradizione musulmana e ortodossa, e alla visita delle famiglie e alla benedizione delle case. Emozionante è stata la visita a Memaliaj, una piccola città dove è nata una Chiesa appena tre mesi fa, grazie al desiderio di ricevere il battesimo di un giovane disabile di 18 anni. Denis Djego, così si chiama, sta portando la sua famiglia e gli amici per mano alla conoscenza di Cristo. Nel pomeriggio ci sono stati incontri con i giovani, la comunità cattolica e le celebrazioni. Il più importante era il pellegrinaggio alle radici della Chiesa cattolica a Gjirokastër, nel luogo in cui la Chiesa si trovava prima del comunismo. I missionari, i bambini della scuola e i giovani hanno attraversato le strade di pietra della città storica, presieduta dalla croce e portando delle stelle, sorprendendo i pedoni. Un uomo si avvicinò alla croce e la baciò. Una donna ha chiesto per quale motivo fosse la manifestazione. Ma la cosa più scioccante è che facciamo un pellegrinaggio insieme di persone di quattro religioni diverse, unite dal desiderio di celebrare l’amore che Gesù ci ha portato con la sua nascita. Sul terreno dove c’era la Chiesa, ora c’è una croce di ferro, abbiamo pregato e acceso le candele. Il pellegrinaggio si è concluso con i canti natalizi e ballando intorno all’albero di Natale nella piazza principale. La valutazione di questa prima missione è molto positiva e ci incoraggia a proseguire in questo viaggio evangelizzatore.

P. Laureano Del Otero Sevillano CSsR
Missionario Redentorista in Albania

 

Print Friendly, PDF & Email