Dottorato honoris causa all’arcivescovo caldeo di Erbil (Iraq) dall’ACU

0
344

(Australian Catholic University) – Quando la maggior parte di noi sentono semplicemente menzionare le comunità cristiane dell’Iraq, i nostri cuori sprofondano intuitivamente. Perché abbiamo visto tutti gli orrori che l’ISIS e altri gruppi estremisti hanno imposto a coloro che non si conformano alle loro ideologie radicali piene di odio, siano essi cristiani, yazidi o più comunemente musulmani. È in questo contesto che l’arcivescovo redentorista Bashar Matti Warda CSsR, arcivescovo caldeo di Erbil in Iraq, sta lavorando per cercare di portare guarigione al nostro mondo ferito. Questo lavoro è stato onorato dalla Australian Catholic University (ACU) martedì 23, conferendo un dottorato honoris causa dell’Università all’arcivescovo.

I titoli di dottorato honoris causa ACU sono conferiti alle persone che hanno dato contributi eccezionali alla comunità e all’umanità. Il presidente, il professor Greg Craven, ha riassunto il suo lavoro con quanto segue: “L’arcivescovo Warda è famoso per il suo sostegno alle persone perseguitate, in particolare ai rifugiati cristiani e yazidi in Iraq. Ha dato un contributo significativo all’educazione cattolica in Medio Oriente, promuovendo l’educazione come mezzo per portare pace e armonia nella regione”.

Le responsabilità dell’arcivescovo Warda si sono estese ben oltre i normali doveri pastorali in tempo di pace. Mentre prestava servizio a Erbil durante gli anni della guerra dell’ISIS, l’Arcivescovo fu di fatto amministratore capo dei servizi di soccorso per gli sfollati.

Mentre migliaia di rifugiati sono fuggiti dagli attacchi dell’ISIS dalle aree vicine e si sono riversati nella sua diocesi, l’arcivescovo Warda ha fornito supervisione di cibo, alloggio, istruzione e cura pastorale a quasi ventimila famiglie cristiane minacciate.

Poiché la minaccia dell’ISIS è diminuita, l’arcivescovo Warda ha concentrato i suoi sforzi sul ritorno di migliaia di rifugiati nelle loro terre d’origine e sul ripristino della presenza cattolica in Iraq. L’arcivescovo Warda è diventato un portavoce a nome dei perseguitati cristiani e yezidi del nord dell’Iraq.

È apparso in trasmissioni e interviste nei principali notiziari di tutto il mondo, sensibilizzando l’opinione pubblica sulle minoranze religiose e chiedendo sostegno. L’arcivescovo Warda è stato riconosciuto come la voce principale nella promozione di un dialogo aperto e pacifico tra persone di diverse fedi.

Una delle missioni dell’arcivescovo Warda è stata quella di promuovere la pace e l’armonia tra le persone della sua regione, soprattutto attraverso l’educazione cattolica. Nel 2015 ha fondato l’Università Cattolica di Erbil, aperta a studenti e studiosi di tutte le fedi. L’università è diventata una fonte di opportunità per i popoli perseguitati di avanzare nel mondo e manifesta il potere dell’educazione per migliorare la vita e influenzare positivamente gli atteggiamenti.

Nonostante la sua vita di eccezionale servizio all’educazione cattolica, l’arcivescovo Warda è stato umiliato da coloro con cui ha lavorato in molti anni difficili. L’arcivescovo Warda esprime gratitudine per il fatto che la sua causa è stata riconosciuta nella tradizione intellettuale cattolica come un servizio nell’interesse del bene comune.

Le missioni dell’arcivescovo Warda sono una testimonianza dell’impegno redentorista nei confronti di coloro che sono ai margini e della nostra eredità di operatori di pace in tempo di guerra. È con grande orgoglio che i Redentoristi dell’Oceania si congratulano con il loro confratello per questo meritato riconoscimento. Possa la sua continua testimonianza del mondo ferito essere un esempio per tutti noi  che lavoriamo per la giustizia, la liberazione e la pace.

(cssr.org.au)

Print Friendly, PDF & Email