Redentoristi, custodi della fede popolare in Colombia

0
259

“El Milagroso” de Buga a Bogotá, una devozione che cresce ogni giorno

Una replica di Cristo venerata dalla metà del XVI secolo a Buga è la causa di massicci pellegrinaggi e manifestazioni di fede in una chiesa di Bogotà.

La devozione non è molto antica – ha appena iniziato a diffondersi negli anni ’80 del XX secolo – ma è così forte e in crescita che il 14 di ogni mese il tempio di San Alfonso María Ligorio è troppo piccolo per ospitare migliaia di pellegrini arrivati da vari luoghi in Colombia e all’estero.

 

Riferimenti stampa ricordano che intorno al 1980, diverse donne del quartiere di La Soledad organizzavano pellegrinaggi da Bogotá a Buga – una città occidentale – per visitare il Signore dei Miracoli, chiedere favori e promettere. Dopo pesanti viaggi, di oltre 1.000 chilometri, le donne hanno iniziato a declinare, ma non a declinare la loro fede ed è per questo che hanno proposto al parroco di cercare un’immagine per metterla in un luogo del tempio. Il sacerdote accettò e permise a quattro religiosi di mettere un Cristo che, secondo vari scritti, “era molto diverso da quello vero”.

La crescita della devozione di un nuovo Signore dei Miracoli è dovuta a padre Londoño Sepúlveda. Egli ha viaggiato a Buga nel 1999 e ha realizzato uno stampo che è stato usato per fare un Cristo in fibra di vetro. L’immagine è stata così ben realizzata che per molti devoti è la stessa di Buga e sostengono addirittura che i Redentoristi di quella città la prestano di volta in volta per esporla a Bogotà. Inoltre, quella fama di Cristo ben fatta si diffuse nella comunità redentorista che permise l’uso dello stesso stampo per moltiplicare i “Miracolosi” che ora si trovano in diverse parti del mondo.

A partire dal 2000, l’Eucaristia quotidiana è aumentata e la domenica sono aumentate anche le confessioni, pellegrinaggi, richieste di aiuto spirituale, matrimoni e battesimi.

La fama di un Cristo di Buga Miracoloso che poteva essere adorato senza spostarsi dalla capitale si diffuse così rapidamente che nel giro di pochi mesi il tranquillo quartiere di La Soledad iniziò a trasformarsi. Le spaziose case familiari della classe media superiore erano circondate da una moltitudine di venditori ambulanti, decine di persone che chiedevano aiuto, migliaia di malati in cerca di guarigione fisica e migliaia di altri disposti a curare le loro ferite spirituali.

È stato un evento insolito che ha sconvolto tutto. In quegli anni, secondo i dati della parrocchia, il numero medio dei partecipanti ha raggiunto i 35.000 di domenica e è salito a 50.000 il giorno 14. Ad oggi, i dati mostrano che domenica i fedeli sono vicini ai 60.000 e i  giorni 14 raggiungono almeno 80.000.

Oggi le dodici messe in programma tra le 5:00 del mattino e le 8:00 di notte non sono sufficienti. La presenza è così grande che dozzine di fedeli devono ascoltare la messa in piedi, dentro o fuori il tempio. Non bastano i sacerdoti che Vi sono per assistere con il sacramento della riconciliazione. “A volte non abbiamo tempo per mangiare perché la richiesta di confessioni è molto grande: inizia all’alba e finisce molto tardi la sera”, dice uno dei religiosi di San Alfonso.

(aleteia.org)

Print Friendly, PDF & Email