Una redenzione speciale

0
497
fot. by C. Peters

Un crocifisso sul ciglio d’una strada, nella periferia nord di Tilburg, la città di provenienza del Beato Pietro Donders. Perché?

Il 27 ottobre, a Tilburg si celebra la liberazione dalle truppe d’occupazione tedesche da parte delle truppe scozzesi 75 anni fa, a cominciare proprio dal quartiere nel quale nacque il Beato Pietro Donders e proprio nella sua data di nascita, il 27 ottobre di 135 anni fa. Durante la Seconda Guerra Mondiale gli abitanti di Tilburg pregavano spesso “Nostra cara Madonnina, dalle ancora una spintina. Beato Pietruccio dalle ancora un metruccio.”, riferendosi alle bombe in aria. Dunque non si considera un caso che Tilburg non patisse tanto dei bombardamenti quanto altre città nei Paesi Bassi e certamente non fu un caso che la città venisse liberata proprio il giorno della nascita del suo abitante più famoso e amato. Lo si attribuisce semplicemente all’intercessione di Pietro Donders.

In memoria di questo evento il crocifisso, donato da un sconosciuto devoto di Pietro Donders, fu posto all’angolo del santuario a Tilburg dieci anni dopo, nel 1954.

fot. by E. Becx

Preceduto dall’inaugurazione di una nuova mostra temporanea, intitolata “Gli ultimi testimoni”, nel Padiglione Pietro Donders, Museo di carità, che si è svolta sabato, come ogni anno il 27 ottobre, domenica nella cappella nel Peerke Donders Park si celebra una messa in duplice commemorazione: quella della nascita di Pietro Donders e quella della liberazione di Tilburg. È risaputo che Pietro Donders non discriminava né per razza né per origine né per religione. Poiché amava tutti i suoi coesseri umani così ardentemente come amava Dio, egli contribuì ad una convivenza pacifica di persone di culture e religioni diverse, un buon esempio della quale è il Suriname di oggi e per la quale ci si impegna anche a Tilburg.

Ringraziamo Dio per l’esempio ispiratore del Beato Pietro Donders! Che il suo esempio aiuti anche noi a contribuire ad un mondo pacifico!

fot. by C. Vos

Una Faya Lobi (“amore ardente”), il fiore nazionale del Suriname che a lungo fiorì di fianco alla tomba del Beato Pietro Donders, ma adesso, forse simbolicamente, viene sostituito da una varietà di fiori in vari colori.

Claudia Peters

Print Friendly, PDF & Email