Le Suore Oblate compiono 150 anni come congregazione religiosa

0
319

Le suore Oblate celebrano con grande gioia, il 2 febbraio, anniversario dall’inizio della nostra congregazione. Sono molti anni ed è molta vita! 150 anni di una chiamata che ci rende una Famiglia Oblata. Famiglia che fin dall’inizio costruisce, insieme alle sorelle, laicato e donne, una comunità carismatica come espressione di fraternità e segno di comunione nella Chiesa e nel mondo.

I primi passi formali vengono istituzionalizzati per la congregazione quando Madre Antonia prende l’abito, il 2 febbraio 1870. Le cronache di “Asilo de Consuelo”, come venne allora chiamato il lavoro, ricordano:

“Il 2 febbraio 1870, Antonia de Oviedo e Schönthal alla fine decise di abbracciare la croce soave ma al contempo pesante per lei come fondatrice. Quando il nostro divino redentore si è offerto nel tempio per la salvezza del mondo, piena di gioia celeste, la signora Antonia María de Oviedo, con il nome di Antonia María de la Misericordia, portava, insieme ad una sola compagna, il povero e semplice abito religioso di colore cenere degli Oblati del Santissimo Redentore.

La terza sorella ha indossato l’abito il giorno dell’Immacolata; la quarta il  giorno dello Spirito Santo del 1871, e così rimase fino alla fine del 1873 quando altre due giovane lo indossarono e iniziarono a formare un noviziato. Il lavoro è stato difficile, la grande povertà, i tempi disastrosi; ma il piccolo asilo ha continuato a portare frutti di salvezza ”.

Nel processo non ci sono stati contrattempi. Tuttavia, Antonia si sentì felice e confessa “ora non appartengo più a me stessa … sono la schiava dei poveri … trovo tanta pace, tanta placidità nella mia fisionomia. Ma questa non è proprio la mia, è quella dell’Opera, della santa idea della Fondazione ”.

Un invito che ci fa diventare Famiglia Oblata

Sono trascorsi 150 anni da quel momento in cui il lavoro sociale diventa un istituto di vita consacrata e oggi, come indicato in una lettera alla congregazione Lourdes Perramon, Superiora Generale, “sappiamo che questa famiglia oblata incipiente si è ampliata in tutto il mondo, accogliendo sempre il nuovo invito di Dio che, attraverso tante sorelle, ha assunto un volto concreto in paesi e culture ”

Questo invito è stato “sentito da molte altre persone che sono state toccate dalla realtà delle donne in contesti di prostituzione, crescendo insieme e creando tavole di fratellanza, promuovendo case di accoglienza e di cura, opportunità di apprendimento e potenziamento e, in definitiva, spazi di vita e redenzione condivisa”.

Celebrando il 150 ° anniversario dell’inizio della Congregazione, nel contesto della fase postcapitolare, “porta contenuto, speranza e densità a ciò che l’orizzonte della congregazione formula: è vitale essere, sentire e agire come un CORPO CONGREGATIVO, in questo invito che ci rende Famiglia Oblata”.

Ogni anniversario ha molti incontri e condivisioni. Lo celebriamo in tempo di preghiera, ringraziando la fedeltà e la fecondità di Dio, manifestata dai primi passi di Madre Antonia e Padre Serra, ai percorsi e alle croci che siamo invitati a percorrere in questo sessennio. Viviamo in comunione quel giorno, ognuno, dalla sua realtà concreta, come comunità di sorelle e con la famiglia Oblata, sentendoci collegati dal carisma che condividiamo e ci convoca”.

Print Friendly, PDF & Email