Dieci fatti interessanti su St. Clement Hofbauer

0
124

San Clemente Maria Hofbauer, Redentorista, grande predicatore, collaboratore fondamentale per l’espansione della Congregazione nel mondo.

1 – Clemente era il nono di dodici fratelli

San Clemente Hofbauer nacque come Johannes (John) Hofbauer il 26 dicembre 1751 a Tasswitz, Moravia, Repubblica Ceca. Era il nono figlio di Paul Hofbauer e Maria Steer, che ebbe dodici figli. Suo padre morì quando aveva solo 6 anni. Quindi sua madre, indicando un crocifisso, gli disse: “D’ora in poi, è tuo padre. Abbi cura di non angosciarlo mai per il peccato. ” Il piccolo Clemente prese quelle parole nel suo cuore.

2 – Ha lavorato come fornaio in gioventù

Clemente divenne il santo patrono dei fornai perché lavorava in questa professione da adolescente. Dato che era povero, non era in grado di fare i suoi studi ecclesiastici. Lavorava in un famoso forno di Vienna. Poi, un giorno, incontrò due donne, che si offrirono di pagare per i suoi studi.

3 – Il rosario era la sua devozione preferita

Da bambino amava pregare il rosario con la sua famiglia e li chiamava alla preghiera. Era un fervente devoto della Madonna. È diventato noto come il “sacerdote che ha benedetto i rosari”. Chiamò il rosario la sua “biblioteca”, dicendo che attraverso quella devozione ottenne tutto ciò che chiedeva a Dio. In un monastero, ricevette il nome di Clemente Maria, in seguito alla sua devozione alla Madre di Gesù.

4 – Aveva l’abitudine di bussare alla porta del tabernacolo

Clemente segnala bene ciò che il buon Redentorista deve portare con sé: irremovibile fiducia in Dio e zelo missionario. Un’immagine lo riassume bene: il tocco fiducioso del Tabernacolo. Questo gesto segnò l’amicizia che il santo aveva con Gesù, ed era il suo modo di dire che era lì, che lo amava e lo desiderava ardentemente. Ha abbattuto le barriere di qualsiasi spiritualità basata sulla paura o sulla schiavitù.

5 – Era considerato un “leone sul pulpito” e un “agnello nel confessionale”.

Clemente ha sempre avuto molta cura del benessere spirituale di tutti coloro che frequentavano la sua cappella. All’altare, ha rivelato tutta la sua devozione come uomo di fede. Parlò di ciò che la gente aveva bisogno di ascoltare, predicando in modo che le persone potessero riconoscere i loro peccati, sperimentare la bontà di Dio e vivere secondo la volontà divina. Ma se era un leone sul pulpito, era un agnello nel confessionale. Era solito ascoltare i peccati dei penitenti, dire loro parole di incoraggiamento, chiedere il perdono di Dio per loro e inviarli a seguire Gesù Cristo nella loro vita.

6 – Ha creato la “Missione perpetua”, una missione svolta tutti i giorni dell’anno

La chiesa di San Benno a Varsavia, in Polonia, divenne il luogo di una missione in corso e di un’impressionante attività apostolica di San Clemente e del suo amico, Padre Thaddeus Hubl, presto vi furono otto missionari. La chiesa aveva un intenso programma di predicazione, istruzione, confessioni e devozioni ogni giorno. Ciò ha attirato folle, che si inserivano a malapena nella piccola chiesa. San Clemente fondò anche un orfanotrofio per ragazzi e una scuola. L’attività iniziò nel 1787 e continuò fino al 1808 quando Napoleone Bonaparte chiuse la chiesa e disperse la comunità.

7 – Fu arrestato ed espulso dalla città in cui lavorava.

I redentoristi furono espulsi da Varsavia in Polonia in un momento di restrizione religiosa, che si diffuse nel periodo successivo alla Rivoluzione francese e con l’espansione guidata da Napoleone Bonaparte. San Clemente e tutti i Redentoristi dovettero andare in esilio nel 1808. La chiesa di San Benno fu chiusa e i quaranta Redentoristi che vivevano lì furono incarcerati per un mese, più tardi fu loro ordinato di ritornare ciascuno nel suo paese.

8 – Lavorò come cappellano in ospedale quando Napoleone attaccò Vienna

Nel settembre del 1808, dopo essere stato esiliato dalla Polonia, Clemente arrivò a Vienna, in Austria. Nel 1809, le truppe di Napoleone attaccarono la città e Clemente lavorò come cappellano dell’ospedale, occupandosi dei molti soldati feriti. L’arcivescovo, vedendo il suo zelo, gli chiese di occuparsi di una piccola chiesa italiana nella città di Vienna. Rimase lì per quattro anni fino a quando fu nominato cappellano delle suore orsoline nel luglio 1813.

9 – È spesso chiamato il “secondo fondatore” dei Redentoristi

San Clemente ha contribuito all’espansione della Congregazione Redentorista. Durante la sua vita, ha cercato di insediare nuove comunità della Congregazione, ma non ci è riuscito. Lui e il suo compagno, padre Thaddeus Hubl, soffrirono molto per le guerre e la massoneria influenzò le politiche a Varsavia e poi a Vienna, dove Clemente visse negli ultimi 12 anni. A Vienna, stava cercando di ottenere il permesso di fondare la comunità redentorista. Il documento di approvazione fu emesso solo il giorno della sua morte, il 15 marzo 1820. Quindi, dalla provincia austriaca, ebbe luogo l’espansione della Congregazione in tutto il mondo.

10 – Ha ricevuto il titolo di Patrono di Vienna

A Vienna, come già accennato, dopo aver prestato servizio per i soldati feriti dalla guerra di Napoleone, Clemente lavorò in una parrocchia per italiani e poi fu cappellano delle suore orsoline. Lì a Vienna, inizialmente fu bandito dalla predicazione e minacciato di espulsione. Tuttavia, non lo fermò nel ministero sacerdotale. In quegli anni ha attirato l’attenzione di molti intellettuali e studenti, nonché di persone e artisti ricchi. il papa Pio VII venne a conoscenza del suo zelo apostolico e emanò un decreto per fondare la prima comunità redentorista in Austria. Ciò avvenne alla vigilia della sua morte. San Clemente è morto con il sogno diventato realtà.

(www.a12.com)

Print Friendly, PDF & Email