Esperienza missionaria in Myanmar attraverso un viaggio di immersione

0
59

(Mandalay, Myanmar) – Lascia tutto alle spalle; Vieni e seguimi! Queste parole mi hanno fatto capire che l’immersione nella missione è un’occasione rara per diventare ad essere una cosa sola con Gesù Cristo impegnando e manifestando la presenza di Dio nel suo popolo. E stare con il suo popolo è la mia commissione finale.

Sono il fratello Dennis Galan, di Davao, Cebu. Quando mi è stato chiesto per la prima volta sulla mia preferenza di missione, ero elettrizzato all’esperienza di essere inviato in un altro paese. Ma dopo aver appreso della mia prossima destinazione, ho iniziato a provare la paura e l’ansia di essere l’unico filippino in un posto con una cultura, una storia e altre caratteristiche diverse, un paese con una bassa percentuale di cattolici.

La mia missione è finalmente iniziata quando ho lasciato il mio paese a maggio 2019 per essere via per un anno. Ho soggiornato con i confratelli vietnamiti nella comunità missionaria redentorista di Pyin Oo Lwin, residente nell’arcidiocesi di Mandalay. Ho partecipato attivamente alla promozione e alla formazione vocazionale. Ho lavorato con l’apostolato giovanile presso il Centro di formazione per la vita dei giovani nella diocesi di Loikaw, dove sono stato direttamente coinvolto nella formazione di giovani uomini e donne di diversi gruppi etnici. Questo mi ha fornito la strada per condividere idee migliori sulle loro preoccupazioni. Ho insegnato e imparato pazientemente dai miei studenti. Il mio incontro quotidiano con loro ha migliorato i miei valori fondamentali per essere più paziente, comprensivo, compassionevole, umile, generoso e creativo. Non condividevo le mie conoscenze, ma la mia vita di felice Redentorista. Interagendo con giovani, adulti e anziani, che mi hanno fatto apprezzare di più le mie benedizioni e mi hanno mostrato la miriade di sfide che devo affrontare.

Il mio viaggio di un anno in Myanmar è stato molto impegnativo ma soddisfacente. L’esperienza missionaria mi ha portato a una riflessione personale più profonda come missionario inviato da Gesù per essere suo testimone tra il popolo e trovarlo nei loro vari volti. La situazione può essere difficile, ma mi ha spinto ad andare oltre e manifestare in modo creativo la presenza di Cristo in ogni modo possibile, incontrando alcuni vicini, persone nella chiesa, visitatori della casa, clero e religiosi, alcune famiglie che Ho incontrato i nostri aspiranti, quelli che si sono uniti al programma “vieni a vedere”, i giovani e soprattutto i miei confratelli nella comunità. L’immersione ha ampliato la mia comprensione della missione e il modo possibile di farlo in una situazione particolare.

Pieno di esperienze e di apprendimento, ho lasciato il paese con gioia e tristezza. Mi manca molto il Myanmar che se mi chiedessero di tornare, non esiterei mai a dire di sì. Ho lasciato il posto pieno di gratitudine a Dio e a tutti quelli che ho incontrato lungo la strada. Potrebbe essere passato un anno, ma le esperienze e gli apprendimenti rimarranno sempre nella mia vita mentre continuo il mio viaggio missionario.

Fratello Dennis Galan, C.Ss.R.

Print Friendly, PDF & Email