Il rinnovato ‘Sì’ di Diana e Marlene

0
139

Le sorelle Diana Patricia Ballesteros e Marlene Francisco hanno rinnovato i loro voti come Oblate del Santissimo Redentore. Questa riaffermazione del loro “sì” da parte loro è un momento di gioia speciale per l’intera Congregazione e, in particolare, per le loro comunità, rispettivamente nelle province di José María Benito Serra e Santísimo Redentor.

Accompagnate dalle loro sorelle, hanno espresso ancora una volta il desiderio di vivere la loro vocazione de Oblate e permettere così a Gesù e alle donne di indicare loro la via da seguire. Oggi condividono la loro esperienza dal punto di vista del significato di questo rinnovamento, così come di come il carisma oblato si manifesta nelle loro realtà.

Marlene Bravo (San Paolo, Brasile)

Con grande gioia e cuore grato, il 6 settembre ho rinnovato ancora una volta i voti come Oblata insieme alle mie sorelle della comunità Nossa Senhora do Perpétuo Socorro, a San Paolo (Brasile).

Rinnovare i voti è dire SI al Signore, cioè SI per amore, per una grande missione, lo stesso SI che ho detto 12 anni fa continuo a ripetere ogni giorno della mia vita. Anche di fronte alle sfide di un sistema capitalista, sessista, consumista o alle sfide che affronto nella mia missione, riaffermo la mia risposta alla chiamata che Dio mi fa affrontare alle realtà in cui la vita richiede nella nostra società.

Rinnovare i voti è dire “Signore, ti do la mia vita ogni giorno” come segno di amore, gratitudine, oblazione, fedeltà e impegno per il tuo progetto di vita e per la missione che Egli mi affida. È continuare a testimoniare la missione verso le donne nel contesto della prostituzione e / o vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Significa essere una presenza e un segno di misericordia, accoglienza, tenerezza, cura, ascolto ed empatia.

Come dice la canzone “una città come le altre, mi mandi in una grande missione”. Sono angolana, mi hanno mandato in missione qui in Brasile tre anni fa, passando per Salvador Bahia e ora sono a Santo Amaro – San Paolo. Vivo la mia vocazione, soprattutto essendo fedele al progetto di vita dell’amore di Gesù, nella gioia e nel dono quotidiano con le mie sorelle, con le persone che ne hanno più bisogno e con le donne servite nel progetto Oblato.

Qui a Projeto Antonia lavoro con le donne per decostruire i pregiudizi che creiamo durante la nostra vita come risultato della costruzione di una società maschilista, patriarcale e moralista che sa solo incolpare, censurare e giudicare senza conoscere molte volte le cause che portano una donna al mondo di prostituzione.

Impariamo a rispettare i processi degli altri. Abbiamo identificato ciò di cui le donne hanno bisogno e da allora lavoriamo insieme. Ma più che insegnare, imparo molto dalle donne, ogni giorno divento più umana con la storia della vita di ogni donna, ammiro la capacità che ha di risolvere i problemi, affrontare le difficoltà, la forza femminile che portano, la resilienza, la lotta per la sopravvivenza, la fede, anche con tutte le pietre sulla strada, possono sorridere alla vita.

Diana Patricia Ballesteros (Medellin)

Ho vissuto questo rinnovamento con immensa gratitudine e gioia per essermi sentita chiamata e impegnata in questo progetto di vita e di Redenzione. In questo giorno ci riuniamo come comunità per celebrare l’Eucaristia, alimento che ci rafforza per svolgere la nostra missione.

Dio rinnova la sua alleanza con me, incoraggiandomi a perseverare e riaffermare la mia risposta. Dispongo del mio essere e apro il mio cuore affinché continui a plasmare la mia vita e ad attuare la sua volontà in me, per la sua gloria e il servizio della Chiesa nelle donne in situazione di prostituzione, vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, proprio come tutti i miei fratelli e sorelle.

Vivo la mia vocazione con una profonda fiducia in Dio, adattandomi alla novità che la situazione pandemica ha portato in questo momento, una situazione incerta e impegnativa, ma che ci ha anche permesso nuovi apprendimenti e di cercare nuovi modi di vivere e realizzare la nostra missione.

Vivo la mia vocazione con impegno, responsabilità e dedizione in tutto ciò che si può fare a favore delle donne in situazioni di prostituzione, assistite a Medellín, in comunicazione con loro attraverso i media digitali, in costante preghiera per loro bisogni e i loro sogni.

Cerco di essere un segno di gioia e di speranza per le donne e le persone con cui ho contatti, perché in un momento come questo, tutti abbiamo bisogno di parole e gesti che ci incoraggino a uscire da questa situazione con più forza per vivere ed essere esseri umani migliori.

www.hermanasoblatas.org

Print Friendly, PDF & Email