COVID-19 e il fenomeno della sorveglianza e della contro-sorveglianza

0
110

(dal Blog dell’Accademia Alfonsiana)

Ad eccezione dell’intelligence e dei servizi militari, una delle aree più applicate alla sorveglianza è la salute. Se prendiamo, ad esempio, la scienza medica, l’anatomia, l’anamnesi, l’analisi dei fluidi, statistica, manuali di classificazione, tecnologia d’imaging, diagnosi e prevenzione, viene verificata l’applicabilità non solo di procedure, metodi, tecniche, ma anche di tecnologie sofisticate, imaging, robotica e altri per comprendere un determinato fenomeno e agenti patogeni. È comune usare i termini sorveglianza sanitaria, epidemiologica, ambientale, ecc. In questo senso, tutto questo insieme di conoscenze e tecnologie è della massima importanza e beneficio per i governi per lo sviluppo di politiche sanitarie, prevenzione, lotta, controllo ed eradicazione delle malattie ed è garantito attraverso investimenti in istruzione, ricerca scientifica. e tecnologia, igiene e inclusione sociale. Pertanto, il benessere della popolazione è mirato.

La pandemia COVID-19 è una di quelle realtà in cui il concetto di sorveglianza è stato concretamente applicato. In un breve periodo di tempo, sono state prodotte grandi quantità di ricerche, studi sui vaccini, test di screening, moduli di identificazione dei pazienti e applicazioni di geolocalizzazione per indicare le aree di più alta incidenza del virus per la prevenzione (Immuni, COVIDSafe, OpenTrace, ecc.) [1].

French e Monahan affermano che “nel mezzo di questa crisi, una risposta istituzionalizzata promette un minimo di certezza: la sorveglianza. Il conteggio quotidiano dei casi confermati, insieme a un catalogo del numero di decessi correlati a COVID-19, lavora per fornire le autorità e forniscono un terreno comune per l’azione. Sebbene, pur fornendo una contabilità concreta della prevalenza e dell’incidenza, la sorveglianza per COVID-19 produca anche una serie di incertezze. Queste incertezze iniziano ad emergere quando ci chiediamo: quale sia esattamente la sorveglianza di COVID-19?”[2].

L’utilizzo di questi mezzi fornisce una moltitudine d’informazioni ai sistemi sanitari governativi sulla popolazione che va da dove vive il soggetto, classe sociale, malattie preesistenti e croniche e comorbidità patogene. Con questi dati in mano, è possibile progettare diverse politiche sanitarie. Tuttavia, ci sono governi che dispongono di queste informazioni e non le usano per combattere la pandemia stessa, e possono utilizzare queste risorse in modo illecito per controllare la propria popolazione, rafforzare le loro dittature o raffreddare le democrazie. Dette informazioni possono servire sia per un uso politico di controllo, monitoraggio, per facilitare o ostacolare l’accessibilità delle popolazioni ai servizi sanitari, per essere vendute alle aziende per guidare le loro politiche di monitoraggio della popolazione, per identificare il consumo di beni di salute e per determinare la produzione e venderli.

È molto difficile per le persone comuni rendersi conto di essere vittime della sorveglianza, soprattutto nel contesto di una pandemia che ha trasformato la vita personale e sociale in tutto il mondo. La produzione d’informazioni distorte, attraverso fake news, rende impossibile diventare più consapevoli dell’uso etico della sorveglianza e di cosa sfugge a questo scopo. La contro-sorveglianza, in questo caso, può e deve essere esercitata da centri di ricerca, università, ricercatori, filosofi, sociologi che sono guidati da criteri etici ben definiti e offrono alle popolazioni informazioni trasparenti in modo che siano consapevoli delle loro informazioni, le risorse personali si devono usare in modo ragionevole e razionale per il benessere sociale e anche per responsabilizzarli. [3]

Rogério Gomes CSsR [4]

[1] Disponível em: https://en.wikipedia.org/wiki/COVID-19_apps. Acesso em 30 agosto 2020.

[2] FRENCH, Martin, MONAHAN, Torin. 2020. “Dis-ease Surveillance: How Might Surveillance Studies Address COVID-19?”. Surveillance & Society 18(1), p. 3-4.   Disponível em: https://ojs.library.queensu.ca/index.php/surveillance-and-society/index. Acesso em 30 agosto 2020.

[3] MONAHAN, Torin, PHILLIPS, David J., WOOD, David Murakami. “Surveillance and Empowerment”. Surveillance & Society 8(2) 2016, p. 106-112. Disponível em: https://ojs.library.queensu.ca/index.php/surveillance-and-society/article/view/3480/3434. Acesso em: 30 agosto 2020.

[4] http://lattes.cnpq.br/3342824164751325

Print Friendly, PDF & Email