Leggere “Fratelli Tutti” dall’Albania

0
77

Qualche giorno fa ho avuto modo di salutare il Nunzio Apostolico in Albania, che, dopo tre anni di servizio nel cosiddetto “Paese delle Aquile”, è stato assegnato alle Filippine. In questo incontro di addio, il Nunzio ha evidenziato i valori della società albanese, rispetto alla sua società di origine, quella nordamericana. È vero, l’Albania, come una sorta di isola, conserva ancora molti valori sociali che stanno scomparendo nell’Occidente più sviluppato: la forza dei legami familiari e il rispetto delle tradizioni.

Si potrebbe aggiungere, con uno sguardo non ingenuo, che legami familiari forti ed estesi favoriscono anche una società corrotta e clientelare, perché acquisire un lavoro o ricevere aiuto dipende dai legami di parentela e amicizia che si hanno con chi è al potere . Ma d’altra parte, parafrasando san Paolo, “quando un membro soffre, tutti soffrono”, e sorprendono le reti di solidarietà che sostengono le persone più deboli, più malate o in difficoltà di una famiglia di questo Paese.

Ad esempio, quando qualcuno è malato, viene visitato da un parente o un amico, a cui viene offerto il caffè. Il caffè è sempre un segno di benvenuto nelle culture dell’Europa orientale. Quando il visitatore esce di casa, lascia gentilmente un biglietto nella tazza, dando così il suo contributo alla pronta guarigione del malato. È un semplice gesto di solidarietà e impegno, che al tempo stesso rafforza lo scambio di gesti di aiuto tra le due famiglie, quella che soffre e quella che visita. Non si ignora il dolore dei parenti, anche molto lontani, o le necessità che avranno nella celebrazione di un matrimonio o di un funerale. L’Albania, pur essendo un Paese povero in cifre macroeconomiche, si allontana dalla miseria e dall’abbandono preservando questi legami di solidarietà e fratellanza.

Un altro dettaglio che colpisce sempre i confratelli o i giovani volontari che ogni estate ci visitano è la convivenza delle religioni. In molti luoghi d’Europa si usa la parola “tolleranza”, ma tollerare implica sempre un divario: chi tollera è convinto che, con l’aiuto, l’altro potrà cambiare e migliorare. In Albania c’è convivenza e fraternità. In Albania c’è un grande rispetto per le tradizioni religiose. Racconterò tre dettagli dalla mia esperienza personale.

Il primo, in un incontro giovanile organizzato dal Movimento dei Focolari, i giovani sono stati divisi da vari luoghi religiosi nella capitale del Paese, Tirana. Ho accompagnato un gruppo che ha visitato la Madrasa Islamica, cioè la scuola dove si impara il Corano. Nel gruppo c’erano giovani cattolici, protestanti e musulmani. Il responsabile ci ha parlato in modo amichevole, ci ha spiegato il Corano e come è stato il processo per diventare imam di una moschea. E ha risposto alle domande dei giovani, che hanno parlato di Gesù, l’unico Dio e alcune curiosità sulle ricette alimentari. Alla fine, preghiamo insieme.

Il secondo è l’incontro del Movimento Fede e Luce, una comunità in cui le persone con disabilità, le loro famiglie e gli amici condividono la vita e la fede. Sono membro di questo movimento da più di 20 anni e in Albania abbiamo creato la prima comunità del paese 5 anni fa. Siamo una trentina di persone, tra ortodossi, cattolici, evangelici, musulmani sunniti, musulmani Bektashi e atei. Condivido con una suora cattolica il compito di essere il suo assistente spirituale. Tutti mi chiamano “padre” e mi trattano come il loro leader spirituale, indipendentemente dal fatto che io sia cattolico. Mi sento bene con loro, e nessuno ha paura di parlare di Dio dalla loro tradizione o dal loro libro sacro. Abbiamo pregato insieme e ci siamo incontrati nella cattedrale cattolica. Ciò che ci unisce è l’amore e Dio.

Recentemente si è svolta una terza esperienza. È stata l’ordinazione episcopale del vescovo ausiliare di Tirana, a cui hanno partecipato i leader delle altre confessioni di questo Paese, come in altri eventi religiosi: musulmani sunniti, Bektashi, il patriarca ortodosso e il leader dei Riformati . Partecipano all’Eucaristia, con rispetto e davvero con affetto, perché hanno incontri molto frequenti e anche le loro apparizioni pubbliche sono quasi sempre riunite alla stessa mensa.

Papa Francesco sottolinea all’inizio dell’Enciclica che “ci colpisce che ottocento anni fa Francesco ci invitò a evitare ogni forma di aggressione o conflitto e anche a vivere una “sottomissione” umile e fraterna, anche di fronte a chi non condivideva la sua fede” (n. 3) . In Albania la società è così plurale dal punto di vista della fede che una famiglia può avere membri che professano più religioni, ma soprattutto sono famiglia. Sono fratelli. I cattolici che serviamo nella nostra missione lavorano tipicamente con i musulmani, così come i bambini e i giovani, non hanno molti (o probabilmente nessuno) compagni cattolici nella loro classe. Ma crescono giocando insieme, imparando insieme, sognando un futuro migliore insieme. Il Santo Padre sottolinea: “Riusciamo a reagire con un nuovo sogno di fraternità e amicizia sociale che non si ferma alle parole” (n. 6). Ed è quello che possiamo testimoniare dalla Missione Interispettoriale dell’Albania. Non ci sono parole qui, come ecumenismo o dialogo interreligioso, né partecipiamo a incontri con altre religioni a livello formale. Per strada, nelle case, c’è vita: una fratellanza e un’amicizia che non è scritta nei documenti ma nel cuore della gente. Vorrei che questa preziosa e particolare dimensione dell’Albania potesse essere trasferita a tanti popoli che hanno perso l’orizzonte comune fatto di sopravvalutare individualità e benefici. Grazie, Papa Francesco, per averci spinto ancora una volta nella fraternità che Cristo ha realizzato a prezzo del suo sangue.

Padre Laureano Del Otero Sevillano C.Ss.R.
Missione Redentorista d’Albania

Print Friendly, PDF & Email