Vietnam: Bac Kan, la prima chiesa ‘segno di fede’ delle etnie del nord

0
301
La Chiesa di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso nella subparrocchia di Na Phac nella provincia di Bac Kan è stata formalmente inaugurata il 20 ottobre. (Foto: nhathothaiha.net)

Una festa comunitaria ha accompagnato l’inaugurazione della parrocchia di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso. Il Vescovo Van Dat ha elogiato i missionari Redentoristi e il loro impegno nel campo dell’educazione e del lavoro sociale. La parrocchia di Bac Kan è stata fondata nel 1928 e conta attualmente 1.200 fedeli.

(Hanoi) – La “prima chiesa” della provincia è “un motivo di orgoglio e un chiaro segno della fede dei cattolici della regione”. Le parole del sacerdote redentorista Joseph Nguyen Van Tinh, responsabile dei lavori della parrocchia di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso che è stata inaugurata il 20 ottobre in una zona montuosa della diocesi di Bac Ninh, provincia di Bac Kan, esprimono gioia e soddisfazione (Vietnam del Nord). Alla cerimonia, presieduta dal vescovo Cosme Hoang Van Dat, hanno partecipato un centinaio di sacerdoti, funzionari del governo locale e un gran numero di fedeli.

La maggior parte dei cattolici di Na Phac appartiene a gruppi etnici e dipende dalla parrocchia di Bac Kan, fondata nel 1928, che conta attualmente quasi 1.200 fedeli. Padre Tinh, 49 anni, è al servizio della comunità locale dal 2011 e descrive il nuovo tempio: è stato costruito in stile gotico, con campanile, ha una capienza di 300 persone e sarà il centro di riferimento per gli abitanti della zona, un santuario di pace e gioia. “Ci auguriamo – afferma – che in questo luogo le persone possano rafforzare la propria fede e imparare ad affidarsi a Dio”.

Il vescovo visita regolarmente questa remota regione montuosa e ha celebrato numerosi battesimi nelle comunità etniche. “Oggi – ha detto il vescovo Van Dat nell’omelia – è un giorno felice per gli abitanti di Na Phac” e l’intera comunità deve rendere omaggio all’opera dei Redentoristi ea tutti coloro che hanno collaborato alla costruzione di questo nuovo luogo di culto, finanziato anche da “generose donazioni” di privati.

Nel 2011 il prelato ha ordinato padre P. Tinh. Nello stesso anno ha assegnato la comunità di Na Phac e nel 2014 la parrocchia di Bac Kan, dove lavorano anche i missionari Redentoristi. Questi ultimi hanno il compito di evangelizzare i gruppi etnici e sostenere gli sforzi per garantire il pieno accesso all’istruzione e all’alloggio per i bambini delle minoranze etniche. I religiosi aiutano anche le comunità locali a preservare la loro cultura e lingua madre traducendo scritture e inni in Hmong e celebrando la messa nella lingua locale e vietnamita. A causa delle enormi distanze, molte famiglie devono fare lunghi viaggi e arrivare in parrocchia la sera prima per studiare catechismo o partecipare alla messa.

Da quando i primi cinque battesimi di una famiglia Hmong sono stati celebrati nel 2015, la comunità di Na Phac è cresciuta fino a contare ora 450 cattolici, la maggior parte dei quali sono di origine Hmong e Dao. Molte famiglie cattoliche di etnia Kinh giunsero nella regione nel 1979 dalla provincia di Cao Bang, sfuggendo alla possibile invasione cinese del Vietnam. Na Phac è una delle cinque realtà parrocchiali che dipendono da Bac Kan. Questa è l’unica parrocchia della provincia ed è rimasta senza sacerdote residente per 60 anni a causa di guerre e persecuzioni religiose.

(AsiaNews/Ucanews/Scala News)

Print Friendly, PDF & Email