Missione dell’Icona: farla conoscere a tutto il mondo

0
265

Ogni anno, il 27 giugno, la Congregazione del Santissimo Redentore (Redentoristi) e i devoti di Maria in tutto il mondo osservano la solennità di Nostra Madre del Perpetuo Soccorso. La storia dell’icona si intreccia con la storia dei Redentoristi, poiché oltre 150 anni fa, Papa Pio IX inviò i missionari con il mandato di farla conoscere al mondo. Successivamente, ovunque i Redentoristi viaggino, lavorano costantemente per promuovere la devozione a Nostra Madre del Perpetuo Soccorso.

Se si ha l’opportunità di visitare le Filippine, si consiglia di visitare il Santuario Nazionale di Nostra Madre del Perpetuo Soccorso, noto come Chiesa di Baclaran, che si trova a Manila. Questo santuario è uno dei più rinomati delle Filippine. Ogni mercoledì, vengono condotte fino a 12 novene seguite da messe per rendere omaggio a Nostra Madre, a partire dalle 5:30 e terminano alle 19:30, con ciascuna novena che dura dai 30 ai 40 minuti. Migliaia di persone, in particolare il primo mercoledì di ogni mese, vengono alla chiesa di Baclaran per mostrare la loro devozione a Nostra Madre del Perpetuo Soccorso.

In alternativa, se si ha la possibilità di visitare Singapore, non bisogna perdere l’occasione di visitare la chiesa di Novena, o “Nhà Thờ Tuần Cửu Nhật” in vietnamita. Il nome “Nhà Thờ Tuần Cửu Nhật” si riferisce alla preghiera di nove giorni comunemente usata per onorare Nostra Madre. La novena settimanale si tiene il sabato e richiama molti cattolici e non cattolici.

In Vietnam, tre santuari significativi sono intitolati a Nostra Signora del Perpetuo Soccorso: Santuario di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Thai Ha, Hanoi, nella città di Hue, e al 38 Ky Dong, Saigon. Inoltre, molte persone visitano il Santuario di Nostra Signora La Mã a Ben Tre, un luogo di pellegrinaggio. I missionari redentoristi si prendono cura di tutti questi santuari e la loro menzione evidenzia la devozione universale a Nostra Madre sotto il titolo di Nostra Madre del Perpetuo Soccorso.

C’è chi si chiede: tra i tanti confusi titoli attribuiti alla Beata Vergine, perché la venerazione della Madonna del Perpetuo Soccorso è così fervida? Ci sono diverse spiegazioni per questo. Secondo p. Thanh Tam CSsR, la devozione alla Madonna del Perpetuo Soccorso simboleggia il nostro amore per una Madre perennemente presente, sempre pronta ad alleviare le nostre difficoltà ea provvedere alle nostre necessità. È una Madre amorevole che non ci abbandona mai nelle nostre lotte. È nostro dovere promuovere la sua venerazione, affinché tutti possano conoscere l’amore della Madre sempre presente.

Sebbene molteplici aspetti dell’immagine attirino la devozione delle persone, la caratteristica più accattivante – forse la sua essenza – è lo sguardo profondo e benevolo della Madre. Come dice il proverbio, “Gli occhi sono le finestre dell’anima”, e guardando negli occhi della Madre, si possono discernere almeno tre sentimenti che emanano dal suo sguardo.

In primo piano nel dipinto, lo sguardo della Madre esibisce un’aura gentile, affettuosa, comprensiva e compassionevole, fissa non su suo Figlio, che tiene nel braccio sinistro, ma piuttosto su di noi, gli abitanti del mondo. Papa Francesco ha notato che lo sguardo di Maria è un prolungamento di quello del Padre, che l’ha considerata come una bambina e le ha concesso il privilegio di essere la Madre di Dio. Lo sguardo della Madre riflette quello di Gesù sulla croce, uno sguardo che scava nei nostri cuori, riconosce le nostre debolezze e assolve i nostri peccati. Questo sguardo ci fa percepire l’un l’altro in modo diverso, coltivando misericordia, guida e protezione.

In secondo luogo, quando guardiamo negli occhi della Madre, vediamo che sono sguardi seri e risoluti. Il suo sguardo è pieno di amore e dolcezza, ma allo stesso tempo è anche molto serio e ci costringe ad allontanarci dal peccato, dalla dipendenza, dal buio, piuttosto che essere come quelle madri che coccolano e viziano i loro figli: “Oh , mio povero bambino, va tutto bene, la mamma si prenderà cura di te. No, la Madre chiaramente ci ama e ci salva ma non ci asseconda.

In terzo luogo, a un esame più attento, possiamo percepire una sfumatura di dolore negli occhi della Madre, che ricorda il dolore di tutte le madri sulla terra. In effetti, nessuna madre è esente dalla sofferenza, sia per il coniuge, per il figlio o anche per i nipoti. Nonostante ciò, le madri perseverano e sopportano le loro difficoltà per la felicità dei loro figli. Le madri rimangono fermamente devote al loro benessere anche quando i loro figli crescono. E così è di Madre Maria, che ci è apparsa nel corso della storia, lanciando numerosi inviti ad avvicinarsi a Gesù. A Fatima, per esempio, ha implorato i suoi figli di pentirsi dei loro peccati e rinnovare la loro vita. Eppure il mondo rimane in subbuglio, segnato da conflitti e discordie tra fratelli, matrimoni falliti, figli ingrati e genitori negligenti.

Come alle nozze di Cana, ci troviamo in uno stato di “mancanza di vino”, e nostra Madre supplica Gesù, suo figlio, dicendo: “Non hanno vino”. Come in passato, grazie all’intercessione della Madre, Gesù compì il miracolo di trasformare l’acqua in vino; ora ci rivolgiamo a Nostra Madre del Perpetuo Soccorso e imploriamo Gesù di compiere di nuovo questo miracolo in modo che possiamo essere pieni di grazia, misericordia e fede e dipendere ancora di più da loro.

Ogni volta che guardiamo l’immagine di Nostra Madre, proviamo un senso di tranquillità e protezione. La nostra Madre ci chiama, non solo nei momenti di pace e serenità, ma soprattutto nei momenti di turbolenza, quando abbiamo bisogno di rifugio e riparo sotto il suo manto.

Cara Madre Maria, sei qui con noi, nelle gioie e nei dolori, nei piaceri e nei dolori. Tu e i tuoi figli condividete insieme sopportate il dolore e la sofferenza. Senza di te, su chi possiamo contare? Le nostre vite sono piene di difficoltà e sofferenze e le nostre famiglie sono turbate ogni giorno, ma con te al nostro fianco, dimentichiamo tutti i nostri problemi e ci godiamo la vita in questo mondo di esilio, aspettando con impazienza la gioia eterna con te in paradiso. Amen.

Duc Trung Vu, CSsR

Print Friendly, PDF & Email