I membri del Santuario Nazionale, Baclaran, hanno vissuto l’esperienza dell’immersione a Zambales e della consegna dei regali di Natale

0
139

Mentre Maria e Giuseppe camminavano coraggiosamente attraverso i ripidi pendii e gli aspri terreni sterrati della Giudea nel loro cammino verso Betlemme, 15 membri di vari gruppi (laici, personale, volontari, CSsR, MPS, OSR) del Santuario Nazionale di Nostra Signora Madre del Perpetuo Soccorso, Baclaran, Parañaque City ha intrapreso un’avventura attraverso pianure deserte, fiumi impetuosi e terreni montuosi per vivere e immergersi con i nostri fratelli e sorelle Aeta come parte del Pamaskong Handog ni Inay Maria a Brgy, Santa Fe, Marcelino, Zambales dal 10 al 15 dicembre 2023. Divisi in due gruppi, sette immersioni sono state a Sitio Kamanggahan e otto immersioni a Sitio Baliwet.

Dal lancio del Pamaskong Handog nel 2017, numerose famiglie sono state raggiunte grazie all’amore generoso dei devoti della nostra Madre del Perpetuo Soccorso. Quest’anno, facendo eco al tema quadriennale della Vice-Provincia Redentorista di Manila, “Speranza coraggiosa”, circa 600 famiglie di popoli indigeni (IP) di Brgy, Santa Fe hanno ricevuto pacchetti regalo di Natale il 15 dicembre durante il culmine dell’immersione, che si è svolta contemporaneamente nei due siti o comunità.

Il culmine a Sitio Kamanggahan, che ha coinvolto le famiglie IP del vicino sito, Payudpud, è stato celebrato con un breve programma: danze comunitarie, spettacoli e giochi culturali. Pur non essendo cattolici, con apertura e rispetto hanno partecipato alla celebrazione eucaristica presieduta dal Rev. P. Rico John Bilangel, CSsR, proveniente da Manila. Successivamente, l’aula donata dal Santuario Baclaran è stata benedetta e consegnata. Nel frattempo, a Sitio Baliwet, insieme alle famiglie del sito adiacente, Unwas, si è svolto anche un breve programma e una liturgia ecumenica guidata da Sergio Magaña della Chiesa avventista del settimo giorno e dal Rev. P. Allan Edward Pandaan, CSsR, uno dei immersioni, proseguite con un pasto semplice e la distribuzione di doni.

Il mio breve soggiorno, in particolare a Sitio Baliwet, ha lasciato nel mio cuore lezioni preziose e indelebili. La semplicità della loro vita mi ha riportato alla mangiatoia dove è nato il nostro Salvatore Gesù Cristo. Le loro case sono segnate dal nulla e dall’umiltà, e la maggior parte delle famiglie non ha una fonte di reddito stabile. Anche i miei genitori adottivi, che hanno settant’anni, fanno affidamento esclusivamente sull’aiuto dei loro figli, ma le loro vite risuonano di pace, gioia, contentezza, gratitudine e speranza. Ho visto la ricchezza della loro fede e fiducia in Apo, in Dio che benedice i loro campi e provvede ai loro bisogni. Mancano di beni materiali, ma sono stati generosi nel condividere tutte le loro cose: il cibo e i raccolti, la casa e i loro averi, le loro gioie semplici, la loro fede, le loro storie di vita e le loro speranze. Vivere con loro mi ha insegnato qualcosa di veramente liberatorio e illuminante: una vita vissuta nell’amore e nella cura provvidenziale di Dio. Una vita vissuta con umiltà e semplicità è liberante.

Il nostro viaggio per raggiungere i nostri fratelli IP potrebbe non essere arduo come quello di Maria e Giuseppe, ma i percorsi impegnativi che abbiamo incontrato ne sono valsi sicuramente la pena, perché ho visto Gesù Cristo in loro. In essi, ho toccato le mani di Gesù, gli ho asciugato il viso, ho condiviso un pasto con Lui, ho lavorato e raccolto le radici con Lui, ho guardato e raccolto le verdure per il nostro pasto e mi sono riposato accanto a Lui sul pavimento di legno grezzo e irregolare. Siamo stati mandati per essere canali di coraggiosa speranza, ma è stato nelle loro vite che sono stato testimone della “audace speranza” e, attraverso di loro, ho trovato la nostra vera speranza: Gesù Cristo il Redentore.

Sorella Aerra Mariel F. Beleña, MPS
Missionarie di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, Regione Filippine