I religiosi volontari continuano il loro servizio all’ospedale da campo n. 16

0
66

(Vietnam) I fratelli e le sorelle religiosi hanno iniziato il loro turno di lavoro con la preghiera per i pazienti appena deceduti a causa del coronavirus alle 7:30. presso l’ospedale da campo n. 16, Ho Chi Minh City. Quei lavoratori in prima linea sono membri di diverse congregazioni a Ho Chi Minh City che si offrono volontari per aiutare il personale medico a prendersi cura dei pazienti Covid-19, oltre a svolgere lavori logistici.

Nel luglio 2021, il comitato permanente del Vietnam Homeland Front ha chiesto la partecipazione volontaria di dignitari e seguaci delle religioni a Ho Chi Minh City per partecipare alla prevenzione della pandemia di Covid-19. Poco dopo, circa 700 volontari di organizzazioni religiose si sono uniti all’ospedale da campo.

Oltre al lavoro di cura dei malati, di logistica, … svolgono anche un compito speciale: pregare davanti alla cella frigorifera di chi purtroppo muore ogni giorno per il Covid-19. “Tutto il personale medico e i volontari sono consapevoli del loro ruolo di famiglia del paziente perché i pazienti sono venuti qui da soli. Se il paziente muore, nemmeno la famiglia può essere presente. Pertanto, voglio sempre fare qualcosa per loro. Preghiamo anche per tutti i pazienti qui “, ha detto suor Thuy Linh, membro delle suore di San Paolo di Chartres. Paragona questa pandemia a una guerra che nessuno aveva immaginato: “Questa è una battaglia davvero feroce. Realizzando un tale orrore, dobbiamo unirci ai medici e alle infermiere. Siamo venuti qui per aiutare e lavorare con il personale medico.

Il fratello Quang Phung, un seminarista redentorista, spiega cosa fanno i volontari nell’ospedale da campo: “La cura dei pazienti richiede un servizio dedicato. In particolare cambiamo i pannolini, cambiamo i letti, serviamo cibo ai pazienti, li visitiamo e li incoraggiamo. Se il paziente ha bisogno di qualcosa, noi gliela forniamo”. La sorella Thuy Link dice che questo non è un lavoro facile, soprattutto deve indossare una tuta protettiva medica usa e getta. Ma lei lo conferma con fermezza: “Non ho mai pensato di mollare”. Spiega la sua determinazione: “Perché sono circondata da persone che hanno bisogno di respirare. Mentre posso ancora respirare, ho bisogno di aiutarli”.

È una gioia per i volontari quando un paziente guarisce. Il fratello Quang Phung commenta che servono tutti, indipendentemente dal fatto che i pazienti siano cattolici o non cattolici: “Il popolo vietnamita è una nazione unita. Serviamo e ci prendiamo cura di tutti i pazienti indipendentemente dalla loro religione”. La sorella Linh desidera che l’epidemia finisca presto.

Dopo aver visto questo video, P. Alphonsus Tran Ngoc Huong CSSR è stato toccato dal servizio dedicato dei volontari e quindi ha scritto queste riflessioni:

“Questa mattina, quando ho visto il video reportage VOV all’ospedale da campo n. 16 con il tema “La preghiera al centro della pandemia”, ho visto i religiosi e le religiose in piedi davanti alle bare, pregando per i defunti a causa di Covid-19 in modo che le loro anime possano essere in pace e possano “andare via” senza intoppi e in pace. Ho visto anche che hanno fatto il Segno della Croce; Sono stato commosso dall’atto. Mi chiedo: ogni giorno, quante volte faccio un segno, per abitudine, e quante volte lo faccio con convinzione come quei volontari?

IL SEGNO della Croce, segno di un amore senza confini. Grazie al SEGNO della Croce, i religiosi e le religiose diventano “parenti” dei malati e offrono “preghiere” per i defunti. I familiari dei malati potrebbero non sapere immediatamente della perdita e tristezza.

Non solo servono nel lavoro, quei fratelli e sorelle religiosi diventano ponti spirituali, ponti per fratelli e sorelle defunti per entrare pacificamente nel “mondo” oltre la morte. I religiosi volontari hanno una forte convinzione di un Dio che ama e di un Dio ricco della sua misericordia. È un Dio che accoglie e accoglie tutti. Lui è il nostro Dio e noi siamo i suoi figli. Questa convinzione significa che le persone non sono più separate l’una dall’altra, nemmeno la morte può separarle.

L’importante è che siano accettati e amati indipendentemente dalla loro religione, casta o credo. Dio è amore e tutto è possibile nell’amore di Dio. La pandemia chiude tante porte, ma è anche un’opportunità per aprirne altre in tanti modi: la porta della responsabilità; la porta dell’umanità; e una porta speciale per i defunti, la Porta del Paradiso.

IL SEGNO DELLA CROCE è una preghiera a Dio per aprire le PORTE DEL MONDO CELESTE! Come diceva san Paolo ai Galati: “Non c’è più giudeo o greco, schiavo o libero, maschio o femmina; ma siete tutti uno in Cristo». (Galati 3:28). Sì, siamo tutti UNO in Cristo”.

Duc Trung Vu, CSsR

Tran Ngoc Huong, CSsR

Print Friendly, PDF & Email