150º anniversario della consegna dell’Icona, Lettera del p. Generale

1
947

Roma, 11 dicembre 2015
Cari confratelli, suore, laici associati e amici,
L’11 dicembre 1865, il Beato Papa Pio IX ha accolto la richiesta di P. Nicholas Mauron, C.Ss.R., Superiore Generale, e affidò l’Icona della Madonna del Perpetuo Soccorso alla sua cura, con l’istruzione di “farla conoscere a tutto il mondo!”
Nel mese di gennaio, i Redentoristi hanno ricevuto l’icona dagli Agostiniani, e il 26 aprile 1866, Nostra Madre del Perpetuo Soccorso è stata restituita alla pubblica venerazione nella chiesa di Sant’Alfonso, Roma.
In onore di quest’occasione, abbiamo ricevuto questo messaggio del Santo Padre, Papa Francesco:
“Reverendo Padre Michael Brehl,
Superiore Generale della Congregazione del Santissimo Redentore
In occasione del 150º anniversario della consegna a codesto istituto, da parte del Beato Pio Nono, dell’Icona di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, il Santo Padre auspica che la significativa ricorrenza susciti una rinnovata ed autentica devozione alla Vergine Santa, spronando l’intera famiglia religiosa e quanti ne condividono il carisma a rendere una sempre più incisiva testimonianza evangelica. Con tali voti Sua Santità invoca, per intercessione della Madre del Redentore, abbondanti grazie celesti ed invia la Benedizione Apostolica.
Dal Vaticano, 11 dicembre 2015.
Cardinale Pietro Parolin
Segretario di Stato di Sua Santità”
V’invito a condividere questi saluti del Santo Padre con la vostra comunità e con le persone che si riuniscono per onorare la nostra Madre del Perpetuo Soccorso nelle nostre chiese, parrocchie e santuari.
Con gratitudine, preghiamo per le benedizioni di Dio sul Santo Padre e il suo ministero petrino. Possa Nostra Madre del Perpetuo Soccorso continuare ad accompagnare tutti noi con il suo tenero amore e cura.
Vostro fratello nel Redentore,
Michael Brehl, C.Ss.R.
Superiore Generale

2015.12.11 Messaggio dal Papa Francesco

Print Friendly, PDF & Email

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here