Festa di S. Alfonso: Messaggio del Superiore Generale

0
659

CONGREGATIO SS. REDEMPTORIS

Superior Generalis

1 Agosto 2017

Solennità di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori

Prot. No. 0000 100/2017.

TESTIMONI DEL REDENTORE:

In Solidarietà per la Missione in un Mondo Ferito

 

Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite, come pecore che non hanno pastore.

(Matteo 9:36)

Cari Confratelli, Sorelle, Laici Missionari e Associati,

            Nel celebrare la solennità di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, C.Ss.R., nostro Fondatore e Custode del Carisma affidato alla Congregazione, vi invito a ricordare il suo profondo spirito di solidarietà e di vicinanza. Alfonso era vicino ai Confratelli e vicino agli abbandonati ed ai poveri a cui siamo stati inviati. Tale vicinanza è nata dalla sua profonda solidarietà con il Redentore e la sua profonda compassione verso i poveri abbandonati, le sorelle e i fratelli a cui il Redentore è stato mandato dal Padre.

  1. Solidarietà e Vicinanza

Questo spirito di solidarietà e di vicinanza deve essere la forza motivante che ci guida nel vivere il tema proposto dal XXV Capitolo Generale. È stato questo lo spirito che era anche al centro della Decisione 44, riguardante la visita della Congregazione da parte del Governo Generale, all’inizio di questo Sessennio:

Per rivitalizzare la vita apostolica della Congregazione e per promuovere una maggiore consapevolezza dei confratelli sul processo di ristrutturazione, il Governo Generale integrerà i programmi di Rinnovamento della nostra Vita e della Missione con le Visite, durante il sessennio, a partire dal 2016.

Il processo del Capitolo Generale ha fatto affiorare la profonda preoccupazione che il messaggio, le decisioni e il tema debbano essere comunicati dal Governo Generale a tutta la Congregazione, ad ogni Confratello e partner laico, quanto prima, dopo la conclusione della Terza Fase . Al fine di raggiungere questo obiettivo, nessun documento potrebbe essere sufficiente. Così, i Capitolari hanno deciso che il Governo Generale dovrà integrare questa dimensione nel corso delle Visite.

Quando ho incontrato il Consiglio Generale per iniziare il nostro servizio per questo sessennio, è stato chiaro che, se vogliamo fare questo in modo così significativo e impegnativo per tutti, dobbiamo realizzare una Visita straordinaria di tutta la Congregazione – se possibile, prima delle Riunioni di metà Sessennio, che si terranno nel 2019. Dopo aver parlato con i Coordinatori, lo scorso marzo 2017, e consultandomi con molti dei nostri Superiori (V)Provinciali, abbiamo deciso di avviare questa Visita Straordinaria in ogni Conferenza il più presto possibile, al completamento della Terza Fase del Capitolo Generale. Speriamo che questa Visita Straordinaria ci porti ad uno spirito più profondo di vicinanza e di solidarietà tra di noi, all’interno della Congregazione, e che ci sfidi anche verso una vicinanza e una solidarietà più radicale verso i poveri abbandonati a cui veniamo mandati a servire.

  1. La Visita Straordinaria della Congregazione – 2017/2018

Il Governo Generale, insieme ai Coordinatori delle Conferenze, condurrà questa Visita Straordinaria della Congregazione, in consultazione con i Superiori (V)Provinciali e Regionali delle Unità. Lo strumento primario sarà rappresentato dalle Assemblee, nelle diverse zone geografiche della Congregazione. Queste assemblee normalmente non saranno per una sola (V)Provincia, Regione o Missione, ma per i Confratelli che vivono in un determinato paese o area geografica.

            La nostra visione e la nostra speranza è che ogni Assemblea coinvolga i Confratelli di varie Province, Regioni e Missioni, in modo da essere multiculturale e interprovinciale, e in modo da esprimere la realtà della Congregazione e l’idea della Ristrutturazione affermata dal Capitolo Generale. A volte, a causa di impegni apostolici, alcuni confratelli non potranno partecipare all’Assemblea più vicina alla loro Comunità. Tuttavia, chiediamo a ciascun Confratello di fare del proprio meglio per partecipare ad una delle assemblee previste per la zona geografica a cui appartiene. Questa natura internazionale e interprovinciale delle Assemblee sarà una dimensione importante della Visita Straordinaria.

            Nell’ambito della Visita Straordinaria, il Governo generale si incontrerà, inoltre, con i Superiori (V)Provinciali e Regionali di ciascuna “zona” geografica in particolare. Come utile e necessario, saranno organizzate riunioni periodiche con altri gruppi particolari, quali i Consigli, i Segretariati, le Commissioni, ecc.

            Come Superiore Generale, parteciperò al maggior numero possibile di Assemblee. Anche quando non sarò in grado di essere fisicamente presente in una Assemblea, incontrerò i Superiori di quella particolare zona geografica.

  1. Piano Apostolico e Ristrutturazione

Il XXV Capitolo Generale ha deciso che il Governo Generale «produrrà i criteri per l’attività apostolica della Congregazione» (Decisione 5) per assistere le Conferenze e le Unità nello sviluppo dei loro piani apostolici. Ha inoltre deciso che il “Governo Generale, in collaborazione con i Coordinatori delle Conferenze e le Unità della Congregazione, continuerà il processo di ristrutturazione per la Missione con tutte le sue implicazioni” (Decisione 1).

Le Decisioni del XXV Capitolo Generale ribadiscono che questo processo di sviluppo dei Piani Apostolici nonché il processo di ristrutturazione debba coinvolgere ogni Conferenza e ogni Unità e Comunità: ricchi o poveri, grandi o piccoli, forti o deboli, perché insieme noi formiamo “un sol corpo missionario” (Cons. 2). Questo processo sfida anche ogni Confratello e partner laico a partecipare nel miglior modo possibile.

            Come parte di questo processo di pianificazione missionaria e di ristrutturazione, la Decisione n. 44 chiarisce che le Visite del Governo Generale devono rivitalizzare la Vita Apostolica della Congregazione e promuovere una maggiore consapevolezza dei Confratelli sul Processo di Ristrutturazione. Questo sarà l’obiettivo primario di queste Assemblee durante questa Visita Straordinaria – per il bene della Missione che ci è stata affidata dal Redentore.

  1. Participazione alla Visita

Per raggiungere tale obiettivo, è molto importante la vostra partecipazione a questa Visita con un impegno attivo in Assemblea. Dopo la Terza Fase del Capitolo Generale nella vostra Conferenza, verranno comunicate ad ogni (V)Provincia, Regione, Missione e ad ogni Confratello le informazioni sul programma delle Visite, sulla preparazione necessaria in ogni comunità e su come partecipare. Come Superiore Generale, faccio appello personale a ciascuna Comunità e ad ogni Confratello di partecipare il più possibile.

Mi rendo conto che alcuni Confratelli non saranno in grado di partecipare alla Assemblea poiché l’età e la salute potrebbero essere d’ostacolo o per altri motivi validi. Tuttavia, vi incoraggio a partecipare alla preparazione e al dialogo nella vostra comunità, sia prima che dopo l’Assemblea della vostra zona. I vostri contributi e le vostre opinioni sono fondamentali in questo processo. Se non potete partecipare personalmente all’Assemblea, è importante che rispondiate al questionario preparatorio sia personalmente che attraverso la vostra comunità.

Una volta completata la Visita Straordinaria, il Governo Generale inizierà le visite più specifiche alle (V)Province, alle Regioni e alle Missioni, e, in particolare, a quei Confratelli legittimamente impediti ad una piena partecipazione alle Assemblee.

  1. Benedizione e Conclusione

Nel celebrare la solennità di Sant’Alfonso, incoraggio ogni comunità e ogni confratello a chiedere la sua intercessione per questa Visita Straordinaria che inizia in America Latina, nel mese di settembre. Viviamo un momento straordinario, un momento di grandi sfide e di grandi opportunità. Non vedo l’ora di vivere questa Visita Straordinaria con voi.

In comunione con tutta la Chiesa, guidata da Papa Francesco, impegniamoci sul tema di questo sessennio: TESTIMONI DEL REDENTORE: In Solidarietà per la Missione in un Mondo Ferito.

Dio ci benedica dandoci la grazia come veri discepoli di Sant’Alfonso di seguire Cristo Redentore con i cuori pieni di gioia. Sacrificando noi stessi e sempre pronti ad accettare ciò che è impegnativo, possiamo noi condividere pienamente il mistero di Cristo e proclamarlo con la semplicità evangelica della vita e del linguaggio, affinché possiamo portare alla gente il dono della piena redenzione (cfr Cons. 20)

Possa nostra Madre del Perpetuo Soccorso accompagnarci sempre.

Vostro fratello nel Redentore,

 

Michael Brehl CSsR

Superior General

Print Friendly, PDF & Email