“La carità non finirà mai”, Mons. Vicente Ferriera CSsr

0
628

Mons. Vicente Ferriera CSsr parla con Scala News sulla sua nomina di vescovo ausiliare di Belo Horizonte, Brasile e sulla sua missione.

D: Quali sono stati i suoi primi pensieri dopo essere stato nominato vescovo?

L’8 marzo 2017 è stata pubblicata la mia nomina di vescovo ausiliare dell’Arcidiocesi di Belo Horizonte, Brasile. Per me, è stato il momento in cui molte cose hanno iniziato a cambiare nella mia vita. Ero in una comunità religiosa redentorista e dovevo fare tutto questo processo di cambiamento di luogo, di indirizzo e anche di realtà. Lasciare la vita religiosa per la vita diocesana è stato un grande cambiamento. Quindi posso confidarti che la prima grande emozione mi è stata data dal cambiamento e dalla trasformazione. Ancora oggi sono all’inizio di questa nuova vita come vescovo perché per me è un altro mondo.

Sto imparando molte cose che fino ad oggi non conoscevo dalla vita quotidiana della vita cristiana e religiosa. Era un altro mondo quello che ho vissuto, un nuovo orizzonte e quindi la grande sensazione è di trasformazione, di cambiamento, di apprendimento. Allo stesso tempo una gioia per essere stato invitato da Papa Francesco e nominato da lui per essere vescovo, e anche la certezza che sarà una grande sfida, un grande compito e una grande responsabilità. Cammino felicemente, cercando di imparare, di inserirmi in questo nuovo posto, in questo nuovo ministero che è l’episcopato.

D: Può condividere qualcosa sulla sua famiglia?

Provengo da una famiglia semplice, dall’interno dello stato di Spirito Santo, una piccola comunità chiamata Araraí, una comunità gioiosa in Spirito Santo, in Brasile. Da una famiglia cattolica, e siamo 9 fratelli. Mio padre e mia madre sono in vita. Lavorano e vivono ancora in questo villaggio. Sono persone cattoliche, di fede molto profonda. Ho l’eredità di una famiglia molto religiosa e fraterna. Ho trascorso tutta l’infanzia con la mia famiglia e studiando, fino ad avere quindici anni.

D: Quando ha incontrato i Redentoristi? Può dirci qualcosa sugli anni della Formazione?

Ho lavorato con i miei genitori in azienda e nei campi. Terminata la scuola elementare, sono venuto in contatto con i missionari redentoristi e tra i 14 e i 15 anni ho iniziato il mio percorso con la Congregazione nella città di Juiz de Fora, Minas Gerais. È stato il primo, grande, cambiamento della mia vita perché da una piccola famiglia sono passato a vivere all’interno di una comunità molto accogliente, in una piccola città. Ho avuto una vita familiare molto interessante vivendo con i fratelli, gli zii, i nonni, tempo libero e Chiesa. Ho vissuto in un bel posto e fare quel primo passaggio nella mia vita, verso una città più grande, frequentare un college con un altro profilo, è stato un grande passo e un grande cambiamento nella mia vita.

Ho cominciato con i missionari redentoristi, che mi hanno offerto tutta la formazione necessaria per lo sviluppo di una persona umana, nella mia adolescenza, l’approfondimento spirituale ha fatto crescere la mia vocazione. Sono stato per 12 anni nella formazione redentorista, attraverso i corsi di noviziato, di filosofia e teologia, e sono diventato sacerdote redentorista nel 1996. Sono stato ordinato da un vescovo redentorista, Dom Lelis Lara, adesso deceduto.

D: Qual è stato il suo apostolato principale dopo essere diventato sacerdote?

Per circa 20 anni ho lavorato come insegnante nella congregazione, sono stato Provinciale per 9 anni, nella Provincia redentorista di Rio de Janeiro, e dopo aver lavorato come provinciale sono stato inviato a Belo Horizonte, a lavorare con gli studenti di teologia. In questi ultimi anni ho vissuto nella comunità Dom Muniz che lavora con un gruppo di circa 20 giovani redentoristi che frequentano il corso di teologia quando è arrivato il grande cambiamento.

D: Qual è stata la sua esperienza nella Congregazione in questi anni?

Posso dire che la Congregazione Redentorista è la mia famiglia, ho la mia famiglia di amici, ma ho la grande famiglia redentorista. Ho potuto incontrare tanti confratelli, da tanti posti. Ho viaggiato in tutto il mondo, ho partecipato al capitolo generale come provinciale. Conosco molto la Congregazione. Ho molti amici in questa realtà redentorista. Da quest’anno sono stato chiamato a fare un grande cambiamento, con la mia nomina come vescovo.

D: Come vedi la sua transizione da essere un missionario redentorista a un vescovo?

Ho lasciato la congregazione e sono stato ordinato vescovo il 27 maggio 2017 presso la Chiesa di San Jose a Belo Horizonte. Da lì, ho iniziato il mio viaggio nell’arcidiocesi di Belo Horizonte come vescovo ausiliare. Porto nel mio cuore gratitudine per tutto ciò che ho ereditato dalla formazione umana e spirituale della Congregazione, di San Alfonso, e la sua spiritualità. E adesso un nuovo passo, un nuovo lavoro, l’arcidiocesi di Belo Horizonte con il suo arcivescovo, monsignore Walmor, che ha 5 vescovi ausiliari. Siamo stati divisi in regioni pastorali e sarò il vescovo ausiliare del settore missionario. Questa è una grande gioia perché sono di una Congregazione missionaria.

D: In cosa consiste questo lavoro?

Stiamo iniziando a lavorare sulle realtà più periferiche dell’arcidiocesi. E’ stata una decisione del piano pastorale diocesano di dare maggiore attenzione alle città, alle favelas e ai comuni più remoti dell’arcidiocesi. Comincio a guidare, a fare un lavoro con una comunità molto interessata con i religiosi, i laici ed i diaconi. Un lavoro di avvicinamento alla nostra Chiesa dalle realtà periferiche dell’arcidiocesi di Belo Horizonte. Ora abbiamo 500.000 persone che vivono in agglomerato, in villaggi e favelas. Aggiungendo circa 170 comunità, che hanno bisogno della nostra presenza ecclesiale più forte e più organizzata.

D: Qual è il suo approccio nella nuova missione?

Il mio atteggiamento principale in questo inizio è stato quello di ascoltare e approfondire le comunità alla ricerca di leadership e di comunità esistenti già organizzate con laici che sono molto interessati a questo lavoro. Cominceremo ad organizzare questo lavoro lungo la periferia della grande arcidiocesi di Belo Horizonte. L’arcidiocesi ha ora 5 milioni di abitanti. All’interno stiamo facendo questo lavoro con le comunità più periferiche.

D: Come vede il suo ruolo di vescovo durante il pontificato di Papa Francesco?

Credo che Papa Francesco ci ha chiamati a questo atteggiamento missionario. Sto tornando da un corso di formazione per nuovi vescovi, siamo stati 114 vescovi riuniti e l’ultimo giorno abbiamo avuto la gioia di incontrare Papa Francesco, e abbiamo potuto sentire una grande armonia e un grande desiderio di abbracciare le ispirazioni che il nostro Santo Padre ci ha provocato, specialmente nell’essere una Chiesa accogliente, presente con le realtà più ferite della nostra società. Insiste così tanto per essere una Chiesa vicina al popolo, per accogliere il popolo di Dio. Abbracciare i poveri.

Il desiderio della nostra Arcidiocesi di Belo Horizonte è di rispondere a questo invito di Papa Francesco, ad essere una Chiesa aperta. Essere vicino a queste realtà più sofferenti. Ascoltando in questi ultimi giorni, tante cose sulle raccomandazioni per il nuovo vescovo della Chiesa, identifico molto questa conversione.

Siamo pastori, che devono tenere il cuore pieno di affetto, tenerezza e misericordia verso i nostri popoli, soprattutto verso i più poveri. È anche un’eredità di S. Alfonso, porto questo come un modo di essere un redentorista. Essere con la gente, costruire un percorso ecclesiale, tener conto della presenza dei laici nella nostra Chiesa. In Brasile abbiamo una realtà molto interessante, la presenza delle donne, in tutta l’America Latina, la presenza delle donne nell’evangelizzazione come catechiste, animatrici di comunità. In molte delle nostre realtà fanno e costruiscono la Chiesa. Siamo in sintonia con lo spirito di Papa Francesco, della Chiesa e anche dello spirito di S. Alfonso.

D: Qual è il suo messaggio alla Famiglia Redentorista?

Vorrei dire che essere oggi un vescovo nel contesto in cui sono stato chiamato è un’estensione della mia missione redentorista. Tutto ciò che ho imparato come il desiderio di andare verso le persone. Tutto ciò che ho sperimentato come Redentorista lo sto vivendo in una nuova dimensione, forse ancora più radicale. È un cambiamento per il bene e il servizio della Chiesa.

Ho scelto come motto del mio episcopato – la carità non finirà mai. Ricompensare gli insegnamenti di S. Alfonso, nella pratica dell’amore di Gesù Cristo. Quando parla dell’amore di Dio per noi è l’amorevole risposta che dobbiamo dare a quell’amore. Questo ha ispirato il mio motto episcopale e ha ispirato la mia vita e il mio nuovo ministero. Vivere con le nostre debolezze, ma testimoniare l’amore di Dio, specialmente a quelle persone e comunità che si sentono più indeboliti in questa esperienza. Vi chiedo di pregare per me, per il mio lavoro e contribuendo ad offrirci l’evangelizzazione nelle grandi città e favelas contattandoci attraverso la Congregazione Redentorista e unendo le forze con questo progetto di evangelizzazione tenendo conto che la redenzione è abbondante. E che nostra signora, la madre del Perpetuo Soccorso, ci aiuti sempre a dare il nostro sì nella vita quotidiana delle nostre vite, al servizio del vangelo al servizio del regno di Dio.

Biju Madathikunnel, CSsR

Print Friendly, PDF & Email