Messaggio conclusivo del Congresso Missionario Redentorista 2018, Brasile

0
544

Aparecida, 2 febbraio 2018.

Alla famiglia Redentorista,

Dal 28 gennaio al 2 febbraio, in Aparecida (Brasile), si è tenuto il Congresso Missionario Redentorista, il cui tema era: “Sante Missioni: identità redentorista in una Chiesa in uscita”. Hanno partecipato P. Rogério Gomes (consultore generale), alcuni superiori (vice) provinciali, confratelli di tutte le unità Redentoristi in Brasile e alcune unità della URNALC e URSAL, religiosi che lavorano nelle missioni, studenti redentoristi e missionari laici redentoristi.

Sappiamo che siamo chiamati a “continuare l’esempio di Gesù Cristo il Salvatore predicando ai poveri la Parola del Signore” (C. 1) e crediamo che questa continuità sarà autentica solo se nel nostro corpo missionario riusciremmo ad avere, tra altri impegni, questa itineranza di Gesù attraverso la predicazione delle Missioni popolari redentoriste (SMPR): proclamare la Buona Novella ai poveri (cfr Lc 4, 18) e aiutarli ad uscire dal profondo abisso in cui sono stati gettati (cfr. Sal. 130).

P. Rogério Gomes (consultore generale)

Grati dalla chiamata che, crediamo, sia stata fatta da Dio attraverso la Chiesa alla Congregazione per collaborare nella costruzione del Regno di pace, giustizia e amore, affermiamo il riconoscimento della validità delle Missioni Popolari come metodo di evangelizzazione sempre opportuno nella storia della Chiesa, specialmente in questo momento. Il suo valore sta nell’essere una Chiesa in uscita verso la campagna, verso le piccole e grandi città, alle periferie esistenziali, non per creare o espandere strutture, ma per promuovere la vita attraverso l’incontro dei fratelli: “I Redentoristi proclamano, soprattutto, la sublime vocazione dell’uomo e l’umanità … Si sforzano di incontrare Cristo dov’è già presente e agisci nel suo modo misterioso”.(C.7)

Riconosciamo la necessità d’aggiornamento costante, per predicare il Vangelo così sempre nuovo; che stimola ai laici, ai nostri studenti e a tutti coloro che si sono radunati, in modo che questo ideale di Alfonso continua a vivere nelle nuove generazioni; maggiori investimenti in risorse materiali che consentiranno maggiore efficacia nel lavoro missionario; fornire più confratelli per il servizio esclusivo alle missioni popolari; disponibilità degli altri confratelli per questo tipo di attività straordinaria.

Consapevoli della necessità di adattarsi alle condizioni speciali di ogni situazione, ci impegniamo a cercare in modo permanente nuove strade, attenti ai bisogni del Popolo di Dio, in armonia con la Chiesa, in un costante scambio di esperienze e collaborazione, affinché la cultura della missione venga  rivitalizzata in alcune unità e ricreata in altre.

Possa San Alfonso e la Madre del Perpetuo Soccorso intercedere con il Santissimo Redentore affinché, attraverso il suo Spirito riversato nei nostri cuori, possa suscitare un maggiore zelo missionario nella nostra Congregazione per fare la volontà del Padre: la Missione!

Partecipanti al Congresso Missionario Redentorista 2018

Print Friendly, PDF & Email