Il monastero dei Redentoristi a Belfast appare come un’icona di speranza per la città in difficoltà

0
238

Il redentorista Padre John Hanna nella biblioteca del monastero di Clonard a Belfast, nell’Irlanda del Nord, che ha ospitato i colloqui di pace che hanno portato all’accordo del venerdì santo del 1998. (Credito: Claire Giangravè)

BELFAST – Nascosto tra due mondi, il Monastero di Clonard a West Belfast rimane un simbolo di dialogo e incontro nell’Irlanda del Nord post-conflitto. Non solo si colloca tra quartieri cattolici e protestanti notoriamente difficili, ma è stata l’occasione per i colloqui di pace che alla fine porteranno allo storico Accordo del Venerdì Santo nel 1998.

La chiesa redentorista, costruita nel 1911, ha avuto un ruolo cruciale nella promozione del dialogo tra repubblicani, cattolici nazionalisti e lealisti, protestanti unionisti, e continua a riunire le comunità per la messa e la preghiera.

Tuttavia, al vedere i muri che corrono attraverso la città che separa i quartieri cattolici e protestanti, è difficile ignorare il passato violento che ha avvolto la chiesa per anni.

“Il muro di Berlino è sparito, ma il nostro è ancora qui”, ha detto a Crux padre John Henna, uno dei 14 sacerdoti redentoristi che prestavano servizio nel monastero, mentre si affacciava sulle possenti recinzioni.

La chiesa non è estranea alle rivolte violente e alle sparatorie da quando ha subito gli attentati durante i conflitti globali del secolo scorso e ha offerto asilo alla comunità. Dopo il 1969, quando le tensioni politiche e religiose raggiunsero il climax e le mura furono erette, l’area circostante il monastero avrebbe potuto essere paragonata ad un campo di battaglia.

Nel periodo sanguinoso che seguì, noto come “The Troubles”, il monastero divenne la chiave del processo di pace della regione.

P. Hanna ha detto che la chiesa ha interpretato questo ruolo in gran parte a causa della leadership visionaria di due dei suoi colleghi Redentoristi, entrambi con sede a Clonard: padre Alec Reid, morto nel 2013, e padre Gerry Reynolds, scomparso due anni dopo nel 2015.

Reynolds era un pioniere ecumenico, e si dice che abbia visitato più chiese protestanti durante la sua vita di qualunque altro sacerdote nella storia dell’Irlanda.

Una volta ha detto che “il destino dei cristiani nell’Irlanda del Nord è quello di contribuire a porre fine al conflitto della Riforma. Per le congregazioni cattoliche la terra promessa è tra i loro fratelli e sorelle protestanti; per le congregazioni protestanti è tra i loro fratelli e sorelle cattolici”.

Reid, nel frattempo, iniziò i suoi sforzi come pacificatore durante la metà degli anni ’70 durante le visite ai nazionalisti irlandesi nelle prigioni britanniche, dove cercò di riconciliare le ali moderate e radicali del movimento.

È diventato famoso nel 1988 quando ha celebrato una messa funebre per due soldati britannici uccisi dall’IRA, il movimento paramilitare che promuove il nazionalismo irlandese, un gesto di compassione che è diventato una delle immagini iconiche dei Troubles.

Dal 1987 al 1998, Reid ha incoraggiato le conversazioni tra John Hume, leader del partito socialdemocratico e laburista (SDLP), e Gerry Adams, che è stato il leader del partito nazionalista Sinn Féin fino a febbraio scorso.

Il sacerdote fungeva da mediatore per il dialogo tra le due parti, che è stato un passo cruciale nel portare l’IRA ad accettare un cessate il fuoco. È stato Reid a portare una lettera firmata da Adams che proponeva una soluzione politica ai violenti scontri. Ha cambiato la sua busta, coperto nel sangue di una delle tante vittime degli attacchi terroristici, e lo ha consegnato personalmente a Hume.
Quei discorsi storici, così come quelli con il governo britannico e le conversazioni interreligiose, si svolgevano tutti all’interno del monastero coperto di mattoni, un rifugio sicuro dai tumulti esterni.

“È diventato un luogo santuario dove le persone potevano venire a parlare”, ha spiegato Hanna.

Vista dalla biblioteca del monastero di Clonard a Belfast, nell’Irlanda del Nord, dove ancora oggi si ergono mura di pace che separano quartieri cattolici e protestanti. (Credito: Claire Giangravè.)

In quel periodo viveva lì e serviva caffè, tè e torte alle “persone interessanti” che passavano, dai membri dell’esercito britannico ai membri dell’IRA. Gli incontri tra Hume e Adams dovevano essere segreti, disse, e vennero attraverso porte separate, “ma qui non ci sono segreti”.

I colloqui si sono svolti in una biblioteca al terzo piano del monastero, dove le pareti che dividono la città sono chiaramente visibili dalle finestre.

Hanna descrisse l’atmosfera nella stanza, che conteneva il destino dell’Irlanda del Nord, per essere buona durante i colloqui, e disse che c’era molta speranza che potesse emergere una pace duratura.

Un giorno, mentre passava accanto a una stampante al piano di sopra, vide una copia segreta del tanto atteso accordo abbandonato dalla macchina.

“Avrei potuto uccidere per quello!” Ha scherzato, ma invece ha detto che l’ha distrutto e che il giorno seguente, il 31 agosto 1994, i giornali hanno annunciato “la completa cessazione delle operazioni militari” da parte dell’IRA.

Reid visse abbastanza a lungo per vedere l’incoronazione dei suoi sforzi, che portò agli storici Accordi del Venerdì Santo del 1998 e alla formazione di un sindacato unito e un governo nazionalista, e in seguito passò alla negoziazione della pace tra i separatisti baschi e il governo spagnolo.

Hanna è stato trasferito da Clonard a Cork, in Irlanda, nel 1998, e solo due anni fa è tornato. Vent’anni dopo, ha detto che Belfast è un posto diverso da quello che ricorda, dove l’allegria e l’ospitalità sono più il suo marchio di fabbrica delle faide settarie.

La città in cui è tornato è “certamente pacifica”, ha detto. “È diventato un’attrazione turistica!” Ha aggiunto.

I muri ricoperti di graffiti che un tempo simboleggiavano l’odio e la divisione sono diventati un luogo preferito per i visitatori stranieri, e i taxi neri trasportano turisti attraverso la città per ottenere il tour dei touristi nazionalisti e unionisti.

Hanna ha detto che Belfast è cambiata anche in altri modi, con un diminuito senso di comunità e un aumento dei matrimoni interreligiosi tra cattolici e protestanti.

Anche se ammette che questi continuano ad essere “tempi difficili”, dice che la religione continua a svolgere un ruolo importante.

“La Chiesa è molto popolare, la gente viene ancora”, ha detto.

Nel 1981, il Monastero di Clonard gemellò con la Chiesa presbiteriana di Fitzroy alla Queen’s University, portando la fiaccola del dialogo. Ogni giovedì il monastero tiene le novene, che attirano fino a 15.000 persone – sorprendentemente, compreso un buon numero di protestanti che rimangono anche per la messa.

Clonard trasmette anche le novene online, con un massimo di 5.000 persone che si sintonizzano per ascoltare e ha persino lanciato una propria app.

Fedeli di Clonard parteciperanno anche all’incontro mondiale delle famiglie il 21-26 agosto a Dublino. Hanna ha respinto ogni idea che le persone nell’Irlanda del Nord siano state deluse perché il papa non le sta visitando.

“È una cosa dei media”, ha detto, ma ha riferito che molti non vedono l’ora che arrivi la prossima visita papale. “C’è entusiasmo al riguardo, c’è entusiasmo”, ha detto Hanna, prima di aggiungere con un sorriso, “sarà interessante”.

(cruxnow.com, Claire Giangravè, 16 agosto 2018)

Print Friendly, PDF & Email