Un progetto redentorista dietro la testimonianza di donne senza libertà che pregano Maria con il Rosario

0
269

(Panama) – Con il pensiero di fare meglio il servizio e quanto saranno i giovani che parteciperanno alla Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) 2019, a Panama, 60 detenute del Centro di riabilitazione femminile “Cecilia Orillac de Chiari” trascorrono le loro giornate facendo “los denarios”, vale a dire, le corone di decine del Rosario che saranno usati per la preghiera mariana.

Questa attività è svolta attraverso un workshop chiamato “Figlie della fede”, che è guidato dai Missionari Redentoristi e proposto dalla catechista della Parrocchia di San Gerardo, Maria Mayela, dell’Arcidiocesi di Panama, Luz Angela Tavares.

Oltre a riunire dozzine di palline per creare la corona, queste detenute vengono formate anche attraverso l’Università di Panama. L’istituzione, al fine di aprire uno spazio per la crescita, insegna a queste 60 donne di diverse nazionalità che hanno scelto di far parte del cambiamento.

Centro Femenino de Rehabilitación “Cecilia Orillac de Chiari”

Questa iniziativa è quella con più accoglienza e numero di partecipanti da parte delle detenute, in genere va oltre la semplice creazione di strumenti di preghiera, perché ha anche provocato in queste donne l’abitudine di pregare il rosario tutti i giorni “per pura convinzione e non per imposizione”, ha rassicurato Tavares.

“Questo ha servito alla nostra crescita nella fede, perché dalla nostra realtà, ci fa sentire utili sapendo che stiamo facendo una corona del rosario in modo che gli altri possano pregare, e che molto riempie il nostro spirito, ci da luce e speranza nel sapere che siamo in un posto dove nessuno vuole stare, ma da qui serviamo Dio. Come dice la Bibbia: nella difficoltà, sono più forte, ed è esattamente come mi sento”, ha detto Diana Torres, coordinatrice interna del progetto.

D’altra parte, come testimone, la venezuelana Zuleima Coromoto ha detto essere di un’altra confessione religiosa, tuttavia, lei osserva che facendo questo servizio si sente libera.

“Questo lavoro ci aiuta a distrarci, è come sentire che non siamo privati ​​della libertà, e perché crediamo in un solo Dio, siamo orgogliosi di contribuire a questo evento mondiale, perché sappiamo che attraverso questo ci accingiamo a dare gioia agli altri persone”, ha detto Coromoto.

La Chiesa cattolica attraverso il programma le Figlie della Fede mira a posizionarsi come un centro di produzione di articoli religiosi e souvenir di vario tipo, e conseguire così risorse per far sì che il progetto possa continuare la loro marcia e le detenute, molti di loro testa di famiglia, possono contribuire alle loro case con uno sguardo di conversione e misericordia.

(www.telemetro.com/jmj)

Print Friendly, PDF & Email