Nuova icona benedetta di Maria Celeste Crostarosa per le monache Redemptoristine in Slovacchia

0
123

(Kežmarok, Slovacchia) – P. Václav Hypius, CSsR, provinciale Redentorista e Presidente della Conferenza dei Superiori Religiosi Maggiori della Slovacchia, ha benedetto un’icona della Fondatrice delle suore Redentoriste nella Festa dell’Esaltazione della Santa Croce e l’anniversario della morte della Beata Maria Celeste Crostarosa, il 14 settembre 2019. Questa icona si trova sul lato destro della chiesa del monastero di Kežmarok ed è stata dipinta dall’artista e scultore Jaroslav Halmo.

Nell’omelia, p. Václav ha sottolineato il mistero della croce e il suo significato nella vita di un credente. Ha concluso con questa similitudine: la vista dal monastero, situato sopra Kežmarok, ci consente di vedere molto di più di quanto potessimo vedere dal livello della città sottostante. Allo stesso modo, abbracciare le croci nella nostra vita ci solleva fino al Crocifisso, unendoci a Lui e trasformando la nostra visione della vita; dalla croce, possiamo vedere la nostra vita dal “punto di vista di Dio”.

Dopo la messa, p. Jozef Brodňanský, OSB, del monastero benedettino di Sampor, ha spiegato i simboli mostrati nei dettagli dell’icona che sono stati usati dall’artista Jaroslav Halmo. Ci mostra che questo mondo può farci due domande: crediamo nel mondo o crediamo in Dio? Se crediamo in Dio, l’icona della Beata Maria Celeste è un’espressione della sua fede in Dio, e non seguire le ambizioni e desideri personali, neanche il pensiero di questo mondo. Lei è stata in grado di rinunciare al proprio ego per il bene della sua comunità, che esiste ancora, qui a Kežmarok e in tutto il mondo. L’artista vorrebbe che a Maria Celeste venisse insegnato ad ascoltare Dio in preghiera e in silenzio perché spesso è il nostro flusso di parole a Dio, che ci impedisce di ascoltare ciò che Dio vuole dirci.

Le suore, insieme agli ospiti invitati, hanno commemorato l’ora dell’incontro de la Beata Maria Celeste con il suo creatore alle 15:00 del pomeriggio. Dopo una breve lettura sulla sua scomparsa, abbiamo realizzato la Via Crucis, arricchita da testi tratti dalla sua autobiografia. Le Stazioni della Croce ci hanno ricordato quanto la sua vita fosse unita alla vita di Cristo. La sofferenza che ha dovuto subire ha portato al suo atteggiamento determinato: “D’ora in poi, il mio unico desiderio è quello di imprimere Gesù crocifisso, il Suo santo vangelo e la santa fede sul mio cuore con tutte le mie forze. (…) Con tutto il cuore desidero raggiungere il mio unico e ultimo obiettivo: l’unione completa con il mio unico e supremo Bene, e solo a Lui voglio fare appello. “

Suore Redemptoristine, Kežmarok, Slovacchia

Print Friendly, PDF & Email