Un pellegrinaggio sulle orme di San Clemente Hofbauer

0
415

(Austria) – Un pellegrinaggio sulle orme di San Clemente Hofbauer si è svolto dal 26 al 30 agosto. San Clemente è un Redentorista che viene spesso chiamato il “Secondo Fondatore” della Congregazione del Santissimo Redentore, fondata da Sant’ Alfonso de Liguori in Italia. Ecco perché è stato chiamato il “secondo”, perché ha portato la Congregazione al di fuori delle Alpi.

Complessivamente 26 membri hanno preso parte al pellegrinaggio, principalmente fratelli, insieme a diversi educatori e formatori. I partecipanti provenivano dalle province di Varsavia, Vietnam, Londra, Madrid, Leopoli e Bratislava-Praga.

E’ stato un programma estremamente impegnativo. Durante i nostri viaggi, abbiamo avuto l’opportunità di pregare in diverse lingue e riti, conoscerci, imparare qualcosa sulle nostre province e strutture di formazione. Abbiamo ascoltato storie di Redentoristi che lavorano in altre parti d’Europa e del mondo. Pertanto, è stato un momento interessante condiviso insieme che ha arricchito tutti.

1 ° giorno (lunedì)

Il primo giorno, dopo colazione, partiamo con i nostri fratelli dell’Ucraina in autobus da Tuchów verso Bratislava. Siamo arrivati ​​nella capitale slovacca nel tardo pomeriggio, dove abbiamo incontrato il resto dei confratelli che partecipavano al pellegrinaggio. In serata è stata celebrata una Santa Messa in lingua slovacca. Durante la messa, padre Vaclav Hypius CSsR, provinciale della Provincia di Bratislava-Praga, ha predicato l’omelia. A parte la gentilezza e l’ospitalità dei confratelli slovacchi, eravamo tristi di sapere della morte dell’ex vice provinciale della Viceprovincia di Bratislava, padre Jan Janok CSsR. Abbiamo pregato per l’anima defunta di p. Jan durante la Santa Messa. La sera abbiamo potuto visitare la bellissima città.

2 ° giorno (martedì)

La mattina presto siamo andati a Vienna, un luogo legato al lavoro di San Clemente Hofbauer. All’inizio, siamo arrivati a Maria am Gestade, dove i Redentoristi vivono e lavorano ora. Siamo stati tutti accolti in uno spirito di fratellanza e ospitalità. Abbiamo celebrato una Santa Messa nel santuario dove erano custodite le reliquie di San Clemente. Padre Dominik O’Toole CSsR, il sacerdote locale del gruppo di lingua inglese e vicario del rettore, ha celebrato la Messa e ha tenuto l’omelia. Abbiamo visitato il museo locale e siamo saliti sulla la cima del campanile della chiesa, e così abbiamo potuto vedere lo splendido scenario della città austriaca. Uscendo in città, abbiamo potuto vedere luoghi legati a San Clemente. Il vecchio municipio, la cappella del Santo Salvatore, il parlamento ceco, la cattedrale di San Szczepan. La vecchia università, dove Clemente aveva fatto i suoi studi. La panetteria vicino a Zelazna Grusza, dove aveva lavorato. La chiesa di Sant’Orsola, la chiesa francescana, la casa delle domestiche di Mauhl, che permise a Clemente di realizzare il suo sogno di diventare sacerdote, e la chiesa dei Minoriti, in cui San Clemente aveva celebrato la sua ultima messa prima della sua morte. Nel pomeriggio siamo tornati a Bratislava. La sera abbiamo fatto una bella passeggiata per la città.

 3 ° giorno (mercoledì)

Mercoledì siamo andati nella Repubblica ceca per visitare la città natale di San Clemente chiamata Tasovice. Al posto della sua casa di famiglia, ora c’è una chiesa, dove abbiamo celebrato la Santa Messa in lingua ceca. Padre Jan Sokólski CSsR, il parroco è stato il principale celebrante che ha anche tenuto una breve omelia durante la Messa. Poi siamo andati nella vicina Znojmo, dove San Clemente aveva lavorato in una panetteria e imparato il mestiere. Abbiamo anche visitato il monastero di Norbertine dove San Clemente imparò la lingua latina. Questa incantevole città è stata uno dei posti più belli durante la nostra visita.

Quindi dopo cena, siamo andati a Cracovia. Dopo il nostro arrivo, i fratelli ci hanno accolto a cuore aperto. La sera siamo andati a piedi per visitare Cracovia, l’antica capitale della Polonia.

4 ° giorno (giovedì)

I due punti più importanti del quarto giorno del nostro pellegrinaggio sono stati Varsavia, la chiesa di San Benon, dove aveva lavorato San Clemente, e Jasna Góra, il santuario nazionale polacco. Siamo partiti la mattina presto per St. Benon. Abbiamo celebrato la Santa Messa in lingua polacca, nella chiesa in cui ha amministrato San Clemente. Padre Dariusz Paszyński CSsR, vice-provinciale della Provincia dei Redentoristi di Varsavia, ha celebrato la messa e predicato per noi. Più tardi, abbiamo saputo della storia della chiesa di San Benon e una breve visita a Varsavia. Quindi siamo partiti verso Jasna Góra per visitare l’immagine di Nostra Signora di Częstochowa. La nostra comunità ha preso parte all’appello di Jasna Góra e ha avuto l’opportunità di incontrare l’arcivescovo Wacław Depo, metropolita di Częstochowa, che ci ha conferito la benedizione di Dio come pellegrini. Quindi siamo tornati a Cracovia a tarda notte.

5 ° giorno (venerdì)

È stato l’ultimo giorno del nostro pellegrinaggio sulle orme di San Clemente Hofbauer. Si è concluso ufficialmente con una Santa Messa in rito greco preparata dai nostri confratelli dell’Ucraina. Padre Taras Kchik CSsR, prefetto degli studenti della Provincia di Lviv, è stato il principale celebrante.

Alla fine, abbiamo fatto una foto di gruppo ed eravamo grati per il tempo insieme.

Ringraziamo Dio per la vita e l’esempio di San Clemente Hofbauer, che ci insegna non solo ad essere un Redentorista impegnato, ma anche ad essere un santo Redentorista.

Fr. Marcin Wojdan CSsR.

Traduzione dal Polacco per fr. Norbert Żukliński CSsR.

Print Friendly, PDF & Email