La missione redentorista del Ghana chiude le celebrazioni del giubileo d’argento

0
68

(Ho, Ghana) – Animato dallo zelo per la Buona Novella che condusse Sant’Alfonso di Liguori a Scala, tre missionari redentoristi della Provincia di Bogotà, in Colombia, arrivarono in Ghana il 15 settembre 1994 e furono accolti calorosamente nella Diocesi Cattolica di Ho da Mons. Francis Kofi Lodonu, vescovo emerito di Ho. Inizialmente furono incaricati di lavorare ad Alavanyo per iniziare quella che oggi abbiamo come Missione Redentorista del Ghana.

Anni successivi di lavoro: trasferirsi a Sokode-Etoe, subentrare nell’amministrazione pastorale di Cristo Re Chiesa cattolica (un centro di massa allora), coltivando vocazioni indigene e formazione di nativi Redentoristi, hanno visto il seme che è stato piantato dal trio dei missionari pionieri: i padri Luis Enrique Tamayo, José Delgado e Juan Crisostomo Ramirez, crescere e produrre frutti, quindi degni di festa.

È stato quindi un grande giorno sabato 28 settembre 2019, a Ho, quando tutta la strada ha portato a Cristo Re Chiesa cattolica, Mawuli Estate, per celebrare i 25 anni di presenza e missione redentorista in Ghana sul tema: “Omaggio al passato e Speranza per il futuro”.

Questo giorno straordinario ha visto le celebrazioni del Giubileo d’argento segnate con la Santa Messa e l’ordinazione diaconale di uno dei nostri confratelli: fratello Peter Francis Agnes Oteng, C.Ss.R. Il Rev. Emmanuel Kofi Fianu, SVD, Vescovo della diocesi cattolica di Ho, e il prelato ordinante, hanno presieduto la Messa concelebrata dai Redentoristi (membri della Missione e una delegazione internazionale ben rappresentata) e sacerdoti diocesani, che gestiscono la parrocchia Redentorista. Erano presenti anche suore religiose, molti parrocchiani, amici e famiglie di Redentoristi, alcuni membri della Confraternita di Nostra Madre del Perpetuo Soccorso e altri ospiti invitati.

Nell’omelia, il vescovo Fianu si è rivolto ai missionari redentoristi ringraziandoli per la loro presenza missionaria, testimonianza e lavoro nella diocesi e in Ghana.

Si è riferito anche alla morte di p. Tamayo come seme della Missione e ha sottolineato la decisione di p. Crisostomo Ramirez che rimase dopo la morte di p. Tamayo e la partenza di p. Delgado, tutti eventi cruciali che hanno spianato la strada alla crescita della Missione Redentorista in Ghana. Il prelato ordinante chiamò la mente e il cuore dell’ordinando ai doveri del diacono e lo invitò a dedicarsi al servizio dedicato nella Chiesa come ministro della Parola. Furono celebrati i riti di ordinazione e quindi il fratello Oteng è stato elevato all’ufficio del diacono; fu quindi investito della stola e dalmatico di p. Christian Klu, C.Ss.R, Superiore della Missione, per la gioia di tutti.

Immediatamente dopo la Santa Messa, la seconda parte delle celebrazioni è stata inaugurata durante la quale il delegato, ha letto il messaggio di congratulazioni del Superiore Generale e del Governo Generale. Nicholas Ayouba, C.Ss.R (Consultore generale per Africa e Madagascar). In quel messaggio, il Padre Generale, Michael Brehl, C.Ss.R, ha elogiato la Missione per questa impresa nella sua storia. Tributi luminosi sono stati offerti ai pionieri Redentoristi e a tutti coloro che hanno lavorato nella Missione, in particolare a p. Juan Bautista Christancho per 15 anni di disponibilità missionaria e lavoro in Ghana. In altre parole di encomio, l’apprezzamento è stato esteso al vescovo emerito Lodonu per aver accettato i primi redentoristi; e gli sforzi di amici, famiglie, fedeli laici, confraternite, gruppi e organizzazioni all’interno e all’esterno del Ghana che hanno sostenuto la Missione sono stati lodati.

Fu quindi lanciata una raccolta fondi per sollecitare il sostegno agli sforzi missionari della Missione Redentorista del Ghana. È stato poi seguito da rinfreschi e dialogo fraterno.

In compagnia del glorioso sant’Alfonso e di tutti i nostri santi confratelli, lodiamo e ringraziamo Dio per tutte le sue benedizioni in tempi buoni e cattivi. In omaggio agli ultimi 25 anni di servizio, contiamo sulla collaborazione del popolo di Dio, sulla rinnovata fraternità e impegno dei nostri confratelli e sull’accompagnamento di Maria, Nostra Madre del Perpetuo Soccorso, mentre guardiamo avanti nella speranza per il futuro della missione di Cristo Redentore in Ghana.

Anniversary Communication Crew

Print Friendly, PDF & Email