CSsR intorno al mondo: Thanksgiving

0
59

Sono passati sei mesi da quando abbiamo lasciato il Portogallo per andare a incontrare la nostra famiglia in tutto il mondo. Da allora abbiamo ascoltato tante storie diverse. Abbiamo già incontrato molti uomini e molte donne che, immersi nel carisma redentorista, danno il meglio della loro vita alla Missione di Gesù. Abbiamo già visto molti progetti missionari usati come mezzo per raggiungere i più abbandonati nella società. Abbiamo già condiviso tavoli con molte comunità diverse e diverse porte sono state generosamente aperte per permetterci di prendere parte a momenti di preghiera intimi.

Tutto ciò è accaduto nell’Europa antica. Dove possiamo percepire che i tempi del cambiamento sono all’orizzonte. Lo Spirito richiede nuove sfide e nuovi approcci alla nostra creatività missionaria … Ma in Europa abbiamo visto Speranza. È innegabile, tuttavia, che la Chiesa stia perdendo terreno in alcune regioni … Ma allo stesso tempo, a poco a poco, c’è una nuova Chiesa che guadagna terreno e cresce in numero e forza. Una Chiesa orientata al futuro e focalizzata sulla fonte del Vangelo. Una chiesa che è un vero discepolo di Gesù risorto.

E’ stata con questa speranza e questa forza nel nostro cuore che, alla fine di novembre, ci siamo diretti nell’America del Nord per continuare questo progetto missionario. La prima tappa non avrebbe potuto essere migliore: Tucson, in Arizona, in un fine settimana preparato e programmato per parlare di Partnership nella missione. Laici e religiosi di tutte le unità erano stati invitati a riflettere e pregare per il modo in cui si stavano costruendo, condividendo le sfide attuali e affrontando il futuro con gioia.

È molto bello vedere come questa realtà sia diventata una priorità per la missione redentorista, rendendola non solo nei documenti, ma anche nell’azione concreta di ciascuna unità. Stiamo tutti diventando sempre più consapevoli del fatto che la strada viene fatta in collaborazione. Non per necessità, ma per fedeltà al Maestro e alla sua missione. Qui nel Nord America, i circoli dei Laici Redentoristi associati (come quello di Tucson) si stanno impegnando profondamente nella Spiritualità Redentorista,  aprendo così nuove strade per la diffusione del Vangelo.

Ci sono itinerari che devono essere tracciati, comunità di cui prendersi cura, che hanno bisogno di aiuto per la loro crescita, e quindi ci deve essere uno Spirito che prenda l’iniziativa e promuova tutto questo dinamismo. A partire dalle testimonianze personali fornite da Wendy e Greg, seguite dalla condivisione di obiettivi, modelli e possibili percorsi presentati da David, Anne e Francis, a cui Jack ha aggiunto una visione concreta e generale della realtà vissuta durante la Conferenza, hanno tutti dato preziosi contributi all’apertura di porte che consentiranno un impegno più profondo a questa partnership. Il focus è sempre sulla missione. Per e alla missione. La verità è che la Famiglia Redentorista deve ringraziare molto questi fratelli per il loro lavoro e dedizione.

E così è successo che i motivi per ringraziare non sono ancora finiti! Il nostro arrivo negli Stati Uniti d’America è coinciso con il Giorno del Ringraziamento, e che a sorpresa è stato quando Ryan Holovlasky e la comunità studentesca di S. Antonio ci hanno invitato a festeggiare insieme. È stato un tale privilegio prendere parte a una celebrazione che, come coppia portoghese, conoscevamo solo dai film di Hollywood. Che bella giornata!

I preparativi erano già iniziati il ​​giorno precedente: era stato allestito un bellissimo tavolo, con bicchieri e bevande. Il giorno stesso del Ringraziamento il lavoro si è concentrato in cucina, in cui gli esperti conducevano i preparativi. Il resto della casa ha iniziato a vestirsi per la festa, preparando stuzzichini, aprendo le porte agli estranei, socializzando, parlando e ascoltando musica. Affinché la giornata fosse festosa anche Sophia, l’animale domestico della casa, era tutta vestita per l’occasione! Tutto è stato fatto così magnificamente.

Sembra che noi, uomini e donne, stiamo davvero celebrando le persone. E questa casa redentorista ne era uno specchio. Una porta aperta e una tavola apparecchiata. Fratellanza e celebrazione. Ci servivamo tutti l’uno con l’altro nella gioia della famiglia, di una comunità. Il tacchino era delizioso! E il vino, “Perseveranza” era il suo nome, non poteva essere più appropriato!

A presto,

Teresa Ascensão e José Silva Oliveira
Laici Missionari del Santissimo Redentore

(puoi seguire il nostro blog in: http://www.cssr.news/cssr-around-the-world/)

Print Friendly, PDF & Email