Un’economia per la speranza

0
191
Enrique Lluch Frechina

(Madrid, Spagna) – L’economista, professore universitario e laico missionario del Santissimo Redentore Enrique Lluch difende nel libro “Un’economia per la speranza” che è necessario un modello economico che “sia messo al servizio di tutte le persone che vivono ora e che vivranno in futuro”. Secondo l’autore, la crisi del coronavirus conferma che esiste “una società stagnante ed esclusa” che è stata particolarmente colpita.

“Durante questo periodo di confinamento è diventato più evidente che un’economia basata sulla crescita come la nostra sta rapidamente collassando”, ha dichiarato il professore dell’Università CEU Cardenal Herrera e membro della Fondazione europea per lo studio etico e la riflessione (Funderética). “Per questo motivo, da tempo proponiamo un’economia basata su basi diverse, con la quale questo scenario di crisi sarebbe stato meglio affrontato”.

Inoltre, Lluch distanzia questo dibattito dalle classiche lotte tra modelli economici, come quello tra capitalismo e comunismo: “Insistiamo nel discutere sull’economia di mercato, capitalista o socialista; se vogliamo più o meno interventi da parte del settore pubblico o del mercato … Ma lo facciamo senza mettere in discussione il paradigma economico in cui viviamo, in cui l’economia è posta al di sopra di tutto ”.

“L’economia richiede servitù”

Per questo motivo, nel libro “Un’economia per la speranza”, a cura di PPC, Lluch propone misure concrete per sostituire il paradigma. L’economista ritiene che lo scopo del sistema non possa essere la mera crescita economica, ma che tutte le persone abbiano abbastanza per vivere con dignità: “Dobbiamo fare una transizione. L’attuale economia non è più al nostro servizio ma richiede da noi servitù”.

Come esempio di utile misura economica che sarebbe stata fondamentale nella lotta contro Covid-19, l’autore sostiene che “una produzione più distribuita più vicina ai luoghi di consumo avrebbe evitato” strozzature “nella distribuzione, come che sono stati prodotti con materiale sanitario ”.

Alla fine, durante la presentazione del libro, fatta in modo virtuale, Lluch era fiducioso per il recupero dell’ambiente durante il tempo di quarantena. “In soli due mesi di spegnimento, l’ambiente si è rigenerato rapidamente.” “Con un diverso modello di produzione, effetti come l’aumento delle disuguaglianze non sarebbero stati così gravi”, ha concluso.

Print Friendly, PDF & Email