Libano: necessità di preghiera ed aiuto

0
106

Il mondo intero è scioccato dalla tragedia della gente in Libano. Una massiccia esplosione a Beirut due giorni fa ha ucciso centinaia di persone e causato una grande distruzione. Sono in corso i soccorsi, servono aiuti umanitari e la preghiera. Di seguito pubblichiamo un resoconto di P. Binoy Mandapathil C.Ss.R., che lavora a Beirut e vede le conseguenze della catastrofe a distanza ravvicinata.

La sera del 4 agosto 2020 alle 6:30 una doppia esplosione ha avuto luogo nel porto di Beirut. Con un forte tremore, l’esplosione ha minacciato tutti noi. Stavamo avendo il caos dopo il caos in Libano. A causa della rivoluzione iniziata il 17 ottobre 2019, c’è instabilità nello status politico sociale e finanziario del Libano. In aggiunta a ciò, la pandemia Covid -19 ha paralizzato la vita umana qui. La povertà all’estremo a causa della perdita di posti di lavoro, l’insicurezza a causa dei problemi di salute e la chiusura hanno influito sull’intera vita in Libano. Inoltre, la doppia esplosione ha messo da parte la vita in Libano. C’è stata una totale confusione in quel momento.

Quando è tornata l’elettricità e Internet, ci siamo resi conto che l’esplosione era a soli 5 km dalla nostra comunità Baouchrieh. Il motivo dell’esplosione è stato un incendio nel magazzino in cui avevano ammassato le armi che poi si è propagato al deposito di 2750 tonnellate di nitrato di ammonio causando la doppia esplosione. La seconda esplosione è stata grave ed ha causato danni anche a 30 km di distanza.

Secondo le notizie, ci sono circa 200 morti, 4000 feriti, 50.0000 persone hanno perso le loro case e fino ad oggi gli edifici sono stati colpiti  a circa 30 km di distanza. La nostra comunità è adiacente alla scuola e alla chiesa. Le porte della chiesa e delle scuole sono state danneggiate.

Ci sono medici e paramedici volontari arrivati da diversi paesi per stabilizzare la situazione. I conventi e le chiese cristiane sono aperti per le persone che hanno perso le loro cose.

Si chiede alle persone di prendere precauzioni estreme a causa della diffusione del coronavirus e dell’inquinamento creato dopo l’esplosione. Come dice il proverbio “spera per il meglio e sii sempre pronto per il peggio”. Che San Charbel e la Madre Maria ci aiutino sempre ad avere un futuro migliore.

P.Binoy Mandapathil, C.Ss.R.
Superiore della Missione
Libano
0096178827140


Maggiori informazioni sui Redentoristi in Libano:

La missione redentorista in Libano fu fondata dai confratelli fiamminghi nel 1953 come presenza redentorista nella regione delle Chiese orientali. Nel 2005 è stata fondata la provincia di San Clemente, composta dalla Provincia di Bruxelles e da tre province redentoriste europee confinanti. Da allora, la provincia di San Clemente ha assunto la responsabilità della Missione in Libano. Per garantire la continua presenza dei Redentoristi in Libano, la Provincia di San Clemente ha invitato la Provincia di Liguori, facilitata dal Governo Generale dei Redentoristi per la missione libanese nel novembre 2014.

La visione di questa missione è che la presenza delle Chiese cristiane in Medio Oriente è antica e importante. I Papi hanno costantemente sottolineato l’importanza di questa presenza e, soprattutto negli ultimi 50 anni, le congregazioni religiose sono state invitate a stabilire una presenza che sostiene, sviluppa e nutre le Chiese cristiane. I Redentoristi hanno accettato questo stimolante invito. Come congregazione missionaria, ci sforziamo di essere una testimonianza apostolica vibrante e orante della “Redenzione di Copiosa” tra il popolo libanese attraverso la nostra continua presenza in un mondo ferito.

Print Friendly, PDF & Email