L’impegno dei redentoristi verso i migranti (1)

0
109
Photo: migrants-refugees.va

La 106a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che celebriamo domenica 27 settembre, ci ha motivati a dare uno sguardo più da vicino al ministero pastorale per i migranti svolto dai Redentoristi in molti luoghi del mondo. Abbiamo chiesto ai nostri confratelli direttamente coinvolti di condividere le loro testimonianze ed esperienze. Nella prima parte presentiamo i contributi inviati da p. Mark Miller C.Ss.R e p. Karl Esker C.Ss.R.

Diventare vicini di casa – Toronto, Canada

Di p. Mark Miller, C.Ss.R., che è uno degli 11 confratelli attivamente coinvolti nel programma di accompagnamento Diventare vicini (Becoming Neighbours )

p. Mark Miller, C.Ss.R.

Circa 15 anni fa, quando p. Michael Brehl era il provinciale della provincia di Edmonton-Toronto, per i tanti ordini religiosi di Toronto è sorto un interrogativo sui più abbandonati in mezzo a noi, anche se il numero dei religiosi si è ridotto con l’aumentare dell’età media. L’attenzione si è rapidamente spostata sugli immigrati, solitamente rifugiati, che sono arrivati ​​in Canada senza niente e stavano cercando di stabilire una nuova casa.

In origine, 11 Congregazioni di donne e religiosi maschi hanno istituito e finanziato un programma chiamato “Diventare vicini” attraverso il quale suore, fratelli e sacerdoti potevano sostenere l’integrazione degli immigrati nella società canadese e nell’economia canadese. Dato che tanti religiosi erano anziani, si svilupparono due forme di sostegno. I religiosi che erano abbastanza giovani e attivi potevano assistere gli immigrati fisicamente, emotivamente e spiritualmente. Ciò è stato fatto con l’accompagnamento – aiutandoli ad affrontare le burocrazie (ottenere una tessera sanitaria o un abbonamento per l’autobus; iscriversi ai corsi di inglese; imparare a fare la spesa; affrontare le richieste legali sullo status di rifugiato, ecc.) dell’individuo o famiglia per aiutarli a capire i costumi e le maniere canadesi. È incredibile quante piccole cose ci siano da affrontare nella vita quotidiana che il resto di noi dà per scontate.

Ma il secondo gruppo era costituito da religiosi anziani, spesso infermi, a cui era stata assegnata una persona o una famiglia per la quale avrebbero pregato quotidianamente. A volte, quando gli immigrati erano in Canada da un po’, avevano l’opportunità di incontrare questi compagni di preghiera – ed era come un incontro di vecchi amici! Gli immigrati provengono da molte culture e background a seguito di guerre (Congo, Siria, ecc.) o persecuzioni (Pakistan, Cina, ecc.) o violenze (America Latina) ma tutti riconoscono e sentono il sostegno di Dio attraverso la preghiera e quelli che pregano. Nelle nostre due comunità di Redentoristi a Toronto ci sono 11 confratelli che sono sponsor attivi e altri 6 fanno le preghiere.

Diventare vicini di casa è stato integrato dalla sponsorizzazione attiva di alcuni immigrati, per lo più da parrocchie ma spesso con il silenzioso sostegno dei religiosi. La nostra parrocchia redentorista a Toronto, San Patrizio, ha sponsorizzato attivamente un individuo e una famiglia dalla Siria, nonché una famiglia di cristiani pakistani che si erano nascosti in Thailandia. Quest’anno i Redentoristi hanno sponsorizzato un’altra famiglia pakistana fuori dalla Thailandia e le sfide della pandemia covid lo hanno reso particolarmente impegnativo perché è difficile trovare lavoro o persino programmi educativi che li aiutino ad aggiornarsi alle credenziali canadesi. Ma sanno che non saranno abbandonati.

La parte migliore di questo ministero è duplice: c’è la soddisfazione di vedere i nuovi canadesi prendere il controllo delle loro vite in un ambiente sicuro e promettente mentre si integrano nel mosaico della vita canadese. E poi ci sono le testimonianze delle suore, dei fratelli e dei preti su quanto si apprende dagli immigrati e sulle amicizie che si sviluppano. “Ottengo di più da questo ministero di quello che do”, è il ritornello comune.

*****

Trovare la strada per una nuova casa – Juan Neumann Center, New York

di p. Karl Esker C.Ss.R., Basilica di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, Brooklyn, NY, USA

Nel quartiere Sunset Park di Brooklyn, New York, nascosto su un ponte sopra l’ex palestra del liceo di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, troverai il Centro Juan Neumann. È il frutto di un sogno iniziato da padre Ruskin Piedra C.Ss.R., vent’anni fa per assistere la popolazione immigrata nello spirito del nostro San Giovanni Neumann creando un ufficio immigrazione per educare e fornire servizi di immigrazione a prezzi accessibili alla popolazione locale. P. Piedra ha iniziato con l’aiuto di studenti di giurisprudenza e avvocati volontari. Egli stesso ha conseguito un certificato universitario in diritto dell’immigrazione per diventare un rappresentante accreditato davanti alla commissione per i ricorsi sull’immigrazione. Oggi è raggiunto da p. Karl Esker, C.Ss.R., che ha anche conseguito il certificato universitario in diritto dell’immigrazione e uno staff di tre donne.

Fr. Karl Esker C.Ss.R. at his desk in the Center

Il Centro Juan Neumann assiste una cinquantina di clienti al mese. Tra i nostri clienti ci sono alcuni europei e alcuni asiatici, ma la maggior parte proviene dall’America Latina e dai Caraibi. Per molti non c’è modo di diventare residenti legali, ma sanno che troveranno risposte oneste alle loro domande, senza alcun tentativo di tirarli fuori dai loro soldi. P. Piedra si occupa dei casi più difficili, relativi all’asilo e alla protezione dalla deportazione. È molto conosciuto nella comunità rom. P. Esker sovrintende agli altri casi di acquisizione della residenza legale per clienti all’interno e all’esterno del paese, rinnovo della carta di soggiorno, azione differita, status temporaneo per le vittime di reato, in gran parte domestico, e acquisizione della cittadinanza. Questi servizi sono forniti a circa il venti per cento del costo di andare in uno studio legale, grazie a donazioni e una borsa di studio dalla provincia di Baltimora. L’ufficio ha richiesto le sovvenzioni della città di New York, ma finora gli ostacoli burocratici sono stati troppo ripidi.

L’attuale amministrazione del governo degli Stati Uniti ha reso il lavoro sempre più difficile. E il Corona Virus ha ostacolato il nostro lavoro mentre gli uffici dell’immigrazione chiudevano negli Stati Uniti ei consolati erano chiusi al trattamento dei visti di immigrazione. Abbiamo continuato a lavorare, seguendo le norme del Dipartimento della Salute, poiché sono stati aperti gli Uffici Immigrazione; e ora sono tornati a un programma completo di lavoro. Abbiamo bisogno di più giovani confratelli che mostrino interesse per il campo. C’è una foresta di scartoffie, ma incontriamo e trattiamo con persone in momenti molto vulnerabili della loro vita. San Giovanni Neumann prega per noi.

*********

Alcuni comunicati stampa sul ministero del Centro P. Piedra & Juan Neumann
– in inglese:

Il ministero per gli immigrati di Padre Ruskin Piedra è stato il tema dell’articolo apparso su “The New York Times” – The Very Busy Life of an Immigrants’ Rights Priest in 2018,  di F. Robinet. Nel gennaio di quest’anno P. Feuerherd ha scritto di lui e del suo ministero nel “St. Anthony Messenger “- “Ero uno sconosciuto e mi hai accolto favorevolmente”  – ‘I Was a Stranger and You Welcomed Me’.

Alcuni video disponibili su Internet
– in spagnolo:

Print Friendly, PDF & Email