Nonostante il Covid-19, il Mercy Center riapre in Thailandia

0
71

Milioni di thailandesi sono stati duramente colpiti dalla grave recessione economica sulla scia della pandemia globale di coronavirus, ma gruppi di cristiani locali sono venuti in aiuto di molti di loro.

I cristiani hanno aiutato i loro concittadini più bisognosi in vari modi negli ultimi mesi mentre l’economia thailandese è andata in picchiata, spingendo milioni di persone del posto svantaggiate ulteriormente nella povertà.

Sebbene il cristianesimo sia stato introdotto in Thailandia dai missionari portoghesi all’inizio del XVI secolo, la religione ha avuto relativamente poca trazione con i thailandesi, la stragrande maggioranza dei quali sono buddisti.

I cristiani, che comprendono sia cattolici che protestanti, rappresentano poco più dell’1% della popolazione del paese di 69 milioni e sono in inferiorità numerica rispetto ai musulmani, che costituiscono oltre il 4% della popolazione thailandese come la sua più grande minoranza religiosa e sono concentrati nel sud regione.

Ai missionari cristiani, la maggior parte dei quali cattolici, è stato permesso di costruire chiese a Bangkok e altrove nel corso dei secoli, ma molti di loro non sono riusciti a convincere molti convertiti alla loro fede tranne che tra gli animisti delle minoranze etniche che abitano la remota regione montuosa settentrionale dove si trova a Chiang Mai.

A Klong Toey, un quartiere in stile baraccopoli di Bangkok dove la povertà è diffusa, il Mercy Center, un ente di beneficenza cattolico, da mezzo secolo fornisce istruzione scolastica a bambini svantaggiati, gestisce orfanotrofi per giovani abbandonati e gestisce vari progetti per i locali impoveriti , soprattutto madri single e donne anziane.

Costruito su un sito dove un tempo sorgeva un tempio buddista, il Mercy Center è stato gestito sin dal suo inizio nel 1972 dai suoi fondatori: padre Joseph Maier, un sacerdote redentorista degli Stati Uniti, e suor Maria Chantavarodom, una suora thailandese che appartiene al Figlie della regalità dell’ordine di Maria Immacolata.

Il sacerdote e la suora hanno iniziato con una baracca che hanno trasformato in una piccola scuola per bambini locali i cui genitori non potevano permettersi di mandare i loro figli a scuole gestite dal governo o non si preoccupavano di scolarizzare i loro figli. Nel corso degli anni padre Joe (come Maier è affettuosamente chiamato) e suor Maria hanno creato un fiorente ente di beneficenza che ha aiutato decine di migliaia di buddisti, musulmani e cristiani in vari modi.

Nonostante le devastazioni del Covid-19 sull’economia thailandese, il Mercy Center non ha ridotto le sue operazioni. All’inizio di questo mese centinaia di bambini sono tornati negli asili della carità cattolica per riprendere gli studi con misure antivirali in atto.

(www.ucanews.com)

Print Friendly, PDF & Email