Un giorno sacerdotale di padre Elton John Letang C.Ss.R.

0
99

(Dominica, Antille) – Questo padre moderno, dinamico e giovane di cuore porta una nuova dimensione della cura pastorale ai suoi parrocchiani. È un sacerdote moderno, che ha preso in parola Papa Francesco. Papa Francesco, diventato Pontefice nel 2013, ha chiesto un nuovo tipo di sacerdote per servire nelle parrocchie di tutto il mondo. Papa Francesco incoraggia i leader della chiesa a mettere la loro comunità al primo posto, per evitare la burocrazia clericale e, soprattutto, per evangelizzare con gentilezza. Questo sacerdote sembra incapsulare questa visione

La visione di padre Letang è quella di entrare nella sua comunità e far innamorare quanti più di noi possibile di Gesù. Il modo in cui Padre Letang sceglie di perseguire la sua vocazione è diverso e non è raro vederlo in pubblico con indosso i jeans o camminare o correre con i suoi pantaloncini da atletica invece dei tradizionali abiti clericali. Non sarà visto come il tipico prete stereotipato: riservato e distaccato e per lo più si presenta al leggio per guidare la sua comunità.

Usa l’applicazione WhatsApp per comunicare con i tuoi parrocchiani. Prega al telefono e usa Facebook e Zoom per evangelizzare.

Ci ha parlato dell ‘“urgenza”, come l’ha chiamata, di unirci ai Redentoristi come congregazione religiosa, entrare nel sacerdozio e molto altro ancora.

Padre Letang è cresciuto in una casa cattolica ed è stato coinvolto in attività religiose in giovane età. Ricorda che tutto è iniziato con sua nonna, una devota cattolica, che si assicurava che partecipasse alla messa e all’istruzione religiosa. Cresciuto nella città di Giraudel, ha parlato con affetto della Cappella della Madre del Perpetuo Soccorso, dove ha assistito alla messa ogni domenica.

Ricordando il suo tempo alla St Mary’s Academy, ha parlato del suo coinvolgimento nell’organizzazione della liturgia per la messa scolastica, con i consueti inviti del fratello Wakeham anche nel coro della scuola, a partecipare ai fine settimana vocazionali. “Quando ero giovane volevo fare festa e fare tutte le cose che fanno i giovani, quindi ho sempre detto di sì, ma non mi sono mai presentato”.

Letang è andato alla School of Teachers e, dopo aver conseguito la laurea, ha iniziato alla Convent Preparatory School.

Nonostante volesse unirsi al sacerdozio, pregare e parlarne con gli amici, sarebbero passati diversi anni e l’idea sarebbe rimasta nella sua mente fino a quando un evento importante della sua vita non lo avesse riportato alla sua chiamata e allo “slancio” come lo chiamava, che improvvisamente ha dominato il suo pensiero.

Nel 2001, Letang è stato coinvolto in un grave incidente che ha causato una grave lesione alla colonna vertebrale. Ricorda che è stato durante il tuo periodo di recupero che hai iniziato a sentire un vero “bisogno” di unirsi al sacerdozio. Sarebbero passati altri 4 anni prima che Letang entrasse finalmente nel pre-seminario di St Croix.

Per Letang, il suo percorso verso il sacerdozio è stato un percorso di auto-scoperta che è iniziato sul serio nel gennaio 2005, quando si è unito al pre-seminario di St Croix, dove è iniziato l’intero processo di discernimento.

Dopo aver conseguito la Laurea Magistrale in Teologia e Ministero (2012), è stato trasferito alla Comunità Redentorista di Trinidad e Tobago e nell’ottobre dello stesso anno è stato ordinato diacono dall’Arcivescovo Joseph Harris, Vescovo della Repubblica di Trinidad.

Il 6 giugno 2013 è stato ordinato presbiterio da Mons. Gabriel Malzaire, Vescovo di Roseau, a 12 anni dal suo primo “impulso”.

Quando gli è stato chiesto perché avesse scelto la Congregazione dei Redentoristi, ha scherzato: “È stato facile per me prendere una decisione. Ho scelto i Redentoristi perché da quando mi sono incontrato mentre andavo in chiesa sono stati i sacerdoti della Parrocchia di Nostra Signora di Fatima. Infatti, anche prima che Fatima diventasse una parrocchia, era annessa a Nostra Signora di Fair Haven, la cattedrale che era gestita dai Redentoristi del Belgio.

I Redentoristi sono sempre stati nella mia Parrocchia e mi hanno sempre fatto sentire il benvenuto. Le loro case erano sempre aperte. Invitavano sempre le persone a venire a vedere come lavorano e come pregano. Inoltre, hanno fatto molto per le parrocchie che servivano, in particolare le comunità di Giraudel ed Eggleston, dove sono cresciuto. Hanno costruito fermate degli autobus e generalmente hanno fatto cose per guidare i giovani e sponsorizzare eventi sportivi. Volevo essere come loro, restituendo sempre qualcosa alla comunità, così ho scelto i Redentoristi ”.

Il 1 ° agosto 2019, padre Letang è stato nominato parroco della parrocchia di St Ann e St. Paul, che copre Canefield, Mahaut, Massacre, Campbell e Warner.

Nel suo primo anno come parroco, una delle sue maggiori sfide è stato il virus Covid-19. Alla domanda sull’impatto della pandemia sui suoi parrocchiani, padre Letang ha espresso preoccupazione per le limitazioni alla sua capacità di svolgere i suoi doveri pastorali e il lavoro di sensibilizzazione, soprattutto agli anziani, ai malati e ai fragili.

Ha spiegato che molti dei suoi parrocchiani si erano ammalati e alcuni erano stati ricoverati durante il lock down, ma che non aveva potuto visitarli. Ha abbracciato i social media e ha chiamato i suoi parrocchiani a pregare con loro al telefono.

Alla domanda sull’impatto sulla messa nella sua parrocchia, padre Letang ha affermato che a causa del Covid-19 ci sono protocolli rigidi, quindi la chiesa può ospitare solo 77 persone per messa a causa della distanza sociale di un metro.

Ha trovato il modo per garantire che tutti i suoi parrocchiani possano partecipare alla Messa. Oltre alle due messe della domenica alle 8 del mattino e le 10 del mattino a Canefield, la messa è ora celebrata anche sabato alle 18:00.

“Ora abbiamo la connettività Internet a Canefield per consentire alla nostra congregazione (quelli ancora a casa) di seguire la messa online. Questa è la “nuova norma”. Padre Letang considera questa una benedizione perché “abbiamo raggiunto i parrocchiani emigranti che desiderano ardentemente” partecipare “alla messa. I dominicani della diaspora possono fare richieste di messa per i loro cari, così come donazioni ”.

Padre Letang ha parlato molto dell’uso dei social media per comunicare e rimanere in contatto con i suoi parrocchiani.

Ha anche parlato del lavoro di sensibilizzazione che lui e vari volontari stanno svolgendo nella sua parrocchia. Letang ha spiegato di aver identificato più di 130 persone all’interno delle diverse comunità. Le persone hanno donato denaro e in natura e con i giovani e altri volontari sono andati a distribuire provviste. Padre Letang ha detto di provare un senso di soddisfazione nel vedere le espressioni di gioia sui volti dei beneficiari e dei volontari.

Alla domanda sull’evangelizzazione con i giovani nella sua parrocchia, padre Letang ha detto che abbiamo recentemente rinnovato il gruppo dei giovani per avere due leader per guida e sostegno. Partecipano attivamente a diversi programmi sociali. “Abbiamo un programma per i giovani adulti: la pastorale dei Giovani Adulti. È l’unica della diocesi. È per i giovani adulti che cercano un qualche tipo di connessione positiva, supporto o guida. I gruppi si riuniscono generalmente una volta al mese. Alcuni incontri si svolgono tramite Zoom a causa del Covid.

Considerazioni finali di padre Letang:

Il mio messaggio è soprattutto per i giovani… Tu pensi che siamo diversi, ma se ci conosci vedrai che non siamo diversi da te. Ho amici di ogni ceto sociale: rastafariani e persone che non vanno in chiesa. Raggiungo tutti, specialmente adolescenti e giovani, indipendentemente dalle loro credenze religiose.

Respiro, mangio e mi vesto come tutti gli altri. Sono accessibile e vorrei che tu sapessi che sono lì per aiutarti e supportarti in ogni modo possibile.

Sono sempre là fuori … andrò al cinema. Andrò agli eventi sportivi. Jazz e creolo e sì, andrò al Bar per incontrare e interagire con i giovani. I Redentoristi hanno un rapporto speciale con i giovani. Vieni a parlare con noi, con me. Siamo lì per te, ti amiamo e vogliamo supportarti in ogni modo possibile.

Non possiamo rinunciare alla nostra giovinezza. Non rinuncerò alla gioventù della mia parrocchia, nel mio paese.

(Marie-Therese Junkerre – dominicanewsonline.com)

Print Friendly, PDF & Email