Sinodo per l’Amazzonia: intervista a Mons. Francisco Antonio Ceballos CSsR

0
162

Vicario di Puerto Carreño: “Lo Spirito Santo era già nelle culture originali prima del nostro arrivo”

A poche ore dall’inizio del Sinodo dell’Amazzonia, Francisco Antonio Ceballos, vescovo del Vicariato Apostolico di Puerto Carreño, nel dipartimento di Vichada, nella punta orientale della Colombia, vicino al confine meridionale del Venezuela, è uno dei 15 Vescovi colombiani che si incontreranno a questo evento che inizierà questo 6 ottobre. Ci sono molte aspettative, spera che questo appuntamento serva a “incontrarci come fratelli” e “a non fare solo discorsi verdi” per lui è essenziale affrontare ciò che Papa Francesco propone: un’ecologia integrale, in cui le comunità amazzoniche sono le protagoniste.

In una conversazione con Vida Nueva, ha affermato che dalla sua giurisdizione – percorso verso il Sinodo – “abbiamo tenuto diversi incontri con le comunità, in particolare con i capi e i governatori indigeni per riflettere su Laudato Si ‘, oltre a sentire le loro preoccupazioni”.

Scopri i semi del verbo
Nonostante sia un territorio indigeno in oltre il 40%, il prelato ritiene che dovrebbe rafforzare questa pastorale, poiché questa è una delle chiavi da scommettere sui laici. “L’evangelizzazione di Puerto Carreño dipende molto dai laici, possiamo ottenere di più dal mondo indigeno e dalle comunità dei coloni se formiamo un laicato che risponde a queste esigenze”, ha detto.

“Non so se questa è ormai una frase molto usata, ma anche se molti non lo vogliono, lo Spirito Santo era già nelle culture originali prima del nostro arrivo, cioè scoprendo i semi del verbo e integrandoli nella nostra spiritualità occidentale mi sembra che questo sia una delle sfide più importanti del Sinodo, che non significa togliere questo e mettere quello, ma vediamo cosa c’è di buono in ogni cultura per poterlo integrare”, ha detto.

Ha anche chiarito che il ruolo della Chiesa deve essere un riferimento importante per accompagnare i popoli indigeni nelle loro lotte, essere alleati, perché c’è molto rispetto per la cosmogonia di ogni comunità. Pertanto, aggiunge: “li accompagniamo in ogni processo che essi stessi affermano, e lungo il cammino guardano all’impegno che hanno con la Chiesa”.

Chiesa che impara
Il presule vede nella figura dei “viri probati” una possibilità che deve essere studiata, sebbene insista maggiormente sui diaconi permanenti, sui catechisti indigeni della regione, perché “abbiamo trovato molte persone con potenzialità che potrebbero stringere la mano alla loro comunità per integrali ”.

È anche urgente passare da una Chiesa docente a una Chiesa studente, che impara dal mondo indigeno a comprendere la spiritualità lì. “Hanno molto da insegnarci, nella loro cultura c’è una grande ricchezza”, ha aggiunto.

Problema di tutti
Secondo il vescovo, “la chiesa colombiana deve rivolgersi all’Amazzonia, perché è un problema che riguarda tutti noi”, perché “molte volte si pensa che sia solo un problema dei vicariati. È la casa comune e se la distruggiamo moriremo tutti ”.

Ha colto l’occasione per invitare i suoi fratelli vescovi “a capire che l’Amazzonia è un luogo privilegiato di pastorale”, infatti ha affermato che attraverso la Commissione permanente dell’Episcopato “abbiamo un progetto che è quello della” Fratellanza tra i chiese, “dove proponiamo che le giurisdizioni sponsorizzino i vicariati e alcune diocesi molto più bisognose”.

“In effetti, per molto tempo se dipendeva dall’Europa e non stanno più collaborando”, quindi “dobbiamo impegnarci a collaborare, non solo con i soldi, ma coinvolgendo l’intera Chiesa nel processo di evangelizzazione e nella pastorale”, ha concluso.

Verità scomode
A Puerto Carreño la violenza non fa eccezione, afferma di aver ricevuto una lettera da uno dei leader indigeni in cui affermava che era stato minacciato, “ovviamente, ho rilasciato una dichiarazione in cui chiedeva alle autorità di assumersi le responsabilità di salvaguardare la vita dei nostri indigeni”.

Da queste lamentele fatte dal vicariato ha sollevato preoccupazioni per coloro che detengono il potere. “Questo non piace. Al colonnello della polizia non piace, al sindaco non piace, a nessuno piace perché hanno intenzione di coprire molte cose, è quello che penso. “

Da ciò trae una conclusione: “Denunciare porta problemi, ma il nostro lavoro è opera della Chiesa, se i profeti tacciono, le pietre parleranno. Questo è il compito del vescovo di prendersi cura del suo gregge, di stare dalla parte del popolo”.

(ÁNGEL ALBERTO MORILLO, 4/10/2019, VidaNuevaDigital.com)

Print Friendly, PDF & Email