Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

0
244

Dichiarazione in occasione della
Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Nel dicembre 1999, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato ufficialmente il 25 novembre la Giornata internazionale della non violenza contro le donne, invitando governi, organizzazioni internazionali, ONG e società civile a promuovere messaggi e attività che informano, rendono visibili e aiutano a sensibilizzare su questo problema.

Ancora una volta, questo anno, la Fondazione Serra-Schönthal e la congregazione delle Suore Oblate del Santissimo Redentore continuano a vegliare e lottare per le donne che subiscono violenza di genere.

Riconosciamo questo problema come un flagello sociale presente sia nella sfera pubblica che in quella privata e il cui aspetto può presentarsi in forme diverse, sia fisiche, sessuali, psicologiche, strutturali o economiche, trasversali nel mondo indipendentemente dalla cultura, dalla religione o dal paese .

Uniamo senza dubbio i diversi movimenti contro questo tipo di violenza che si sono verificati negli ultimi anni e, naturalmente, il contributo all’Agenda 2030, in cui 193 paesi si sono impegnati a raggiungere 17 obiettivi che perseguono uguaglianza tra le persone, protezione del pianeta e garanzia di prosperità, all’interno della quale è uno degli obiettivi più importanti che dovrebbero essere menzionati in questo giorno, SDG 5: uguaglianza di genere, il cui obiettivo è porre fine a tutte forme di discriminazione contro donne e ragazze.

Nessuna discriminazione nei confronti delle donne in nessuna delle sue forme deve essere un diritto umano fondamentale. Pertanto, riteniamo che sia ancora necessario, oltre a un obbligo morale, rivendicare e sensibilizzare sulla situazione delle donne che subiscono violenza giorno dopo giorno semplicemente perché sono donne, con l’obiettivo di creare un mondo più giusto e migliore. e libero dalla violenza contro di loro e contro noi stessi.

Diamo voce a chi soffre quotidianamente, a donne migranti, a donne di diverse etnie, a donne rurali, a madri, a figlie, a ragazze, a transessuali, a coloro che sono sfruttati sessualmente … In breve, alle nostre sorelle, che dobbiamo difendere alzando la voce e le mani.

Per loro. Per noi

(www.hermanasoblatas.org)

Print Friendly, PDF & Email