A Tavola – Laici missionari visitano Toronto

0
190

Quando si viaggia all’estero e si hanno contatti con culture diverse, al ritorno nel paese d’origine, si sente spesso la domanda: “Allora, com’era il cibo lì? Anche a noi spesso viene chiesto: “Come vanno le cose? Vi state abituando al nostro cibo? Questa volta abbiamo deciso di scrivere un post interamente dedicato a rispondere a queste domande. Un post interamente dedicato a suggerire le migliori tavole di Toronto, la nostra prima tappa in Canada.

Ogni domenica, da novembre a marzo, nel tardo pomeriggio, le porte di una delle sale della parrocchia di San Patrizio a Toronto sono aperte per accogliere gli ospiti a cena. La preparazione dei pasti inizia la mattina presto, con un’equipe di cuochi che si offre volontaria per questo compito. Alle 16.00 le porte sono aperte e tutto è pronto. Tavoli apparecchiati, pasti caldi pronti per essere serviti e c’è anche qualcuno che suona il pianoforte per creare un sottofondo accogliente. Si tratta di una cena self-service e il pasto consiste in una zuppa di carne – o vegetariana -, il piatto principale – anche con opzione vegetariana – e il dessert – frutta, torte o qualche altra opzione di pasticceria. Per accompagnare il tutto ci sono bevande calde e pane, con o senza burro. Ci sono molte opzioni nel menu. E diversi ospiti mostrano la loro gratitudine apertamente. I commenti positivi abbondano: “La zuppa è davvero buona! Posso averne un’altra scodella?” Certo che possono, la zuppa è più che sufficiente per tutti.

Una grande squadra di camerieri è posizionata intorno allo spazio: servire, raccogliere e lavare i piatti; assicurarsi che il servizio sia reso nel miglior modo possibile. Alcuni dei nostri confratelli si muovono anche a piedi, salutando e accogliendo gli ospiti, con una cordialità che siamo sempre più sicuri sia il nostro tratto distintivo.

Questa cena, che si svolge ogni settimana, è speciale. Quando vediamo entrare gli ospiti, a prima vista, assomigliano ai pellegrini, con uno zaino in spalla e i pochi beni. Non sono sempre molto puliti e ordinati, e alcuni non riescono nemmeno a sorridere. Alcuni sono senzatetto e altri attraversano situazioni di grave stress finanziario. E questa è la cena che una grande squadra di “camerieri”, o volontari, serve ogni settimana. La chiamano “Fuori dal freddo”, perché, in realtà, fuori fa molto freddo. La servono gratuitamente a circa 200 “ospiti”. Questo è esattamente ciò che sono per il team che sta dietro l’organizzazione: gli ospiti.

In questo “ristorante” c’è anche un’equipe di infermieri disponibili e pronti ad aiutare e curare alcune delle ferite, anche quelle che effettivamente versano sangue. Offrono anche prodotti per l’igiene personale e vestiti caldi per il freddo all’esterno. Durante la notte, questo “ristorante” può funzionare come “albergo” per alcuni di loro. Alla fine della cena, vengono forniti 80 materassi per chi ha bisogno di pernottare e al mattino viene servita la colazione. Qui tutti sono i benvenuti. Soprattutto quelli che portano diversi tipi di fame.
Ma la verità è che a Toronto abbiamo sperimentato più tavoli, che possiamo anche consigliare. Diversi da questo, ma altrettanto accoglienti. Uno di questi è stato il delizioso tavolo che abbiamo avuto da Barbara, una laica redentorista associata. Era una tavola apparecchiata da molte mani: ognuna portava qualcosa da condividere e, in poco tempo, la stanza si è formata e le conversazioni hanno cominciato a svolgersi. Eravamo in tanti. Diversi confratelli e diversi membri del circolo dei Laici Redentoristi Associati. Ma nonostante i nostri numeri, nessuno si è sentito in mezzo alla folla. L’atmosfera era così familiare… Alla fine ci hanno sorpreso con una dedica su una torta! La verità è che i dettagli contano molto e un dettaglio come questo ci ha fatto sentire ancora di più a casa. Alla fine abbiamo anche fatto una foto di famiglia con il cellulare del nostro confratello John e nessuno è stato lasciato fuori, grazie al timer e a una scatola di fazzoletti che ci ha aiutato a tenere il cellulare nella posizione perfetta!

Tutto questo ha funzionato come una sorta di sessione di riscaldamento per la riunione del circolo dei laici redentoristi che si è tenuta il sabato mattina. Nel salotto della comunità religiosa, abbiamo avuto questa meravigliosa conversazione per più di un’ora, avendo come sfondo un capitolo della biografia di Alfonso, scritta da Frederick M. Jones. Siamo andati da Toronto a Napoli, da Napoli a Scala e da Scala di nuovo a Toronto. Siamo andati a bere dalle origini della nostra Congregazione, dal rapporto di Alfonso con Maria Celeste Crostarosa e dall’influenza e dal ruolo chiave che questa donna ha avuto nella nostra nascita. Una fonte ricca da cui ancora oggi possiamo bere; a Toronto e in molti altri luoghi, aiutandoci a crescere come famiglia missionaria.

Tavole! Sì, c’è di più! Nella nostra parrocchia qui a Toronto, il mercoledì è dedicato alla novena alla Madre del Perpetuo Soccorso e una volta al mese, dopo la celebrazione delle 12, c’è una “Porta Aperta”: tutti sono invitati a pranzo! L’invito è solitamente accettato da persone che si sentono sole e, quindi, approfittano di un pranzo come questo per chiacchierare e socializzare. La cura è eccellente: fiori sui tavoli, zuppa calda, qualche dolce e pasticcini alla fine… Tutto preparato dai volontari della comunità parrocchiale che si riunisce qui. Bello!

Infine, un’altra tavola che non possiamo non consigliare è quella della comunità religiosa. Un grande tavolo per accogliere tutti intorno alla stessa conversazione. Fraternità e, soprattutto, buon umore! Le battute hanno insaporito i pasti e, con due portoghesi abituati al clima mite, in viaggio attraverso il Canada in pieno inverno, è stato facile trovare motivi per ridere. Il nostro confratello Joseph Ruta ha dato gli spunti e anche Siri (l’assistente virtuale di Apple) è entrato in gioco. “Siri, che temperatura c’è a Terranova? – ha chiesto il confratello Santo. La risposta a -15ºC, aggiunta alle nostre facce scioccate, ha fatto ridere tutti!

Ci vediamo,

Zé ku Teresa
LMMHR

CSSR Around the World

Print Friendly, PDF & Email