Corona Virus e Corona di spine (seconda parte)

0
91

(dal blog dell’Accademia Alfonsiana)

Dio è sempre con il suo Popolo e lo accompagna e lo consola in ogni crisi. Qui in Australia gli ospedali cattolici hanno giustamente unito gli sforzi del governo affinché l’intero sistema sanitario, il governo e il privato, affrontino la minaccia. Altre migliaia di letti sono disponibili per i pazienti.

I vescovi in ​​qualità di leaders dei Sacerdoti devono essere al comando del gregge in questo momento. Il virus ha colto di sorpresa la società e i leaders della Chiesa non hanno avuto la possibilità di elaborare in anticipo la politica e di convocare le comunità parrocchiali per prepararsi alle difficoltà future. Come la società, le grandi attività della Chiesa, si sono spostate sulla rete. Pertanto la preghiera, la meditazione e i programmi d’istruzione si sono trasferiti sui social media. La carità e l’aiuto per i più vulnerabili possono essere organizzati in modo efficiente in rete in modo che nessuno venga abbandonato o se ne vada senza.

Per l’arcivescovo Peter Comensoli, di Melbourne questa crisi è una chiamata per noi ad impegnarci più profondamente nella missione della Chiesa di evangelizzare. Per anni la Chiesa ha cercato modi per raggiungere le famiglie. Ora i genitori sono messi in prima linea nell’educazione e nell’istruzione dei loro figli. I moderni mezzi di comunicazione sono un’opportunità d’oro per le famiglie di crescere nella fede. Ci sono meravigliosi programmi di preghiera, di catechesi e sacramentali disponibili che i genitori possono usare con i loro figli.

La pandemia fa confrontare i sacerdoti con sfide pastorali mai viste prima. L’arcivescovo Comensoli sta organizzando un gruppo di sacerdoti appositamente formati per assistere i morti negli ospedali al culmine della pandemia. Naturalmente, non hanno solo bisogno degli indumenti e delle attrezzature protettive adeguate. In una società secolare devono poter lavorare con il governo e con il personale medico. L’unzione dei malati non può diventare un’occasione per diffondere la malattia. È meglio che i pazienti ricevano in anticipo i sacramenti mentre sono ancora coscienti e mentre possono partecipare attivamente alla cerimonia. Sarebbe bene farlo nella parrocchia prima di essere sedati quando vengono portati in ospedale. Per quanto possibile, nessuno dovrebbe morire da solo, senza la consolazione della propria famiglia e della Chiesa che li accompagni. Questo vale anche per i funerali.

In Italia la Sacra Penitenziaria ha raccomandato ai Vescovi di dare l’assoluzione generale e un’indulgenza plenaria a tutti coloro che volevano riceverle negli ospedali con pazienti di Corona. Questo potrebbe essere fatto da un altoparlante dall’ingresso dell’ospedale. Questa raccomandazione ha un’applicazione generale in tutto il mondo. L’assoluzione generale è stata tradizionalmente usata in situazioni estreme, ad esempio, per i soldati prima di andare in battaglia e affrontare la morte, o per quelli che venivano bombardati nelle città tedesche durante la seconda guerra mondiale. Nel diritto canonico le comunità che hanno sofferto negli incendi recenti sembrano essere candidati idonei. Resta da vedere come questa situazione potrebbe svilupparsi nelle circostanze attuali.

I media virtuali presentano alcune difficoltà nell’amministrazione dei sacramenti. Per sant’Agostino, un sacramento è una grazia reso visibile come nell’Incarnazione. Per noi un sacramento deve essere percepito dai sensi, dalla vista, dal suono, dall’udito, dal gusto e dal tatto e così via. Qui incontriamo il realismo dei sacramenti che presuppongono presenza fisica o contatto reale. Quest’anno la maggior parte delle persone ha celebrato le cerimonie pasquali su Internet e non in chiesa. Mentre le persone possono partecipare a distanza, non saranno in grado di ricevere la Santa Comunione. Laddove la comunione sacramentale è impossibile, la pratica della comunione spirituale, la comunione per desiderio se lo si desidera, potrebbe essere raccomandata e insegnata alla gente. Va da sé che l’assoluzione nel sacramento della penitenza non può essere data laddove il sacerdote e il penitente non sono fisicamente presenti l’uno con l’altro. Ciò esclude l’assoluzione sacramentale al telefono o da altre forme di media virtuali. In questa circostanza Dio perdona i peccati di una persona quando si pentono veramente e ritornano a lui nel loro cuore. Questo di solito viene fatto rivolgendosi a Lui in un fervente, onesto e sincero atto di contrizione. Naturalmente, i social media offrono meravigliose opportunità per i parrocchiani di rimanere in contatto tra loro, con attività parrocchiali e con il clero. Possono essere usati in modo creativo nella ricerca di consigli, avvisi e direzione spirituale.

Quando siamo entrati nella Settimana Santa l’immagine del Coronavirus non ha potuto altro che suggerirci  la Corona di spine che le persone portano  accompagnando  Cristo lungo la via della sua Passione, Morte e Risurrezione. Come San Paolo ci esorta, “Portatevi gli uni gli altri fardelli, e in questo modo adempirete la legge di Cristo” (Gal 6, 2)

Terence Kennedy, C.Ss.R. 

(la prima parte è stata pubblicata il primo maggio)

Print Friendly, PDF & Email