Gli operatori di pace

0
121

Da alcuni anni ci è stato detto, ripetutamente, sulle Novene che si svolgono nelle nostre comunità in Irlanda. Sapevamo che era un festival della fede, un grande evento di celebrazione, evangelizzazione e incontro di cristiani: 10.000 persone al giorno! – e avevamo cercato di immaginare come sarebbe stato … Ma la domenica quando siamo arrivati al Monastero di Clonard a Belfast, provenendo dal silenzio di Perth, non eravamo preparati in alcun modo a trovare una chiesa con le porte spalancate (giardini e corridoi e biblioteca e refettorio). Abbiamo vissuto cinque giorni immersi in quel movimento permanente che si estende dal primo mattino alla sera in ogni angolo del monastero (e siamo sopravvissuti!).

Dopo una lunga domenica, con una sessione speciale per i bambini e un’altra preparata dai giovani – un bel modo per terminare il nostro primo giorno a Belfast – siamo entrati in chiesa il lunedì mattina per un nuovo giorno. Ed era davvero un nuovo giorno. Invece di trovare i predicatori redentoristi, abbiamo trovato diversi leader di diverse chiese esistenti in Irlanda. Nella prima sessione abbiamo ascoltato una donna. Nella seconda sessione abbiamo ascoltato un uomo sposato con i figli. Nella terza sessione abbiamo ascoltato un giovane. Erano membri della Chiesa d’Irlanda, presbiteriani, metodisti … erano cristiani. Tutti loro hanno parlato di come il Vangelo ci chiama ad essere operatori di pace (Matteo 5, 9). Tutti sono stati applauditi dalle migliaia di persone che li hanno ascoltati.

Ciò che abbiamo visto quel lunedì, cristiani uniti, è motivo di gioia in qualsiasi parte del mondo. Ma a Clonard questa gioia raggiunge un livello di una straordinaria testimonianza. A pochi metri dalla nostra comunità c’è un enorme muro costruito 50 anni fa dividendo la città di Belfast in due metà. Una divisione che ha radici politiche e religiose, e a volte è difficile distinguere tra loro. Ciò significa che a un lato  vivono i cattolici, e dall’altro i protestanti. Cioè, i cristiani vivono separati da un muro alcuni da un parte e altri dall’altra. Essere umani da entrambe le parti. Separati dal Muro della pace. Un muro costruito come qualcosa di temporaneo per aiutare il processo di pace dopo i problemi, ma nel corso degli anni è cresciuto in dimensioni e oggi è ancora in piedi.

La storia non è carina, soprattutto perché non fa ancora parte del passato. In realtà, è una storia molto viva e presente. Un vero conflitto. Una divisione terribile.

Quindi è ancora urgente costruire ponti (forse uno dei modi migliori per abbattere i muri). Quel lunedì era uno di quei ponti, costruito nel mezzo della predicazione, sorrisi, abbracci e applausi. Ma quando volevamo sapere qualcosa in più sull’origine di questo ponte, siamo stati invitati a sederci al tavolo con una tazza di caffè nelle nostre mani e la gente ha iniziato a raccontarci storie di molti altri ponti e hanno nominato un certo Gerry Reynolds . Era Redentorista che ha vissuto per più di 30 anni nel monastero di Clonard e passò gli ultimi decenni della sua vita a raggiungere i cristiani dall’altra parte del muro. È la storia di un pellegrino – Il Pellegrino dell’Unità – che lasciava la sua comunità ogni domenica mattina per andare in una delle chiese in cui “gli altri” si incontravano. Inizialmente solo, più tardi con altri compagni e oggi, senza di lui, questo pellegrinaggio continua: cattolici che camminano  dall’altra parte per vivere dalla stessa parte per almeno un paio d’ore.

Sembra che Gerry Reynolds credesse che il punto di partenza per costruire ponti non fosse un dibattito teologico o politico, ma la creazione di relazioni di amicizia evangelica. Il suo approccio era: andare, visitare, incontrare, toccare. Essere. Basta essere lì. Mentre ascoltavamo la storia di Gerry, era impossibile non ricordare il lavoro di Winfried e Suor Ulrike in quel quartiere di migranti e rifugiati alla periferia di Bochum. Sembra che ci sia un’intuizione comune nella costruzione della pace: basta essere lì.

Grazie, Gerry…e

Dan e Ed e Noel e Claire e Paul e Brendan e Gerald e …

A presto,

Teresa Ascensão & José Silva Oliveira
Laici Missionari del Santissimo Redentore

(puoi seguire il nostro blog in: http://www.cssr.news/italian/cssr-intorno-al-mondo/)

 

Print Friendly, PDF & Email